Insegnamenti

Seleziona l'Anno Accademico:     2015/2016 2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021
Docente
ANNA CHERCHI (Tit.)
Periodo
Primo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[60/56]  BIOTECNOLOGIE INDUSTRIALI [60/56-00 - Ord. 2014]  PERCORSO COMUNE 6 48

Obiettivi

Il corso si propone di fornire agli studenti le conoscenze utili per comprendere ed utilizzare gli strumenti
normativi e tecnici relativi alla qualità nei suoi molteplici aspetti. Vengono messe in evidenza le prestazioni
ambientali di prodotti e servizi e gli strumenti volontari per la tutela della qualità e della salvaguardia
dell’ambiente. Uno spazio importante viene poi riservato alla qualità dei prodotti alimentari, alla tutela della
sicurezza alimentare, ai prodotti agroalimentari tipici, con particolare riferimento alle produzioni tradizionali
della Sardegna.

Prerequisiti

Non ci sono prerequisiti.

Contenuti

La normazione, la qualità e la certificazione
La Normazione: norme tecniche e regole tecniche. Gli Enti di Normazione e di Accreditamento. Gli Organismi di Certificazione. La certificazione della qualità. Il Sistema di Gestione per la Qualità: le norme UNI EN ISO 9000. La certificazione di prodotto (obbligatoria, volontaria e regolamentata). La Marcatura CE: il Nuovo Approccio e le Norme Armonizzate. Il marchio europeo di qualità Keymark.


Gli alimenti
I principi nutritivi. La conservazione e l’imballaggio degli alimenti. L’etichettatura dei prodotti alimentari. Le frodi alimentari. Le acque destinate al consumo umano. La tutela dei prodotti agroalimentari attraverso i marchi di qualità comunitari. La tutela della sicurezza alimentare e l’autocontrollo igienico-sanitario (Sistema HACCP).

L’ambiente
L’analisi del ciclo di vita di un prodotto (LCA). Lo sviluppo sostenibile. Gli strumenti volontari per la protezione dell’ambiente: i marchi ecologici (Ecolabel, EPD) e il Sistema di Gestione Ambientale (Norma UNI EN ISO 14001 e Regolamento EMAS).

Metodi Didattici

Lezioni frontali.

Verifica dell'apprendimento

Esame orale.
1. Obiettivi da verificare: acquisizione di nozioni correlate, generali e basilari, dettagliate e specifiche; integrazione logica delle nozioni acquisite, loro comprensione e interpretazione; capacità di sviluppare le conoscenze acquisite per il prosieguo degli studi o per il lavoro e la professione.
2. Modalità: l’esame è individuale. Dal generale al particolare, dai concetti basilari agli aspetti piú specifici e particolari dell’argomento.
3. Giudizio finale: il voto finale tiene conto di vari fattori, quali appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze e delle competenze, capacità espressiva con utilizzo appropriato del linguaggio tecnico, capacità logiche e consequenzialità nel raccordo dei contenuti, capacità di sintesi.
Qualità relazionali: disponibilità allo scambio e all’interazione con il docente durante il colloquio.
Qualità personali: spirito critico e capacità di autovalutazione.
Il giudizio può quindi essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30): il candidato conosce poche nozioni a livello superficiale, e mostra molte lacune. Capacità espressive modeste, ma sufficienti a sostenere un dialogo coerente; capacità logiche e di raccordo concettuale elementari; scarsa capacità di sintesi; scarsa interazione con il docente durate il colloquio.
b) Discreto (da 21 a 23): il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive più che sufficienti; accettabile padronanza del linguaggio tecnico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità e più che sufficiente capacità di sintesi.
c) Buono (da 24 a 26): il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio tecnico, capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili e buona capacità di sintesi.
d) Ottimo (da 27 a 29): il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio, con notevole capacità dialogica, buona competenza e elevate capacità di sintesi.
e) Eccellente (30): il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio tecnico; ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi, ottima capacità di sintesi.
La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, che mostrano eccezionale padronanza della materia e brillanti capacità espositive e interattive.

Testi

Appunti di Teoria e tecnica della qualità, a cura di Lorenzo Spanedda, Prima Edizione, Settembre 2015.

Questionario e social

Condividi su: