UniCa Biotecnologie Corso Informazioni sul corso

Informazioni sul corso

Seleziona l'Anno Accademico:     2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022 2022/2023
Ordinamento
BIOTECNOLOGIE  
Durata
3   Anni  
Crediti
180  
Tipo di Corso
Corso di Laurea  
Normativa
D.M. 270/2004  
Classe di Laurea
L-2 - Classe delle lauree in Biotecnologie
Sedi Didattiche
Cagliari - Università degli Studi 
Sito del Corso
Accedi alla pagina web del Corso 
Elenco Insegnamenti per Percorso/Curriculum
Farmaceutico - Ordinamento 2018
Industriale e Ambientale - Ordinamento 2018
PERCORSO COMUNE - Ordinamento 2018


Requisiti di accesso


Titoli
 
Un'opzione a scelta tra le seguenti
1. - Titolo di Scuola Superiore - in ipotesi
2. - Titolo straniero


Coordinatore
SERGIO MURGIA
murgias@unica.it


Date e Scadenze


Leggi il Manifesto generale degli studi

Contribuzione studentesca


Leggi il Regolamento contribuzione studentesca

Tassa per la partecipazione ai test di ammissione ai Corsi di studio Euro 23,05
Studenti in corso - Contributo onnicomprensivo annuale da Euro 319,30 a Euro 2.978,50 in funzione dell'ISEE e dei CFU acquisiti
Studenti fuori corso - Contributo onnicomprensivo annuale da Euro 335,27 a Euro 4.567,75 in funzione dell'ISEE, dell'anno di fuori corso e dei CFU acquisiti
Imposta di bollo Euro 16
Tassa regionale ERSU per reddito complessivo familiare superiore a Euro 25.000 Euro 140
Sono previsti esoneri totali dal pagamento delle tasse o parziali (contributo calmierato e riduzioni), indicati nel Regolamento contribuzione studentesca che è opportuno consultare.

Informazioni generali


Status professionale conferito dal titolo

Tecnico di Laboratorio Biochimico
Il laureato in Biotecnologie, anche in funzione del Curriculum prescelto, opera in ruolo tecnico operativo nei laboratori biomedici pubblici e privati, nei laboratori per analisi e controllo della qualità in ambito farmaceutico e biofarmaceutico, nelle aziende produttrici di reagenti e apparati diagnostici di laboratorio, nei laboratori di ricerca pubblici e privati negli ambiti biologici, biomedici, (bio)farmaceutici.

Tecnico dei prodotti alimentari
Il laureato in Biotecnologie può assumere funzioni tecniche e di assistenza agli specialisti per la gestione e il controllo della qualità nelle attività di produzione e conservazione dei prodotti alimentari, dalle materie prime, agli impianti, ai processi, ai prodotti finiti. Può pertanto operare nelle industrie alimentari, aziende ed Enti affini, pubblici e privati.

Tecnico del controllo ambientale
Il laureato in Biotecnologie opera collaborando in qualità di tecnico per risolvere problematiche di tipo ambientale. Ciò può avvenire all'interno di industrie produttive, oppure in enti di controllo e aziende dedicate al biorisanamento.

Tecnici della raccolta e trattamento dei rifiuti e della bonifica ambientale
Il laureato in Biotecnologie può operare con mansioni tecniche nei campi del trattamento, smaltimento, riutilizzo di rifiuti industriali, agricoli, urbani. Pertanto può trovare occupazione come consulente e collaboratore di aziende produttrici di rifiuti, ma anche in aziende che si occupano del trattamento di rifiuti provenienti da contesti industriali, agricoli, e civili, come pure presso enti pubblici e privati che si occupino di prevenzione, trattamento, e controllo nei medesimi ambiti.

Biologo Junior
Gli sbocchi occupazionali per il Biologo junior, laureato in Biotecnologie, sono negli ambiti analitici biologico, biotecnologico, ambientale, alimentare, presso strutture aziendali e di controllo pubbliche e private. I settori sono quelli bio-sanitario, citologico e istologico, microbiologico-virologico, biochimico, biomolecolare e genetico, cosmetologico, dell'igiene/sicurezza/qualità.

Agrotecnico laureato
Il laureato in Biotecnologie iscritto al Collegio o all'Ordine di cui sopra offre le proprie competenze a favore delle aziende agricole, dei gestori pubblici e privati, dei gestori di parchi e giardini. Si occupa anche delle produzioni vegetali e della loro difesa, e della valorizzazione dei prodotti agricoli.

Biotecnologo junior
Il Biotecnologo junior può trovare occupazione in tutte le aziende che si occupano di biotrasformazione di materie prime e prodotti destinati al consumo alimentare umano e animale, di detergenti, biolubrificanti, biocarburanti. Può anche trovare occupazione in aziende farmaceutiche, per la produzione e validazione di biofarmaci, e in laboratori per analisi biomediche. Può trovare occupazione in aziende pubbliche o private dedicate al trattamento e smaltimento di rifiuti urbani, industriali, e agricoli. Inoltre può applicarsi presso aziende private oppure enti pubblici dedicati al controllo di qualità e sicurezza delle bioproduzioni. Il Biotecnologo junior possiede gli strumenti culturali di base e applicativi per essere in prima persona imprenditore in aziende biotecnologiche.

Caratteristiche prova finale

Obiettivo della prova finale è quello di verificare la capacità del laureando di esporre e di discutere un argomento di carattere biotecnologico con chiarezza e padronanza.
La prova finale consiste nella presentazione e discussione di una relazione scritta sull'attività di tirocinio che dovrà essere svolto di norma, sulla base di apposite convenzioni, presso industrie, aziende ed enti italiani o esteri, presso Enti pubblici o privati di ricerca o, in alternativa, dietro motivata richiesta, presso un laboratorio di ricerca dell'Università di Cagliari o di altre Università italiane o straniere, sotto la guida di un Docente del CdS di Biotecnologie.
I laureandi sono tenuti a presentare un breve riassunto in italiano e in inglese del lavoro di tesi.
Almeno una copia della dissertazione scritta dovrà essere in lingua italiana, ulteriori copie potranno essere in lingua inglese.

Conoscenze richieste per l'accesso

Per l'accesso al Corso di Laurea è richiesto il possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo conseguito all'estero, riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente.
Vengono inoltre richieste conoscenze basilari di: Matematica, Fisica, Chimica, Biologia e Inglese secondo quanto concordato su base nazionale.
Il Regolamento didattico del corso di studio definisce le modalità di accertamento di tali conoscenze, l'eventuale assegnazione di obblighi formativi aggiuntivi e le modalità di svolgimento delle attività di recupero.

Lingua/e ufficiali di insegnamento e di accertamento della preparazione

ITALIANO

Sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati

Tecnico di Laboratorio Biochimico
Il laureato in Biotecnologie, anche in funzione del Curriculum prescelto, opera in ruolo tecnico operativo nei laboratori biomedici pubblici e privati, nei laboratori per analisi e controllo della qualità in ambito farmaceutico e biofarmaceutico, nelle aziende produttrici di reagenti e apparati diagnostici di laboratorio, nei laboratori di ricerca pubblici e privati negli ambiti biologici, biomedici, (bio)farmaceutici.

Tecnico dei prodotti alimentari
Il laureato in Biotecnologie può assumere funzioni tecniche e di assistenza agli specialisti per la gestione e il controllo della qualità nelle attività di produzione e conservazione dei prodotti alimentari, dalle materie prime, agli impianti, ai processi, ai prodotti finiti. Può pertanto operare nelle industrie alimentari, aziende ed Enti affini, pubblici e privati.

Tecnico del controllo ambientale
Il laureato in Biotecnologie opera collaborando in qualità di tecnico per risolvere problematiche di tipo ambientale. Ciò può avvenire all'interno di industrie produttive, oppure in enti di controllo e aziende dedicate al biorisanamento.

Tecnici della raccolta e trattamento dei rifiuti e della bonifica ambientale
Il laureato in Biotecnologie può operare con mansioni tecniche nei campi del trattamento, smaltimento, riutilizzo di rifiuti industriali, agricoli, urbani. Pertanto può trovare occupazione come consulente e collaboratore di aziende produttrici di rifiuti, ma anche in aziende che si occupano del trattamento di rifiuti provenienti da contesti industriali, agricoli, e civili, come pure presso enti pubblici e privati che si occupino di prevenzione, trattamento, e controllo nei medesimi ambiti.

Biologo Junior
Gli sbocchi occupazionali per il Biologo junior, laureato in Biotecnologie, sono negli ambiti analitici biologico, biotecnologico, ambientale, alimentare, presso strutture aziendali e di controllo pubbliche e private. I settori sono quelli bio-sanitario, citologico e istologico, microbiologico-virologico, biochimico, biomolecolare e genetico, cosmetologico, dell'igiene/sicurezza/qualità.

Agrotecnico laureato
Il laureato in Biotecnologie iscritto al Collegio o all'Ordine di cui sopra offre le proprie competenze a favore delle aziende agricole, dei gestori pubblici e privati, dei gestori di parchi e giardini. Si occupa anche delle produzioni vegetali e della loro difesa, e della valorizzazione dei prodotti agricoli.

Biotecnologo junior
Il Biotecnologo junior può trovare occupazione in tutte le aziende che si occupano di biotrasformazione di materie prime e prodotti destinati al consumo alimentare umano e animale, di detergenti, biolubrificanti, biocarburanti. Può anche trovare occupazione in aziende farmaceutiche, per la produzione e validazione di biofarmaci, e in laboratori per analisi biomediche. Può trovare occupazione in aziende pubbliche o private dedicate al trattamento e smaltimento di rifiuti urbani, industriali, e agricoli. Inoltre può applicarsi presso aziende private oppure enti pubblici dedicati al controllo di qualità e sicurezza delle bioproduzioni. Il Biotecnologo junior possiede gli strumenti culturali di base e applicativi per essere in prima persona imprenditore in aziende biotecnologiche.

Conoscenza e comprensione

Area Generica
Acquisizione dei fondamenti di matematica, fisica, chimica generale, organica, industriale; acquisizione di competenze applicative nel contesto multidisciplinare delle biotecnologie; comprensione degli aspetti sperimentali ed applicativi a livello molecolare di analisi e di ricerca applicata alle biotecnologie mediante lezioni teoriche sulle discipline di base, caratterizzanti e affini ed integrative relative:

- ai fondamenti di chimica, matematica, e fisica e agli aspetti cellulari, morfologici/funzionali, chimici/biochimici;

- alla biologia dei microrganismi e degli organismi animali e vegetali; agli aspetti biochimici, cellulari/molecolari, morfologici/funzionali, evoluzionistici, ecologico-ambientali;

- ai meccanismi relativi alla trasmissione della informazione genetica e alla riproduzione.

Il conseguimento di queste conoscenze e capacità di comprensione avverrà:

i) mediante attività frontali e di laboratorio previste dagli insegnamenti compresi nel regolamento didattico del corso di studio;

ii) mediante attività di tutoraggio e orientamento da parte del corpo docente;

iii) mediante attività seminariali, intra o extra-curriculari su tematiche legate al settore biologico e biotecnologico. tenute da personalità scientifiche esterne.

Le modalità di valutazione del conseguimento dei risultati di apprendimento attesi si esplicheranno tramite le prove di esame scritte e/o orali previste per ogni singolo insegnamento. Il percorso formativo si conclude con la prova finale che prevede la stesura di un elaborato che illustrerà i risultati sperimentali ottenuti durante il periodo di tirocinio.




Discipline matematiche, fisiche, informatiche
Una conoscenza del calcolo vettoriale nel piano. Capacità di riconoscere e rappresentare le rette e le coniche. Nozioni fondamentali della Fisica classica. Conoscenza informatiche di base, sia teoriche che pratiche.

In particolare:

Matematica ed Elementi di Statistica
Elementi di base della geometria sul piano. Conoscenza del calcolo differenziale. Capacità di descrivere il grafico qualitativo di una funzione. Conoscenza delle funzioni statistiche elementari. Capacità di analisi dei dati sperimentali tramite gli strumenti statistici.

Fisica con Esercitazioni
Nozioni fondamentali degli elementi di meccanica ed elettromagnetismo.

Abilità Informatiche
Conoscenza di base, sia teoriche, sia pratiche, di: rappresentazione dei dati e delle informazioni all'interno di un calcolatore e loro codifica, architettura dei sistemi informatici ed elettronici, reti di calcolatori, sistemi operativi, applicativi software.

Le modalità di valutazione del conseguimento dei risultati di apprendimento attesi si esplicheranno tramite le prove di esame scritte e/o orali previste per ogni singolo insegnamento.

Discipline dell'area chimica
Conoscenze di base su: linguaggio chimico, capacità di scrivere e leggere formule chimiche, nomenclatura chimica, esecuzione di calcoli stechiometrici e di resa, stati di aggregazione della materia e sue trasformazioni, scambi energetici con l'ambiente, termodinamica chimica (spontaneità, equilibrio, cinetica, catalisi delle reazioni), correlazione tra struttura, proprietà fisiche e reattività, stereochimica, processi chimici e biotecnologici, compatibilità con l’ambiente.
La parte di laboratorio si propone di sviluppare le capacità di osservazione e analisi attraverso procedure sperimentali e di fornire le conoscenze di base su: comportamento in un laboratorio chimico, manualità di base nell’uso della vetreria e del reagentario, principali determinazioni e procedure analitiche, chimico-fisiche e di chimica organica.

In particolare:

Chimica Fisica con Laboratorio
Il corso consentirà di acquisire la conoscenza dei parametri che descrivono i vari stati di aggregazione della materia, le sue trasformazioni, gli scambi energetici con l'ambiente con particolare riferimento alle reazioni chimiche (spontaneità, equilibrio, cinetica, catalisi) Si propone inoltre di sviluppare le capacità di osservazione e analisi attraverso procedure sperimentali mirate alla determinazione di parametri chimico-fisici

Chimica Generale con Laboratorio
Uso appropriato del linguaggio chimico, scrittura e lettura delle formule dei composti, esecuzione di calcoli stechiometrici e correlazioni struttura proprietà.

Modulo di Chimica Industriale (Curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale)
Conoscenze di base attinenti la realizzazione e la conduzione dei processi chimici e biotecnologici applicati all’industria con richiami alle informazioni della chimica di base e informazioni su scelte economiche e sviluppo sostenibile e compatibile.

Chimica Organica con Laboratorio (curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale) e Chimica Organica (curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Conoscenze di base sulla nomenclatura, struttura e reattività dei diversi gruppi funzionali, sulla stereochimica, i composti naturali, i tensioattivi e gli zuccheri e, inoltre, di fornire la capacità di correlare struttura e proprietà fisiche dei composti organici.
Solo per I&A: comportamento in un laboratorio di chimica organica, manualità di base nell’uso della vetreria e del reagentario e principali procedure per la sintesi di prodotti semplici.

Chimica e Metodolologie Computazionali Farmaceutiche (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Introduzione alla chimica farmaceutica, classificazione dei farmaci. Principi attivi, eccipenti, preparazioni farmaceutiche. Chimica farmaceutica computazionale: progettazione di farmaci.

Biofarmaceutica e formulazione di farmaci biotecnologici (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Definizione e classificazione dei biofarmaci. Proprietà chimico-fisiche dei biofarmaci, eccipienti e formulazioni biofarmaceutiche. Farmaci biotecnologici. Elementi di normativa.

Le modalità di valutazione del conseguimento dei risultati di apprendimento attesi si esplicheranno tramite le prove di esame scritte e/o orali previste per ogni singolo insegnamento.

Discipline del settore biomolecolare e biotecnologico
Conoscenza basilare della chimica delle proteine, dei meccanismi biochimici che regolano le attività metaboliche cellulari e della biocatalisi, della genetica molecolare e di popolazione. Conoscnza della microbiologia con particolare riferimento alle interazioni tra microrganismi e ambiente. Solida conoscenza delle relative metodologie strumentali, con riferimento alle più comuni e utili tecniche di base, all’acquisiszione e all’elaborazione e interpretazione dei dati sperimentali.

In particolare:

Biochimica e Laboratorio di Biochimica
Conoscenza delle principali classi di composti d’interesse biologico, in specie quelli d’interesse biotecnologico, con particolare riguardo alla struttura e alla funzione proteica. Conoscenza delle principali vie metaboliche note e cenni sulla loro regolazione. Allosteria e meccanismi di azione e controllo dell’attività enzimatica. Conoscenza e applicazione di alcune tecniche di base per la purificazione e caratterizzazione di enzimi, e per la misurazione di attività enzimatiche: cromatografia, elettroforesi, spettrofotometria applicata.

Biologia Molecolare con Laboratorio
Conoscenza e applicazione dei concetti basilari della biologia molecolare e delle relative tecniche di laboratorio: acidi nucleici, DNA, RNA, replicazione, riparazione, ricombinazione, trascrizione, traduzione, sintesi proteica. Conoscenza di tecniche applicative come clonaggio, PCR, sequenziamento del DNA.

Genetica con Laboratorio
Conoscenza e comprensione dei meccanismi della trasmissione ereditaria e della ricombinazione genica, delle relazioni esistenti tra genotipo e fenotipo, dei meccanismi di controllo della espressione genica negli eucarioti, e delle basi molecolari della variabilità genetica.

Microbiologia con Laboratorio
Conoscenza dei concetti fondamentali sulla biologia della cellula procariotica e dei virus, inserendoli nel quadro di una scienza moderna e in continua evoluzione quale è la Microbiologia

Biotecnologie Microbiche e Igiene
Conoscenze su microrganismi produttori di metaboliti di interesse industriale, sulle principali produzioni, con particolare attenzione agli aspetti fisiologici e metabolici, e al miglioramento genetico dei ceppi con tecniche classiche. Conoscenza delle applicazioni di microrganismi selezionati nel campo del risanamento ambientale. Conoscenze pratiche: tecniche di isolamento ed arricchimento di microrganismi di interesse biotecnologico da campioni ambientali, ricerca di microrganismi produttori di metaboliti di interesse biotecnologico, ricerca di microrganismi estremofili.

Modulo di Enzimologia
Conoscenze di cinetica enzimatica classica e nuovi sviluppi, di enzimi di interesse industriale: idrolasi, glicanasi, lipasi, proteasi. Enzimi redox: emoenzimi, catalasi, perossidasi. Conoscenze applicative: studio cinetico di enzimi di interesse biotecnologico come catecolasi e lattasi.

Reattori Biologici con Laboratorio e Bioraffinerie con Laboratorio (solo per il curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale)
Il corso si propone di fornire le conoscenze di base teorico-pratiche sul funzionamento dei reattori biologici con esercitazioni in laboratorio sullo sviluppo di colture microbiche nei bioreattori agitati. Nel modulo di Bioraffinerie con Laboratorio si studieranno le applicazioni industriali al frazionamento e riutilizzo di biomasse.
Il settore del Corso d'insegnamento è cambiato da ING-IND/34 a ICAR/03 in quanto il settore precedente risulta non più rappresentato in Ateneo.

Le modalità di valutazione del conseguimento dei risultati di apprendimento attesi si esplicheranno tramite le prove di esame scritte e/o orali previste per ogni singolo insegnamento.


Discipline del settore biodiversità e ambiente
Conoscenze dei fondamenti di base sulla biologia animale e vegetale. Comprensione dei meccanismi evolutivi e delle strategie riproduttive.

In particolare:

Biologia Vegetale e Botanica Farmaceutica con Laboratorio (modulo 1) Zoologia Applicata con Laboratorio (modulo 2) (solo per il curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale)
Conoscenza di base dei fondamenti di biologia evolutiva e riproduttiva dei vegetali nonché sulla struttura e funzione degli organuli della cellula vegetale e sulla istologia e organografia delle piante vascolari.
Conoscenze di base sulla biologia animale, sui meccanismi di evoluzione degli organismi, sulle strategie di riproduzione animale e sulla biodiversità. Principi di nomenclatura scientifica, tassonomia e classificazione degli organismi. Conoscenza delle caratteristiche distintive morfo-funzionali dei principali gruppi animali, della tassonomia e filogenesi dei taxa e delle loro relazioni ecologiche.

Le modalità di valutazione del conseguimento dei risultati di apprendimento attesi si esplicheranno tramite le prove di esame scritte e/o orali previste per ogni singolo insegnamento.

Discipline del settore biomedico
Conoscenza e capacità di comprensione, in termini di acquisizione di competenze teoriche e applicative con riferimento ai fondamenti della fisiologia cellulare, della patologia, e della farmacologia.

In particolare:

Modulo di Anatomia Umana (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Conoscenze, a livello macroscopico e microscopico, relative a tutti i tessuti, organi e apparati del corpo umano. Comprensione delle interconnessioni tra morfologia e funzione di apparati, organi e tessuti.

Fisiologia Cellulare con Laboratorio
Comprensione dei meccanismi di base del funzionamento delle cellule, dei meccanismi molecolari, chimici, biochimici ed evoluzionistici degli organismi animali. Analisi delle correlazioni tra struttura cellulare e funzione, comprensione dei meccanismi di base del controllo omeostatico e dell’adattamento in cellule e organismi. Conoscenza delle tematiche inerenti la comunicazione tra cellule e i sistemi di trasduzione intracellulare del segnale.

Patologia Generale e Immunologia (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Conoscere il concetto di malattia e individuarne i fattori etiologici e i meccanismi di base attraverso cui questi agiscono. Comprendere gli strumenti logici per stabilire relazioni di causalità tra fattori etiologici e specifiche
patologie.
Conoscere le basi dell'Immunologia generale. Il sistema immunitario come organo di difesa. Caratteristiche generali delle risposte immunitarie, immunità innata e acquisita, antigeni e anticorpi. Cenni di immunopatologia. Comprendere la logica della risposta anticorpale e della sua modulazione.

Metodologie Farmacologiche con Esercitazioni (solo per il curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale) e Farmacologia Generale (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Acquisizione delle conoscenze fondamentali della farmacologia generale e le più recenti acquisizioni sul meccanismo molecolare e cellulare alla base dell’azione di diverse classi di farmaci.
Capacità di comprendere alcuni aspetti teorici e metodologici relativi all’applicazione delle biotecnologie alla farmacologia, includendo la produzione di farmaci ricombinanti, gli inibitori del materiale genetico e i principi di terapia genica.

Immunofarmacologia (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Immunofarmacologia
Lo studente dovrà acquisire conoscenze sui fondamenti di immunologia e immunopatologia e sul meccanismo d’azione e sugli effetti degli agenti farmacologici che sono capaci di regolare la risposta immunitaria, infiammatoria e neoplastica. Verranno presi in esame, i farmaci ad azione immuno-stimolante, immuno-soppressoria e i vaccini, ponendo particolare enfasi alla sintesi, azione e utilizzo di nuove classi di farmaci biotecnologici, quali gli anticorpi monoclonali e le citochine. Lo studente acquisirà inoltre nozioni sui principi di terapia di patologie infiammatorie croniche e tumori.

Le modalità di valutazione del conseguimento dei risultati di apprendimento attesi si esplicheranno tramite le prove di esame scritte e/o orali previste per ogni singolo insegnamento.





Discipline dell'area linguistica
Lingua inglese
Conoscenza della lingua inglese al livello B1 indicato nel Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue – Consiglio d’Europa, con particolare attenzione verso il linguaggio professionale/scientifico.

Le modalità di valutazione del conseguimento dei risultati di apprendimento attesi si esplicheranno tramite le prove di esame scritte e/o orali previste per l'insegnamento.


Discipline per la regolamentazione, economia e bioetica
Economia aziendale.
Teoria dell’impresa quale sistema socio economico aperto. Conoscenza e comprensione degli elementi sistemici delle aziende, imprese e business.

Le modalità di valutazione del conseguimento dei risultati di apprendimento attesi si esplicheranno tramite le prove di esame scritte e/o orali previste per l'insegnamento.

Capacità di apprendimento

Durante il Corso lo studente acquisisce una preparazione culturale adeguata alla professione di biotecnologo attraverso un'assidua partecipazione alle lezioni, ai seminari, alle esercitazioni di laboratorio, alle eventuali esperienze all'estero. Lo studente viene stimolato all’approfondimento continuo delle competenze, anche attraverso il riferimento costante agli sviluppi sia a livello teorico che tecnologico delle diverse discipline, per intraprendere studi successivi (master, lauree magistrali) con un alto grado di autonomia.
Inoltre vengono forniti gli strumenti che permettono la comprensione e l'utilizzo di banche dati, di materiale bibliografico e di altre informazioni per via telematica per l'aggiornamento continuo delle conoscenze e per un più facile inserimento nel mondo del lavoro.
Le attività formative che concorrono al conseguimento delle stesse sono tutti gli insegnamenti previsti nel regolamento didattico del corso di studio.
Le modalità di verifica del conseguimento delle stesse sono applicate durante tutto il percorso formativo degli studenti e consistono nel controllo della capacità di risoluzione di problemi particolari relativi agli argomenti più generali trattati nei corsi d'insegnamento. Il voto di laurea dipende pro parte dalla valutazione delle capacità di apprendimento verificate dal relatore universitario e dal tutor aziendale durante lo svolgimento del tirocinio finale obbligatorio.

Abilità comunicative

Gli studenti devono apprendere:
- la capacità di utilizzare una terminologia scientifica generale e specifica per ogni disciplina, anche in lingua inglese;
- la capacità di illustrare sia oralmente sia in forma scritta e grafica dati e risultati scientifici con proprietà di linguaggio;
- le conoscenze di base nel settore informatico che gli consentano di comunicare con efficienza mediante supporti e mezzi digitalizzati.

Le attività formative che concorrono allo sviluppo delle abilità comunicative sono tutte quelle riportate nell'offerta formativa. Particolare importanza rivestono, a tale scopo, la pratica di lavoro in gruppo nei laboratori, il periodo di tirocinio e la stesura dell'elaborato finale.
Le modalità di verifica del conseguimento delle stesse si fondano sulla valutazione in itinere, dove pertinente, delle capacità di interazione con i colleghi di corso, come valutabili dalla lettura delle relazioni previste a consuntivo delle attività di laboratorio. Tra i criteri per l'assegnazione del voto dopo l'esame di profitto per ciascun insegnamento, è ufficialmente prevista e normata dal Corso di Laurea, con apposito Regolamento interno, la valutazione puntuale delle capacità espressive e in particolare della padronanza del linguaggio scientifico e tecnico da parte degli studenti.

Autonomia di giudizio

Il Corso di Studio ha l'obiettivo di formare laureati che, in maniera autonoma, abbiano:
- capacità critiche nella valutazione, interpretazione e correttezza metodologica dei dati sperimentali e nella programmazione delle attività sperimentali connesse con il percorso formativo seguito;
- autonomia di giudizio in materia di sicurezza di laboratorio in ambito chimico-biologico e biotecnologico.
Le attività formative che concorrono al raggiungimento dell'autonomia di giudizio sono tutte le attività teoriche e di laboratorio degli insegnamenti del Corso di Laurea e le attività di Tirocinio e preparazione della tesi di laurea. Le modalità di verifica del conseguimento della stessa comportano la valutazione, da parte dei singoli docenti, durante gli esami di profitto, della capacità di risposta a quesiti scritti, a risposta multipla e/o a risposta aperta (prove in itinere) e della capacità di argomentare oralmente (esame conclusivo di ciascun singolo modulo/corso d'insegnamento) l'acquisizione, l'elaborazione e la corretta interpretazione di dati sperimentali, di teorie e leggi scientifiche, di equazioni e grafici.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione

Area Generica
Capacità di analizzare criticamente e interpretare risultati sperimentali e di utilizzare consapevolmente le metodologie di base delle varie discipline acquisite attraverso la pratica di laboratorio e le lezioni teoriche. In particolare:

i) capacità di applicare la propria conoscenza e comprensione all’analisi di problemi inerenti tematiche biologiche e biotecnologiche con un approccio multidisciplinare che tenga conto anche degli aspetti economici.

ii) capacità di operare consapevolmente in laboratorio con attrezzature, strumenti e metodi appropriati.

iii. capacità di svolgere ricerche bibliografiche.

Le attività formative che concorrono al raggiungimento delle capacità di applicare conoscenza e comprensione sono le esercitazioni di laboratorio relative ai vari corsi e le lezioni teoriche che riguardano anche gli aspetti economici.
All’ acquisizione di capacità applicative concorrono anche il periodo di tirocinio formativo per lo svolgimento della prova finale e la stesura dell’elaborato finale.
Le modalità di verifica di conseguimento delle stesse si esplicheranno sia tramite gli esami di profitto, scritti e/o orali, previsti per ogni singolo insegnamento, sia attraverso la stesura dell'elaborato che illustrerà i risultati sperimentali ottenuti durante il periodo di tirocinio.

Discipline matematiche, fisiche, informatiche
Acquisizione di competenze applicative di matematica, fisica e informatica per lo studio dei fenomeni biologici a livello fisico e statistico con l’ausilio degli strumenti matematici.

In particolare:

Matematica ed Elementi di Statistica
Capacità di affrontare un problema scientifico utilizzando gli strumenti matematici. Più in particolare: capacità di riconoscere e rappresentare le rette e le coniche; capacità di descrivere il grafico qualitativo di una funzione; capacità di utilizzo delle successioni nei fenomeni di crescita; capacità di utilizzo delle funzioni statistiche elementari; capacità di analisi dei dati sperimentali tramite gli strumenti statistici.

Fisica con Esercitazioni
Capacità di comprendere e trattare i fenomeni fisici fondamentali e inquadrarli in sistemi più complessi.

Abilità Informatiche
Capacità di utilizzare il PC sia come strumento di lavoro generale (office automation, navigazione in rete e gestione della posta elettronica) sia per scopi scientifici inerenti ai propri studi (analisi di dati, problem solving).

Le modalità di verifica di conseguimento delle stesse si esplicheranno sia tramite gli esami di profitto, scritti e/o orali, previsti per ogni singolo insegnamento, sia attraverso la stesura dell'elaborato che illustrerà i risultati sperimentali ottenuti durante il periodo di tirocinio.

Discipline dell'area chimica
Capacità di lavorare in un laboratorio chimico, preparare soluzioni, eseguire prove di conferma, titolazioni e utilizzare piccola strumentazione Comprensione dei principi fondamentali, leggi e teorie della chimica. Applicazione della matematica e della fisica ai problemi chimici, capacità di elaborare e presentare i dati sperimentali in modo chiaro e appropriato, saprà gestire processi biotecnologici industriali, riconoscere uno spettro UV-Vis e un gas-cromatogramma, estrarre sostanze naturali e distillare solventi.

In particolare:

Chimica Fisica con Laboratorio
Al termine del corso lo studente ha gli strumenti per la comprensione dei principi fondamentali, le leggi e le teorie della Chimica Fisica e avrà imparato ad applicare la matematica e la fisica ai problemi chimici, e acquisito una comprensione chiara ed esauriente dei fenomeni chimico-fisici. Inoltre, lo studente avrà la capacità di elaborare e presentare i dati sperimentali raccolti in un adeguato linguaggio scientifico.

Chimica Generale con Laboratorio
Lo studente avrà la capacità di lavorare in un laboratorio chimico, preparare soluzioni, eseguire prove di conferma, titolazioni e utilizzo di piccola strumentazione.

Modulo di Chimica Industriale
Lo studente sarà in grado di utilizzare le conoscenze acquisite per una applicazione pratica in laboratori di analisi e di ricerca e nella gestione di processi biotecnologici industriali.
.
Chimica Organica con Laboratorio
Lo studente potrà comprendere una reazione di chimica organica, saprà applicare le principali proiezioni stereochimiche, distillare solventi, estrarre e isolare sostanze naturali, eseguire cromatografie su strato sottile, riconoscere spettri UV-Vis e gascromatogrammi, usare semplice strumentazione di laboratorio, eseguire analisi polarimetriche ed eseguire calcoli di concentrazioni e diluizioni. Saprà stendere una relazione in forma concisa e appropriata. Avrà la capacità di affrontare lo studio della biochimica e della biologia molecolare e, se gli occorressero negli studi superiori o nella attività professionale, di parti della chimica organica non incluse nel programma.

Chimica e Metodolologie Computazionali Farmaceutiche (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Lo studente sarà in grado di individuare le principali classi di farmaci e di applicare i metodi computazionali per la progettazione di molecole dotate di attività farmacologiche.

Biofarmaceutica e formulazione di farmaci biotecnologici (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Lo studente sarà in grado di utilizzare le conoscenze acquisite e in specie l'introduzione ai farmaci biotecnologici come base teorica per applicazioni pratiche e per intraprendere lo studio della immunofarmacologia.

Le modalità di verifica di conseguimento delle stesse si esplicheranno sia tramite gli esami di profitto, scritti e/o orali, previsti per ogni singolo insegnamento, sia attraverso la stesura dell'elaborato che illustrerà i risultati sperimentali ottenuti durante il periodo di tirocinio.

Discipline del settore biomolecolare e biotecnologico
Acquisizione di competenze applicative biomolecolari per lo studio dei fenomeni biologici a livello biochimico, genetico e microbiologico mediante attività di laboratorio: acquisizione di tecniche di base per la caratterizzazione di enzimi, di acidi nucleici, di geni; per la coltivazione e caratterizzazione di batteri e virus, e di loro applicazioni biotecnologiche.

In particolare:

Biochimica e Laboratorio di Biochimica
Acquisizione di competenze teoriche e applicative per lo studio degli enzimi e della loro caratterizzazione e applicazione. Capacità di effettuare salature, precipitazioni, dialisi, cromatografie a scambio ionico e per esclusione molecolare, elettroforesi, e analisi spettrofotometriche di proteine ed enzimi. Capacità di riconoscere le diverse classi di composti biologici osservandone le formule di struttura, e di ipotizzarne alcune proprietà biologiche salienti.

Biologia Molecolare con Laboratorio
Acquisizione di competenze teoriche e applicative per lo studio degli acidi nucleici. Conoscenze applicative dell’ingegneria genetica e delle reazioni enzimatiche per lo studio del DNA. Acquisizione delle tecniche di base per la creazione ed il rilevamento degli OGM nel campo delle biotecnologie vegetali. Capacità di effettuare analisi molecolari sul DNA (PCR qualitativa) e su specifiche proteine (Test ELISA), per il rilevamento di vegetali geneticamente modificati (OGM). Capacità di utilizzare le tecnica per lo studio dei polimomorfismi a singolo nucleotide (SNPs) e delle tecniche del DNA profiling. Conoscenza delle tecniche elettroforetiche su gel di poliacrilamide e agaroso per la separazione dei prodotti di amplificazione attesi.

Genetica con Laboratorio
Capacità di interpretare i dati genetici a livello di singoli incroci e di popolazione, di analizzare le relazioni tra genotipo e fenotipo e di determinare la modalità di eredità dei caratteri attraverso l’analisi di in alberi genealogici ed incroci programmati. Capacità di stimare la probabilità di trasmissione alla discendenza e l’associazione tra geni e di utilizzare test statistici per verificare la significatività di dati sperimentali. Competenze teorico-pratiche su alcune metodologie per la manipolazione e l’analisi del DNA e dei suoi polimorfismi.

Microbiologia con Laboratorio
Capacità di applicare tecniche di laboratorio per caratterizzare e coltivare batteri e virus. Conoscere le problematiche legate ai più comuni aspetti del rischio biologico e saper operare in sicurezza sia nel lavoro autonomo sia in quello di gruppo. Capacità di applicare le conoscenze acquisite e l’esperienza maturata in laboratorio per svolgere attività pratica in laboratori di analisi e di ricerca.

Biotecnologie microbiche e Igiene
Capacità di mettere in pratica gli aspetti basilari della microbiologia industriale e ambientale, mettendo a punto i protocolli standard per l’isolamento, l’arricchimento, e la coltivazione dei ceppi di interesse. Capacità di applicare le conoscenze e abilità acquisite in ambito aziendale per la produzione di metaboliti di interesse applicativo e per la messa a punto di protocolli di biorisanamento. Capacità di lavorare in sicurezza sia individualmente sia in gruppo.gruppo, di coltivazione, isolamento e identificazione di batteri mediante tecniche basate sulla crescita e metodi immunologici e molecolari (I Modulo). Esperienze guidate in laboratorio, individuali e di gruppo, di allestimento e propagazione di culture di cellule animali, di coltivazione e titolazione di virus animali, e di valutazione di composti ad attività antivirale in modelli virus-cellula (II Modulo).

Modulo di Enzimologia
Acquisire padronanza delle definizioni e dei concetti dell’enzimologia per applicarli ad ambiti biotcnologici e industriali per produzioni alimentari, per il biorisanamento, per la chimica fine, grazie alle conoscenze di cinetica, meccanismi di azione, e metodi di analisi specifici.

Reattori Biologici con Laboratorio e Bioraffinerie con Laboratorio(solo per il curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale)
Lo studente sarà in grado di comprendere le principali problematiche poste sia dalla progettazione che dalla conduzione dei reattori biologici, su scala pilota ma anche su scala industriale per il trattamento e frazionamento di biomasse. Inoltre, lo studente sarà in grado di eseguire i calcoli di progettazione più elementari e di condurre prove di crescita microbica in bioreattori agitati in apparati bench scale. Inoltre sarà in grado di presentare i risultati sperimentali ottenuti anche in forma grafica e di utilizzare sistemi informatici per la gestione e l’'elaborazione dei dati.
Il settore del Corso d'insegnamento è cambiato da ING-IND/34 a ICAR/03 in quanto il settore precedente risulta non più rappresentato in Ateneo.

Le modalità di verifica di conseguimento delle stesse si esplicheranno sia tramite gli esami di profitto, scritti e/o orali, previsti per ogni singolo insegnamento, sia attraverso la stesura dell'elaborato che illustrerà i risultati sperimentali ottenuti durante il periodo di tirocinio.

Discipline del settore biodiversità e ambiente
Biologia Vegetale e Botanica Farmaceutica con Laboratorio (modulo 1) Zoologia Applicata con Laboratorio (modulo 2) (solo per il curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale)
Acquisizione di competenze che permetteranno agli studenti di affrontare problemi applicativi nel campo della biologia vegetale avendo acquisito esperienza metodologica e strumentale in preparati istologici vegetali a fresco e tecniche di base di colorazione istologica
Acquisizione di competenze in materia di: classificazione e riconoscimento di taxa animali mediante analisi morfologiche comparative, identificazione e classificazione di esemplari rappresentativi dei vari taxa animali e analisi della biodiversità animale mediante l’utilizzo di tecniche di campionamento e raccolta.

Le modalità di verifica di conseguimento delle stesse si esplicheranno sia tramite gli esami di profitto, scritti e/o orali, previsti per ogni singolo insegnamento, sia attraverso la stesura dell'elaborato che illustrerà i risultati sperimentali ottenuti durante il periodo di tirocinio.

Discipline del settore biomedico
Acquisizione delle competenze applicative necessarie per lo studio dei fenomeni biologici a livello biomolecolare e cellulare, con particolare riferimento alle tecniche fisiologiche e farmacologiche, sia per la comprensione dei processi fisiologici che patologici. Queste conoscenze consentiranno un approccio professionale al lavoro e competenze adeguate sia per ideare e sostenere argomentazioni che per risolvere problemi.

In particolare
Modulo di Anatomia Umana (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Capacità di distinguere, a livello microscopico, tra diversi tipi di cellule e tessuti e identificare preparati di tessuti e organi mediante interpretazione critica delle osservazioni.

Fisiologia Cellulare con Laboratorio
Competenze applicative di tipo metodologico e strumentale per analisi biologiche e per il rilievo dell’attività di molecole fisiologicamente attive, con particolare riferimento ad ambiti biomolecolari e neurobiologici.
Acquisizione delle conoscenze applicative nella preparazione e analisi di campioni biologici, in particolare le principali tecniche di coltura cellulare in vitro, nel mantenimento della diversità tra cellule e della staminalità in specifiche popolazioni cellulari, attraverso metodi di laboratorio e di microscopia finalizzate ad una loro applicazione nelle biotecnologie.

Metodologie Farmacologiche con Esercitazioni (solo per il curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale) e Farmacologia Generale (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Conoscenze principali riguardo il meccanismo molecolare e cellulare dei diversi farmaci al fine di comprendere i loro effetti farmacologici sull’organismo. Capacità di comprendere le potenzialità dell’applicazione delle biotecnologie per lo sviluppo e produzione di nuovi farmaci. Capacità di effettuare in laboratorio dei saggi “in vitro” per l’analisi quantitativa e qualitativa dell’azione recettoriale e cellulare di alcune classi di farmaci.

Immunofarmacologia (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico)
Il corso sarà integrato da esercitazioni in laboratorio che forniranno allo studente competenze applicative di tipo metodologico e strumentale necessarie per lo studio dell’azione di farmaci tradizionali e biotecnologici ad azione modulatoria sulla risposta immunitaria.

Le modalità di verifica di conseguimento delle stesse si esplicheranno sia tramite gli esami di profitto, scritti e/o orali, previsti per ogni singolo insegnamento, sia attraverso la stesura dell'elaborato che illustrerà i risultati sperimentali ottenuti durante il periodo di tirocinio.

Discipline dell'area linguistica
Lingua inglese
Acquisizione di competenze necessarie per l’utilizzo delle abilità apprese per lo scambio di informazioni generali con realtà scientifiche nazionali, europee ed extra europee.

Le modalità di verifica di conseguimento delle stesse si esplicheranno sia tramite gli esami di profitto, scritti e/o orali, previsti per l'insegnamento, sia attraverso la stesura dell'elaborato che illustrerà i risultati sperimentali ottenuti durante il periodo di tirocinio.

Discipline per la regolamentazione, economia e bioetica
Economia aziendale.
Applicazione delle conoscenze acquisite e comprese allo studio della globalità dei sistemi sociali ed economici, compresi la dinamica, l’apertura, la chiusura operazionale, la produzione di beni e servizi, e il mercato, sia nazionale, sia internazionale.

Le modalità di verifica di conseguimento delle stesse si esplicheranno sia tramite gli esami di profitto, scritti e/o orali, previsti per l'insegnamento, sia attraverso la stesura dell'elaborato che illustrerà i risultati ottenuti durante il periodo di tirocinio.

Competenze associate alla funzione

Tecnico di Laboratorio Biochimico
Il laureato in Biotecnologie possiede ampie competenze di base, teoriche e pratiche, in Biochimica, Enzimologia, Biologia Molecolare. Queste lo rendono adatto a svolgere mansioni tecniche in tutte le attività analitiche e preparative in laboratorio biochimico, a livello di ricerca o di produzione in azienda.


Tecnico dei prodotti alimentari
Oltre a una solida preparazione in ambito biochimico e biomolecolare, il laureato in Biotecnologie possiede competenze nell'ambito della microbiologia di base e applicata, anche al campo alimentare e bioalimentare.


Tecnico del controllo ambientale
Il laureato in Biotecnologie possiede competenze adeguate in campo della microbiologia e dell'ingegneria ambientale (Curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale) o della farmacologia e tossicologia (Curriculum rivolto all'ambito farmaceutico) che lo rendono adatto a inserirsi nell'ambito lavorativo del controllo ambientale.


Tecnici della raccolta e trattamento dei rifiuti e della bonifica ambientale
Il laureato in Biotecnologie ha competenze adeguate nei campi della microbiologia e ingegneria ambientale e della farmacologia per operare nel ruolo professionale descritto.

Biologo Junior
Il Biologo junior laureato in Biotecnologie possiede un ventaglio di competenze di adeguata estensione e profondità da consentirgli l'esercizio della professione. Alle competenze comuni ai Biologi si aggiungono infatti quelle specificamente biotecnologiche, in particolare quelle in microbiologia e ingegneria ambientale (solo per il curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale) e quelle farmaceutiche (solo per il curriculum rivolto all'ambito farmaceutico).

Agrotecnico laureato
Il laureato in Biotecnologie ha competenze adeguate in biologia vegetale, scienze biomolecolari e microbiologiche, bioingegneria, per poter accedere, al Collegio degli Agrotecnici Laureati ovvero alla Sezione B, settore 'Biotecnologico Agrario', dell'Ordine Professionale suindicato, dopo aver superato il pertinente Esame di Stato.


Biotecnologo junior
Il Biotecnologo junior del curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale ha le competenze di base e applicate per poter intervenire su processi di ricerca, sviluppo e produzione in ambito biotecnologico, sia in laboratorio, sia in azienda. Si può applicare a livello sia laboratoristico sia aziendale a processi di ricerca e produzione biotecnologica, sa analizzare i problemi e studiare le soluzioni, sia in ambito produttivo, sia in quello di ricerca. Tale professionista avrà le competenze necessarie per applicare conoscenze chimiche e biologiche alle più moderne tecniche strumentali e alle procedure sperimentali più appropriate in vari campi biotecnologici, e in specie in quelli dei processi industriali, agroindustriali e agroalimentari, del risanamento ambientale. Il Biotecnologo del curriculum rivolto all'ambito farmaceutico utilizzerà metodi innovativi nelle applicazioni biotecnologiche in ambito farmaceutico, come la produzione di biofarmaci, dispositivi medici, e altri prodotti biotecnologici correlati. Il laureato nel curriculum rivolto all'ambito farmaceutico ha conoscenze basilari adeguate per partecipare con responsabilità tecnica a progetti e strutture e partecipare al coordinamento di programmi di sviluppo e sorveglianza delle biotecnologie rispetto all'impatto sulla salute.

Funzione in contesto di lavoro

Tecnico di Laboratorio Biochimico
Assiste gli specialisti conducendo test ed analisi finalizzate alla verifica e alla valutazione della composizione chimica, fisica e biologica di acque, prodotti naturali o industriali, alla diagnosi delle patologie animali e vegetali e alla ricerca in campo agronomico e zootecnico.

Tecnico dei prodotti alimentari
Assiste gli specialisti conducendo test ed analisi sulla qualità dei prodotti destinati all'alimentazione umana e animale, per certificarne la qualità, la derivazione genetica e la tecnologia di produzione, per migliorare impianti e processi di trasformazione e di produzione alimentare.



Tecnico del controllo ambientale
Il laureato in Biotecnologie assiste gli specialisti nelle ricerche e nella progettazione, sviluppo e valutazione di sistemi per il controllo, la salvaguardia e la conservazione dell'ambiente. Partecipa all'organizzazione e gestione di progetti per la sicurezza ambientale, sia in ambito produttivo e industriale, sia nel campo del controllo e della tutela e conservazione.

Tecnici della raccolta e trattamento dei rifiuti e della bonifica ambientale
Assiste gli specialisti nella gestione delle procedure previste dalla normativa di settore per il controllo dell'efficienza dei processi di raccolta, selezione, trattamento e smaltimento dei rifiuti, nonché di operare per un costante aggiornamento volto a valutare ed attuare programmi per la bonifica e il risanamento di aree inquinate.

Biologo Junior
L'attuale normativa consente l'iscrizione dei laureati in Biotecnologie alla Sezione B dell'Ordine professionale dei Biologi (Biologi junior). Il piano didattico del Corso di laurea è strutturato in modo da fornire ai laureati adeguate competenze, necessarie al superamento dell'Esame di Stato e aI successivo esercizio della professione. Il Biologo junior, laureato in Biotecnologie, come tecnico assiste gli specialisti nell'esecuzione e applicazione di attività in ambito citologico/istologico, biochimico, genetico, farmacologico e microbiologico, e biotecnologico vegetale, agroalimentare, ambientale.
Collabora alla progettazione ed esecuzione di analisi di laboratorio, di saggi biologici e biotecnologici specifici e all'esecuzione di campionamenti, nell'ambito di gruppi di ricerca e sviluppo, pubblici e privati.


Agrotecnico laureato
In forza di apposita Convenzione con il Collegio Nazionale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati, il CdS sotto la condizione di far effettuare ai laureandi un tirocinio obbligatorio in aziende agrotecniche su tematiche pertinenti, sono ammessi a sostenere l'Esame di Stato per l'iscrizione a quel Collegio.
I Laureati in Biotecnologie sono anche ammessi a sostenere l'Esame di Stato per l'iscrizione al Settore 'Biotecnologico Agrario' della Sezione B dell'Ordine degli Agronomi.
I due ambiti di attività professionale, almeno per quanto attiene alla fattispecie dei laureati in Biotecnologie, sono in gran parte sovrapponibili. Essi assistono gli specialisti per la progettazione di sistemi agricoli, agroalimentari e zootecnici, nel miglioramento delle colture e delle relative condizioni di crescita e di difesa, nell'individuazione delle colture più adattabili e più redditizie, nell'individuazione e nel controllo delle malattie dei vegetali, nella conservazione della biodiversità colturale.


Biotecnologo junior
Il Biotecnologo junior assiste lo specialista in processi che coinvolgono sistemi biologici e/o parti di essi per l'ottenimento di (bio)prodotti innovativi; partecipa al controllo di qualità nel medesimo ambito, e ad attività di ricerca, sia di base, sia applicate, per mezzo di tecniche specifiche. Può occuparsi di tematiche e problematiche relative all'ambito ambientale, del biorisanamento e del trattamento di rifiuti, scarti e sottoprodotti agricoli e industriali; può partecipare alla ricerca e sviluppo e alla caratterizzazione di biofarmaci tecnologici.

Descrizione obiettivi formativi specifici

Nel rispetto degli obiettivi formativi qualificanti della Classe, il Corso di Laurea ha l'obiettivo di fornire le conoscenze di base ed avanzate dei sistemi biologici e le competenze tecnologiche che permettano al laureato di esercitare l'attività di ricerca e sviluppo nei diversi settori biotecnologici con particolare attenzione al settore industriale-ambientale e farmaceutico.
In particolare, al termine del percorso formativo il laureato in Biotecnologie deve possedere adeguate conoscenze specifiche, teoriche e tecniche per lavorare utilizzando metodologie biotecnologiche molecolari e cellulari. La preparazione raggiunta deve essere pienamente adeguata al proseguimento del percorso formativo, per esempio nelle Lauree magistrali delle classi pertinenti; il laureato deve sapere applicare le conoscenze teoriche e pratiche acquisite all'ambito della professione, nel rispetto delle normative, specie quelle etiche e di sicurezza; deve essere capace di preparare rapporti e relazioni tecnico-scientifiche sulle attività svolte, e di comunicare le informazioni sulla propria attività nei contesti accademici e professionali. Il laureato deve sapere utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, nell'ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali; deve essere capace di lavorare autonomamente oppure in gruppo, ed essere capace di integrarsi rapidamente negli ambienti lavorativi.
Il laureato in Biotecnologie possederà conoscenze e competenze che gli consentiranno di svolgere la propria attività in strutture pubbliche e private, in regime libero-professionale o di dipendente.
Il percorso di formazione prevede insegnamenti propedeutici di base: matematica, fisica, chimica generale, chimica fisica e chimica organica. La formazione nel prosieguo degli studi prevede l'ampliamento delle conoscenze nei settori della biochimica, biologia molecolare, genetica, fisiologia, microbiologia, e delle discipline biotecnologiche specifiche negli ambiti industriale, ambientale, o farmaceutico.
Inoltre, vengono fornite le conoscenze di base della lingua inglese e di abilità informatiche.
Per assicurare allo studente una adeguata operatività biotecnologica il Corso di Laurea in Biotecnologie prevede l'attivazione di un elevato numero di CFU da dedicare ad attività sperimentali di laboratorio e un Tirocinio formativo da effettuarsi presso industrie, aziende ed enti italiani o esteri, presso Enti pubblici o privati di ricerca o, in alternativa, presso un laboratorio di ricerca dell'Università di Cagliari o di altre Università italiane o straniere.
Gli aspetti formativi sono completati da preparazione di una Prova finale che rappresenta un elemento qualificante dell'offerta formativa in quanto permette di approfondire tecniche specifiche professionalizzanti.
Il Corso permette a coloro i quali non desiderano proseguire gli studi universitari di avere una formazione completa per l'accesso al mondo del lavoro, parimenti per quelli invece che intendono accedere alla laurea magistrale la formazione del corso è ottimale per il proseguimento degli studi.
Sono previsti un curriculum rivolto all'ambito industriale e ambientale e un curriculum rivolto all'ambito farmaceutico.

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie