BIOCHIMICA BIOLOGIA E GENETICA

I docenti della Sezione di Biochimica, Biologia e Genetica si occupano di ricerca nell’ambito della biologia, della genetica, della biochimica applicata, dell’enzimologia, e delle biotecnologie biochimiche, e svolgono attività di didattica nei corsi di laurea delle Facoltà di Medicina e Chirurgia, Scienze, Biologia e Farmacia.


Responsabile: Prof. Renato Robledo

CITOMORFOLOGIA

I docenti della Sezione di Citomorfologia si occupano di ricerca nell’ambito delle scienze morfologiche e molecolari di cellule e tessuti in condizioni normali, in modelli sperimentali e in condizioni patologiche. Essi svolgono attività didattiche e di alta formazione nei corsi di laurea delle Facoltà di Medicina e Chirurgia, Biologia e Farmacia, Ingegneria e Architettura, e corsi di laurea inter-Facoltà, nei Dottorati di Ricerca in Scienze Morfologiche e Funzionali e in Ingegneria Biomedica, e in numerose scuole di specializzazione mediche e dei servizi.

Responsabile: Prof. Marina Quartu

FISIOLOGIA

Istituti Biologici, Cagliari
I docenti della Sezione di Fisiologia si occupano di ricerca in diversi ambiti della Fisiologia tra cui la neurofisiologia, la nutrizione, il metabolismo, la fisiologia sensoriale, la fisiologia muscolare e cardiocircolatoria, con approcci biomolecolari, elettrofisiologici, e comportamentali su diversi modelli sperimentali in condizioni fisiologiche e in patologiche. Essi svolgono attività didattiche e di alta formazione nei corsi di laurea delle Facoltà di Medicina e Chirurgia, Biologia e Farmacia, Ingegneria e Architettura e nei Dottorati di Ricerca in Scienze Morfologiche e Funzionali.


Responsabile: Prof.ssa Iole Tomassini Barbarossa

MICROBIOLOGIA E VIROLOGIA

L’attuale Sezione di Microbiologia e Virologia è formata da docenti che afferivano per le attività didattiche a diverse Facoltà. Il gruppo di docenti proveniente da Scienze Biologiche coordinato da Paolo La Colla ha indirizzato i suoi interessi scientifici sulla Virologia Generale e sui farmaci antivirali, nonchè su Microbiologia Ambientale e Biotecnologie; quello proveniente da Farmacia, coordinato da Raffaello Pompei, si è dedicato prevalentemente allo studio di farmaci antimicrobici, alle Biotecnologie Biomediche ed Ambientali e alla Epidemiologia Molecolare di infezioni batteriche e virali; il gruppo di Microbiologia Medica, coordinato da Aldo Manzin, svolge la propria attività scientifica prevalentemente nel campo della Microbiologia e Virologia Clinica.
I docenti della Sezione di Microbiologia e Virologia svolgono attività di didattica e alta formazione nei corsi di laurea delle Facoltà di Medicina e Chirurgia, Farmacia e Biologia, nella Scuola di Specializzazione in Microbiologia e Microbiologia Clinica, nel Dottorato in Ricerca e Sviluppo di Farmaci Antinfettivi e nel Dottorato in Microbiologia e Microbiologia Clinica in collaborazione con l’Università Cattolica di Roma.

Responsabile: Prof. Raffaello Pompei

NEUROPSICOFARMACOLOGIA

I docenti della sezione di Neuropsicofarmacologia svolgono le loro attività di ricerca nell’ambito dei farmaci attivi sul sistema nervoso centrale con un approccio combinato che associa la valutazione comportamentale alle modificazioni biochimiche nel cervello. La ricerca si focalizza sullo studio della dopamina e dell’interazione con altri neurotrasmettitori e neuromodulatori (noradrenalina, serotonina, adenosina, orexina, endocannabinoidi). Di particolare rilievo gli studi riguardanti le modificazioni del sistema mesolimbico e mesocorticale in seguito alla somministrazione di farmaci e sostanze d’abuso, ma anche il ruolo svolto da questi sistemi in risposta al cibo e agli stimoli ad essi condizionati. Gli effetti delle sostanze d’abuso di tipo amfetaminico insieme a tossine specifiche per i neuroni dopaminergici, sono inoltre valutati come induttori di processi neuroinfiammatori e neurodegenerativi correlati alla malattia di Parkinson. I docenti della sezione svolgono attività didattica e alta formazione nei corsi di Laurea di Farmacia, di CTF, di Tossicologia e nel Dottorato di Tossicologia e in diversi Master.

Responsabile: Prof. Micaela Morelli

PATOLOGIA

I docenti della Sezione di Patologia si occupano: di ricerca in oncologia (cancerogenesi epatica) con analisi di trascrittomica, miRNomica e metabolomica; di studiare il ruolo di meccanismi molecolari responsabili delle alterazioni lipidiche cellulari e plasmatiche nell’infiammazione, tumori e malattie degenerative; di approfondire la medicina rigenerativa nel fegato (terapia cellulare con l’utilizzo di cellule staminali e progenitrici; meccanismi di ripopolamento del fegato con cellule trapiantate) e svolgono attività di didattica e alta formazione nei corsi di laurea delle Facoltà di Medicina e Chirurgia, Farmacia e Biologia, e di Scienze della Formazione; nei Dottorati di Ricerca in Tossicologia e di R&S di Farmaci Anti-infettivi, nelle Scuole di Specializzazione in Patologia Clinica, Farmacologia Medica e in numerose altre Scuole di Specializzazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia di UNICA; nel Dottorato convenzionato in Medicina e Terapia Sperimentale, sede amministrativa di Torino.


Responsabile: Prof. Amedeo Columbano

NEUROSCIENZE E FARMACOLOGIA CLINICA

I docenti della Sezione di Neuroscienze e Farmacologia Clinica si occupano di ricerca nell’ambito delle neuroscienze di base e cliniche, della farmacologia di base e clinica, della farmaco-genetica e -genomica, e svolgono attività di didattica e alta formazione nei corsi di laurea delle Facoltà di Medicina e Chirurgia e di Scienze della Formazione, nel Dottorato di Ricerca in Neuroscienze e nelle Scuole di Specializzazione in Farmacologia Medica, Neuropsichiatria Infantile e numerose altre scuole di specializzazione mediche e dei servizi.


Responsabile: Prof. Marco Pistis

 

* Servizio informazione sul farmaco

Tutte le iniziative tendenti a favorire la formazione e l’informazione istituzionale sul buon uso dei farmaci sono importanti e necessarie sia per migliorare la qualità dell’assistenza sia per ottimizzare le risorse destinate al Servizio Sanitario. Sin dalla sua istituzione, la Sezione di Farmacologia Clinica, Dipartimento di Neuroscienze “B.B.Brodie” dell’Università di Cagliari, diretta dalla Prof.ssa Maria Del Zompo, si è sempre occupata di farmaci, del loro meccanismo d’azione, delle interazioni con altre sostanze, prestando particolare attenzione al loro corretto utilizzo. Per rispondere a tali obiettivi è stato istituito il “Servizio di Informazione sul Farmaco per la Comunicazione Istituzionale e Sicurezza dei Farmaci” che ha anche ricevuto un finanziamento dall’Assessorato alla Sanità della Regione Sardegna.
Il Servizio si pone i seguenti obiettivi:
Fornire un servizio indipendente e qualificato per migliorare le conoscenze sui farmaci dedicato agli operatori sanitari e ai cittadini.
Migliorare il percorso di diagnosi differenziale per la malattia da reazione avversa da farmaco (ADR) con l’intento di ridurre il numero di ADR prevedibili e/o prevenibili e dove possibile, personalizzare la terapia farmacologica.
Contribuire a migliorare il buon uso del farmaco contribuendo a razionalizzare le risorse.
Il raggiungimento di tali obiettivi prevede diverse iniziative tra cui:
l’implementazione della attività di Farmacologia di Consultazione, rivolta a medici, a specialisti, a reparti con discussione del caso clinico con i medici specialisti in Farmacologia Clinica.
la gestione di un sito Web www.farmaci-fc.it che tra le altre cose, si propone come strumento di diffusione e promozione della conoscenza dei problemi farmaco correlati. In particolare prevede diverse attività di informazione/formazione su diverse classi di farmaci stabilite di anno in anno.
l’attività di formazione e informazione rivolta ai medici.

* Stabulario

La Sezione di Neuroscienze del Dipartimento di Scienze Biomediche, dell’Università degli Studi di Cagliari, al fine di favorire la ricerca in “vivo” ha a disposizione uno Stabulario per il mantenimento e l’utilizzazione degli animali dai laboratorio. Esso ha lo scopo di sostenere l’attività scientifica dei ricercatori universitari permettendo di svolgere la ricerca “in vivo” in ottemperanza alle direttive CEE recepite nel DL 116/92 e successive modifiche. Gli spazi dello stabulario, circa 300 mq, sono organizzati in una zona per la permanenza degli animali e una zona per gli esperimenti comportamentali con annessa una sala chirurgica equipaggiata con un sistema di anestesia gassosa (isoflurano).
L’accesso è consentito esclusivamente al personale autorizzato. L’autorizzazione è prevista per tutto il personale universitario, strutturato o meno, che abbia interesse alla sperimentazione animale e abbia soddisfatto i requisiti di legge.
Si sottolinea che un accesso ristretto intende garantire un buon livello di igiene e pulizia dello Stabulario e diminuzione di tutti i rischi derivanti da operazioni svolte da personale non istruito. La restrizione personale è ampiamente ricompensata dall’eliminazione dei rischi suddetti e ricade positivamente sulla struttura intera e sui ricercatori.
E’ vietato l’accesso allo Stabulario delle donne in stato di gravidanza e nei successivi 7 mesi dopo il parto ai sensi del D.Lgs 151/2001 e normative connesse (l’operatrice deve immediatamente interrompere l’accesso allo Stabulario non appena accertato lo stato di gravidanza. Nel caso in cui la lavoratrice ometta di dichiarare il proprio stato e il Responsabile dello Stabulario venga a conoscenza della gravidanza ha l’obbligo di sospendere immediatamente l’accesso dell’interessata).
Lo Stabulario può ospitare animali per sperimentazioni di Ricercatori esterni alla Sezione di Neuroscienze del Dipartimento di Scienze Biomediche previo accertamento della disponibilità di spazi e personale, fermo restando il preventivo accertamento dei requisiti necessari per la sperimentazione animale, secondo la normativa vigente.
Benché si tratti di Stabulario a qualità microbiologica “convenzionale”, la stabulazione degli animali è oggetto di scrupolosa cura da parte del personale, onde limitare possibili fonti di organismi patogeni nei confronti degli stessi animali. Gli utenti sono pertanto tenuti a osservare e ad attuare le disposizioni igienico-sanitarie che di volta in volta possono essere previste sia nell’allevamento sia durante la sperimentazione.
Nel caso in cui l’utente debba lavorare all’interno dello Stabulario, è tenuto a indossare appositi camici.
In qualsiasi caso sia manipolato l’animale, è necessario indossare guanti monouso.
Al fine di garantire e mantenere la sicurezza degli operatori e la salute degli animali allevati e in ottemperanza con i Dlgs 116/92 Attuazione della direttiva n. 86/609/CEE e successive emanazioni in materia di protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali o ad altri fini scientifici viene programmato con cadenza annuale il monitoraggio ambientale e degli animali (mediante sentinelle) dello stabulario.
Il controllo delle condizioni igienico-sanitarie e il monitoraggio microbiologico e parassitologico verrà effettuato dal tecnico dello stabulario sotto lo stretto controllo del Veterinario e della sezione di Microbiologia del Dipartimento di Igiene e Sanità pubblica e/o Istituto Zooprofilattico.

Questionario e social

Condividi su: