UniCa Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali Ricerca Aree e settori Dettaglio Aree e settori L-ART/07 Musicologia e storia della musica

L-ART/07 Musicologia e storia della musica

L-ART/07 Musicologia e storia della musica

Il settore scientifico-disciplinare comprende gli studi relativi alla storia della musica, in quanto scienza e in quanto arte, dal mondo greco all'età moderna e contemporanea, con attenzione agli aspetti teorici, filosofici, filologici e critici, a quelli della notazione e della paleografia musicale, agli aspetti specifici del linguaggio musicale, agli strumenti musicali, ai rapporti fra la produzione musicale e gli altri settori delle arti, dalla poesia alle arti visive, a quelli industriali, psicologici e comunicativi, ai rapporti fra la produzione musicale e quelle poetiche e teatrali, alla conservazione dei beni culturali pertinenti alla musica e alla didattica relativa al settore.

A Cagliari …

La ricerca in Musicologia e Storia della musica condotta nel Dipartimento concerne principalmente la musica d’arte dei secoli ventesimo e ventunesimo. Un ambito è costituito dallo studio di specifici autori, quali Claude Debussy, Bruno Maderna, Pierre Boulez, Luigi Nono, György Ligeti, e di loro prodotti, indagati nell’ottica della filologia critica e dell’ermeneutica materiale, allestendone eventualmente l’edizione commentata o critica. Sono esaminate in particolare la genesi e la ricezione di opere e scritti, anche perseguendo l’approccio trasversale (temi di poetica, ricezione compositiva, poesia in musica) e la collaborazione interdisciplinare (storia istituzionale, arti in Sardegna dopo il 1945). Un altro ambito è definito dall'analisi dei fenomeni musicali più recenti e di come sia stata recepita e rielaborata dalle ultime generazioni di compositori l'eredità delle avanguardie storiche. Una particolare attenzione è rivolta ai fenomeni legati al teatro musicale nelle sue diverse declinazioni, soprattutto alle composizioni che includono soluzioni multimediali e performative come parte integrante del processo compositivo. Analizzando lavori di compositori come Stefan Prins o Simon Steen-Andersen emerge una dimensione della percezione non più solo acustica, ma intesa come esperienza sensoriale complessiva, che introduce elementi visivi e interattivi, capaci di integrare nella performance musicale istanze sociali e politiche.

Afferenti al SSD

Paolo Dal Molin

Gianluigi Mattietti

Questionario e social

Condividi su: