Insegnamenti

Seleziona l'Anno Accademico:     2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022 2022/2023
Docente
PIER FRANCESCO CHERCHI (Tit.)
Periodo
Annuale 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[80/71]  SCIENZE DELL'ARCHITETTURA [71/00 - Ord. 2017]  PERCORSO COMUNE 15 150

Obiettivi

Il laboratorio è composto da due moduli: uno di Composizione (primo semestre) e uno di Costruzione (secondo semestre). Nel primo sarà affrontato il progetto di un edificio di medie dimensioni fino alla fase preliminare mentre nel secondo se ne approfondiranno fino alla scala esecutiva gli aspetti costruttivi.

Il modulo di composizione è uno spazio di lavoro, ricerca e critica sull’attività di progetto, sull’architettura come esperienza pratica e come fatto di cultura. Al II anno della sua formazione lo studente riprende il percorso di conoscenza e attività progettuale inaugurato l’anno precedente: date per acquisite le nozioni di base della composizione e della rappresentazione, si intende ora guidarlo verso una maturazione ulteriore dei propri strumenti operativi e un approfondimento dei temi formali e teorici della disciplina. Sono perciò indicati alcuni argomenti generali che saranno oggetto di studio durante il laboratorio, sia nell’attività di progetto, sia attraverso letture e seminari. Sono temi che corrispondono a questioni cardine dell’esperienza storica dell’architettura e del dibattito contemporaneo.

L’obbiettivo è quello di incoraggiare un primo passo che dalle conoscenze elementari sull’architettura muova verso una sua immagine più complessa, in cui comincino a delinearsi punti di vista diversi e linee di ricerca alternative. E ciò sia in riferimento alla cultura architettonica attuale, sia in una prospettiva di maggiore profondità e lunga durata: cioè in rapporto dialettico con le esperienze della prima modernità e le tradizioni storiche della disciplina. Lo studente sarò stimolato nell'acquisire una coscienza dell’architettura come una cultura di ampio respiro, di cui sentirsi eredi responsabili e interpreti pieni di immaginazione, guardandola al di là di riduzioni manualistiche e rigidezze ideologiche.

Il modulo di costruzione dell'architettura si propone di fornire allo studente un contributo formativo e di ricerca, finalizzato all'acquisizione degli strumenti culturali ed operativi necessari ad esprimere specifiche competenze professionali. Si guiderà lo studente nell'acquisizione della conoscenza di metodi e strumenti necessari alla comprensione del progetto di costruzione attraverso l’individuazione degli elementi logici e fisici, distinti e organizzati, che ne costituiscono la finalizzazione, la formazione, l’evoluzione storica, e ne favoriscono la fattibilità studiando e ripercorrendo nel progetto di architettura le relazione fra i materiali, tecniche e procedimenti di produzione in fabbrica, in officina, in cantiere di volta in volta a disposizione dell’architetto, di modo tale che lo studente possa esercitarsi a determinare soluzioni costruttive tecnicamente appropriate in rapporto all’ambiente, alla configurazione dell’assetto spaziale dell’organismo edilizio in relazione dei sistemi usati e dei materiali impiegati. L'obiettivo è quindi far acquisire metodologie e principi teorici attraverso cui determinare e organizzare esecutivamente le differenti tecniche costruttive.

Prerequisiti

Il laboratorio, come seconda fase di un corso di studi triennale, considererà acquisite al primo anno le nozioni di base della progettazione e della rappresentazione, oltre alle conoscenze elementari del sistema edilizio, della statica, della storia dell'architettura moderna.
E' preferibile aver superato l'esame del corso Laboratorio Integrato di Progetto e Costruzione 1.

Contenuti

Al centro della didattica sarà il lavoro di progettazione rappresentato da un'unica esercitazione progettuale articolata in più fasi: gli esercizi propedeutici e le lezioni teoriche saranno incentrati sul tema e sui luoghi di progetto. Ogni incontro sarà anticipato da comunicazioni del professore o di docenti invitati. Nozioni teoriche e informazioni pratiche sono intese ad integrare e dare la necessaria prospettiva di cultura all’attività di progetto.
ll corso è organizzato intorno alla riflessione su alcuni temi di studio generali che guideranno il lavoro di progettazione e saranno dibattuti in aula durante le lezioni teoriche e nell’ambito di seminari. Alcuni momenti chiave nel lavoro di progetto saranno individuati e proposti alla riflessione degli studenti sia nel loro esercizio pratico, sia nella prospettiva del dibattito teorico contemporaneo.

Metodi Didattici

Il lavoro di progettazione sarà scandito per fasi corrispondenti a presentazioni intermedie, fissate all’inizio del corso. Si tratterà di giornate seminariali, in cui ogni gruppo presenterà l'avanzamento del proprio lavoro e in cui si discuterà insieme con l’intenzione di animare un dibattito - anche per contrapposizione serrata di diversi punti di vista - sempre guardando alle linee di ricerca generali fissate dal tema e dal programma di progetto.

Verifica dell'apprendimento

La valutazione finale del Laboratorio sarà la media tra la valutazione della consegna del primo semestre (Modulo di Composizione, lavoro in gruppo) e quella del secondo (Modulo di Costruzione)
La valutazione del lavoro di composizione isi baserà su criteri prestabiliti e che si ritiene utile esplicitare già all’avvio del corso: questo aiuterà lo studente a orientare e gestire l’attività di laboratorio nella maniera più efficace di modo da redigere un progetto completo e pienamente soddisfacente e ottenere il riconoscimento adeguato alla qualità lavoro svolto.
I criteri di valutazione saranno:
1. qualità e continuità della partecipazione all’attività didattica
2. chiarezza e espressività della concezione del progetto
3. coerenza e immaginazione nello sviluppo della composizione
4. sensibilità ed efficacia della relazione del progetto con il luogo in cui si insedia
5. autonomia e capacità critica nello sviluppo del lavoro di progetto.
6. qualità della presentazione e della restituzione grafica

La valutazione sarà data al progetto e pertanto sarà unica per tutti i membri del gruppo. Variazioni potranno avvenire in rapporto con i risultati delle attività teoriche, che invece sono valutate singolarmente.

Testi

Si propone una selezione di testi, scritti teorici di orientamento e strumenti operativi, che definiscono la fisionomia del laboraotrio. Questa bibliografia è intesa come "lavoro in corso", ulteriori riferimenti potrebbero essere aggiunti nel corso del laboratorio. In tal senso i consigli degli studenti sono accolti e incoraggiati.

>> Testi proposti per la discussione durante i seminari teorici:
1. Giorgio Grassi, Questioni di progettazione in “Scritti Scelti”, p.226-233, Franco Angeli, 2000 (pubblicato con il titolo “Befreite, nicht gesuchte Form. Zum Problem architektonischen Entwefens”, in Daidalos 7, numero monografico Uber Ordnung and Unordnung, mar 1983 e in Schweger/scheneider/Meyer, - Architektur-konzepte der Genenwart, Stuttgart, 1983).
2. Louis Kahn, Form and design, in “Achitectural Design” aprile 1961; trad. It. Forma e progetto, in Architettura è, a cura di Maria Bonaiti, Electa, Milano 2002
3. Vittorio Gregotti, Modificazione, in Casabella gennaio-febbraio 1994, 498-499,
4. Bruno Pedretti, La funzione in un mondo di finzione, in Riuso del Patrimonio Architettonico, Bruno Reichlin e Bruno Pedretti, Mendrisio Academy Press
5. Giorgio Grassi, Il carattere degli edifici, in “Casabella”, n. 722, aprile 2004
6. Rafael Moneo, Sul concetto di arbitrarietà in architettura. in “Casabella” n°735, Luglio Agosto 2005.

>> bibliografia essenziale di riferimento
Le Corbusier, Verso un'architettura, Longanesi
A. Loos, Architettura (1910), in Parole nel vuoto, Milano, Adelphi 1996, pp.241-256
Antonio Monestiroli, La metopa e il triglifo. Nove lezioni di architettura, Laterza, 2002, Milano
R. Koolhaas, Delirous New York, Electa 1978
R. Venturi, Learning from Las Vegas, Quodlibet 1978

>> Sul tipo, la forma e il luogo in architettura
K. Frampton, Luogo, Forma, Identità Culturale, in “Domus”, N. 673, Giugno 1986
C. M. Arìs, Le variazioni dell'identità, il tipo di architetta
G. Grassi, Scritti Scelti 1965-1999, Franco Angeli, Milano 1999

Riferimenti bibliografici per l'approfondimento degli argomenti trattati nelle lezioni e dei temi delle esercitazioni di progetto saranno forniti dal docente durante il corsoo svolgimento delle attività didattiche.

Altre Informazioni

E' messo a disposizione uno spazio web, organizzato sotto forma di blog, nel quale gli studenti possono accedere a tutte le informazioni sulla organizzazione delle attività, scaricare i materiali didattici quali lezioni, immagini e disegni di base, nonché essere costantemente informati sulle comunicazioni del docente.
Le modalità di accesso sono comunicate il giorno della prima lezione.

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie