Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
TATIANA MARIA ANTONIA COSSU (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[32/19]  LINGUE E CULTURE PER LA MEDIAZIONE LINGUISTICA [19/00 - Ord. 2011]  PERCORSO COMUNE 6 30

Obiettivi

Gli studenti devono dimostrare di possedere le seguenti conoscenze, abilità e capacità:
1) Conoscenza e capacità di comprensione.
Conoscenza dei vari significati attribuiti a concetti e nozioni quali cultura, etnocentrismo e relativismo culturale, etnia, razza, razzismo, egemonia e subalternità, tradizione, folclore, incorporazione, saperi impliciti, sofferenza e violenza strutturale;
conoscenza delle principali teorie e metodologie adottate dagli antropologi nello studio degli aspetti socio-culturali dell’esperienza umana;
conoscenza delle problematiche socio-culturali connesse al tema dell’identità e delle varie forme di razzismo.
2) Capacità di applicare conoscenza e comprensione.
Saper effettuare analisi e sintesi delle problematiche socio-culturali relative ai temi esaminati utilizzando gli strumenti concettuali della disciplina antropologica;
saper argomentare le proprie scelte sul tema da approfondire per l’esame;
sviluppare un atteggiamento non etnocentrico e non gerarchizzante nell’approccio ai differenti modi di vivere nelle società umane.
3) Autonomia di giudizio.
Sviluppare una consapevolezza riflessiva sui temi affrontati.
4) Abilità comunicative.
Essere in grado di utilizzare il lessico specialistico di base delle discipline antropologiche e di saper comunicare e discutere in modo efficace sulle tematiche affrontate.
5) Capacità di apprendimento.
Essere in grado di utilizzare le conoscenze e le metodologie antropologiche di base nell’analisi di aspetti socio-culturali dell’esperienza umana.

Prerequisiti

Conoscenza delle fasi fondamentali della storia moderna e contemporanea.
Conoscenza di base della geografia.

Contenuti

L’IDENTICO E IL DIVERSO NELLE CULTURE (30 ore)
Il corso intende fornire la conoscenza dei concetti fondamentali, delle teorie e delle metodologie utilizzati dagli antropologi per comprendere gli aspetti socio-culturali dell’esperienza umana. Cultura, etnocentrismo e relativismo culturale, etnia, razza e razzismo, egemonia e subalternità, tradizione, folclore, incorporazione, saperi impliciti, sofferenza e violenza strutturale saranno le nozioni e parole chiave oggetto di analisi.
Particolare attenzione sarà dedicata ai processi di costruzione dell’identità e dell’altro, dello straniero e del nemico, alle varie forme di naturalizzazione delle differenze e di razzismo, con esemplificazioni che riguarderanno le società moderne e contemporanee.

1. L’antropologia culturale.
2. Il concetto di cultura.
3. I metodi della ricerca etnografica.
4. Diversità culturale, etnocentrismo e relativismo culturale.
5. Cultura come antropopoiesi.
6. Corpo come fatto sociale e culturale.
7. Saperi del corpo, incorporazione, habitus.
8. Gioco, mito, arte e rituali.
9. Tradizione e folclore.
10. Egemonia e subalternità.
11. Etnia e razza.
12. L’invenzione delle razze.
13. Identità e fondamentalismo culturale.
14. Disuguaglianza sociale e violenza strutturale.
15. Potere, violenza, diritti umani.

Metodi Didattici

Per soddisfare esigenze didattiche specifiche connesse alla situazione epidemiologica, è prevista la possibilità di lezioni in diretta streaming o registrazioni delle stesse disponibili on-line.

Verifica dell'apprendimento

La prova finale consisterà in un colloquio in cui lo studente è tenuto a proporre un argomento di approfondimento a sua scelta fra quelli trattati nel corso, e ad esporre e argomentare su alcuni temi proposti in sede di esame dal docente.
Lo studente dovrà dimostrare:
• la conoscenza dei principali temi del corso (concetti fondamentali, teorie e metodologie di analisi);
• di saper applicare le conoscenze acquisite impostando un discorso, adeguatamente motivato e ben argomentato, su un tema di sua scelta;
• adeguate capacità di analisi;
• utilizzo di una terminologia antropologica di base appropriata.

Le modalità della prova finale sono le stesse sia per gli studenti frequentanti che per quelli non frequentanti.

Il voto finale è attribuito sulla base del livello di apprendimento riscontrato in ognuno dei singoli ambiti di analisi e sulla capacità di usare il linguaggio specialistico adeguato Per superare l’esame, riportando quindi un voto non inferiore a 18/30, lo studente deve dimostrare di aver acquisito una conoscenza sufficiente degli argomenti relativi alle nozioni di base della disciplina e di essere in grado di applicare a casi concreti le nozioni teoriche.
Per conseguire un punteggio pari a 30/30 e lode, lo studente deve invece dimostrare di aver acquisito una conoscenza eccellente di tutti gli argomenti trattati durante il corso e di quelli presenti nella bibliografia di riferimento e di essere in grado di applicare in maniera corretta le nozioni teoriche a casi concreti, utilizzando con precisione il linguaggio tecnico della disciplina.

Testi

Testi adottati:

1) Emily A. Schultz, Robert H. Lavenda, Antropologia culturale, Terza edizione italiana, Bologna, Zanichelli, 2015 (capitoli 1-4, 6, 8-9, 12-14).

2) Un libro a scelta fra i seguenti:
• Marco Aime, Classificare, separare, escludere. Razzismi e identità, Torino, Einaudi, 2020 (pp. 1-116).
• Marco Aime, Cultura, Torino, Bollati Boringhieri, 2013 (120 p.).
• Giulio Angioni, Fare, dire, sentire, L’identico e il diverso nelle culture, Nuoro, Il Maestrale 2011, (pp. 1-62, 169-220).
• Marc Augé, Jean-Paul Colleyn, L’antropologia del mondo contemporaneo, Milano, Elèuthera, 2006 (110 p.).
• Tim Ingold, Antropologia. Ripensare il mondo, Roma, Meltemi, 2020 (110 p.)
• Tzvetan Todorov, La conquista dell’America. Il problema dell’«altro», Torino, Einaudi, 1984 (parte I, II, III, pp. 1-221).
Oppure i seguenti tre saggi:
− Paul Farmer, Un’antropologia della violenza strutturale, in “Antropologia”, n. 8 , 2006 (33 p.), http://dx.doi.org/10.14672/ada2006145%25p
− Paul Farmer, Sofferenza e violenza strutturale. Diritti sociali ed economici nell’era globale, in Ivo Quaranta, Antropologia medica. I testi fondamentali, Milano, Raffaello Cortina Editore, 2006, pp. 265-302.
− Brooke Grundfest Schoepf, Genocidio e violenza di genere in Rwanda, 1994, in “Antropologia”, n. 8, 2006 (31 p.), http://dx.doi.org/10.14672/ada2006149%25p

Altre Informazioni

Le lezioni seguiranno il calendario ufficiale.

Questionario e social

Condividi su: