Insegnamenti

Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
GIORGIO MARIO PEGHIN (Tit.)
Periodo
Annuale 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[80/71]  SCIENZE DELL'ARCHITETTURA [71/00 - Ord. 2017]  PERCORSO COMUNE 10 100

Obiettivi

Il Laboratorio Integrato costituisce il cuore dell’attività didattica del primo anno di studi in Scienze dell’Architettura ed unisce i moduli di Composizione Architettonica 1 e di Architettura Tecnica 1, discipline che definiscono i fondamenti del progetto di architettura e della sua costruzione.
Il percorso didattico si svolge attraverso l'approfondimento degli aspetti concettuali e ideativi dello spazio architettonico, la questione tipologica, le relazioni con il contesto e la cultura, la coerenza tra forma e costruzione.

Prerequisiti

La storia dell’architettura moderna, almeno nel contributo dei maestri e dei movimenti più importanti, è una conoscenza preliminare utile per inquadrare gli argomenti teorici e progettuali, ma la stessa sarà richiamata nel corso delle lezioni teoriche come riferimento costante del progetto.
L’esercitazione progettuale richiede una conoscenza preliminare del disegno tecnico ed architettonico, appreso attraverso diffusi manuali di disegno e progettazione che vengono indicati in bibliografia.

Contenuti

Il laboratorio del primo anno si occupa del progetto della casa: il suo dimensionamento, la messa in forma, la disposizione, la caratterizzazione degli spazi funzionali e delle relazioni che l’architettura intrattiene con il luogo. Questo tema progettuale consiste nell’elaborare una casa, un edificio o un quartiere inseriti in un contesto urbano o rurale. Il progetto è sempre preceduto da uno studio del sito e da una riflessione sulle relazioni tra l’architettura, la tipologia ed il luogo, le modalità di aggregazione del tipo e i legami fra il nuovo intervento e il sistema delle preesistenze.
Il modulo di Composizione Architettonica sviluppa gli aspetti progettuali, studiando le soluzioni tipologiche, gli aspetti formali e il relativo sistema di coerenza con gli aspetti della costruzione. Nel progetto viene posta particolare attenzione per il problema dell'accessibilità, della sostenibilità, della coerenza ecosistema, tematiche integrate nella forma architettonica.

Metodi Didattici

Il corso si articola in lezioni, seminari e due esercitazioni per un totale 10 CFR corrispondenti a 100 ore
Le lezioni sono basate sui contenuti fondativi della composizione architettonica e sull'analisi di opere e architetti presi a riferimento per il progetto. Tra questi, il concetto di tipo architettonico, alla base dell'apprendimento, e le fasi storico evolutive della forma della casa e l’evoluzione tecnico-costruttiva, con una panoramica sui principi della costruzione.
Seminari e conferenze integrano e approfondiscono argomenti monografici e tematici sul progetto.
Le esercitazioni sono:
- prima esercitazione (Lavoro individuale); studio di un progetto di abitazione (casa collettiva o individuale) scelto tra una selezione critica di opere dell’architettura moderna e contemporanea. Lo studente dovrà produrre una o più tavole contenente piante, prospetti, sezioni e assonometrie o prospettive significative che rappresentino l’edificio ed una relazione che metta in evidenza l’analisi critica degli elementi spaziali e compositivi (tipo architettonico, modulo spaziale, ecc.) e delle caratteristiche tecniche e costruttive (casa in pietra, in cemento, in acciaio, ecc.). Lo svolgimento di questa attività sarà concentrato nelle prime due settimane.
- seconda esercitazione (Lavoro di gruppo, due persone) consiste nel progetto architettonico della casa. Il progetto sarà preceduto da uno studio sul luogo e dovrà elaborare la tipologia, le modalità di aggregazione, i legami fra il nuovo intervento e le preesistenze. Verranno forniti materiali e precisazioni ulteriori su questa esercitazione. Alla fine del semestre sarà organizzato un workshop di progettazione con esposizione dei lavori.
Tale esercitazione sarà sviluppata nel secondo semestre.
Alla conclusione dei due semestri lo studente avrà prodotto tutti gli elaborati necessari per la definizione del progetto (tavole tipologiche e costruttive, modelli, relazioni).
Per soddisfare esigenze didattiche specifiche connesse alla situazione epidemiologica, è prevista la possibilità di lezioni in diretta streaming o registrazioni delle stesse disponibili on-line. Inoltre, le esercitazioni potranno essere svolte mediante forme di interazione a distanza con i supporti informatici disponibili.

Verifica dell'apprendimento

L’esame finale consiste in una discussione sulle esercitazioni e sul lavoro di progetto svolti durante l’anno, nella verifica della conoscenza critica degli argomenti trattati nel corso e nello studio dei testi indicati in bibliografia.
Poiché la situazione epidemiologica è in continuo divenire, le esercitazioni potranno essere sostituite da modalità di verifica differenti: lavori individuali o di gruppo (tesine), colloqui orali mediante ausili informatici (Teams, etc.).

Testi

Bibliografia modulo composizione architettonica 1
Martì Arìs C., Le variazioni dell’identità. Il tipo in architettura, Città Studi, Milano 1990
Monestiroli A., La metopa e il triglifo. Nove lezioni di architettura, Laterza, Roma-Bari 2002.
Vacchini L., Capolavori. 12 architetture fondamentali di tutti i tempi, Torino 2007.
Venezia F., La natura poetica dell’architettura, Giavedoni editore, Pordenone 2010
Campo Baeza A., L'idea costruita, Letteraventidue, Siracusa 2012
Messina B., Spazi domestici del XX secolo, Letteraventidue, Siracusa 2008
P.A. Croset, G. Peghin, L. Snozzi, Dialogo sull’insegnamento dell’architettura, Letteraventidue, Siracusa 2016
Frampton K., Storia dell’architettura moderna, Bologna 1982
Dispensa del Modulo di Composizione Architettonica 1

Bibliografia laboratorio
Neufert E., Enciclopedia pratica per progettare e costruire, Hoepli, Milano 1999 (ed. orig. ted. 1936)
Ridolfi M. et al., Manuale dell’Architetto, C.N.R., Roma 1953 (rist. 1985)
Cellini F., Manualetto, Cluva, Venezia 1991, (rist. Città Studi, Milano 1996)
Docci M., Manuale di disegno architettonico, Laterza, Bari 1990

Altre indicazioni bibliografiche relative ad argomenti specifici verranno fornite durante l’anno

Altre Informazioni

I materiali necessari per il progetto (cartografie, indicazioni progettuali, programmi specifici, ecc.) verranno distribuiti durante le esercitazioni. Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno segnalate ad integrazione delle lezioni e delle esercitazioni.

Questionario e social

Condividi su: