Seleziona l'Anno Accademico:     2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022 2022/2023
Docente
ENRICA SPADA (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[30/34]  SCIENZE DELL'EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE [34/00 - Ord. 2019]  PERCORSO COMUNE 1 18

Obiettivi

Conoscere i fondamenti dello sviluppo motorio del bambino tra 0 e 3 anni, secondo l’approccio della ‘motricità libera’, come indicati dalla pediatra e pedagogista Emmi Pikler.

Saper individuare i passaggi di crescita e saper modulare l’accompagnamento alle attività ludiche nelle diverse fasi di sviluppo, tenendo presente che lo sviluppo non segue tabelle rigidamente definite ma si modula in maniera fluida e diversificata per ciascun bambino tra 0 e 3 anni d’età (dalla fase del gioco tonico-emozionale dei primi mesi, alla fase sensomotoria e protosimbolica, alla fase del gioco simbolico e della creatività funzionale, al raggiungimento di obiettivi sempre più complessi, fino alla fase della verbalizzazione e della narrazione).

Sviluppare competenze emotive-tattili-cinetiche e ‘danzanti’ per muoversi nello spazio educativo con autenticità e flessibilità.

Saper organizzare, modulare, predisporre con materiali e arredi adeguati lo spazio educativo, considerato come terzo educatore (L. Malaguzzi), come agente attivo e formante.

Esercitare e allenare lo sguardo all’osservazione del movimento, in tutte le sue declinazioni qualitative, fisico-dinamiche e comunicativo-espressive. Saper distinguere tra le principali azioni e fattori di movimento secondo lo schema di R. Laban, per affinare il riconoscimento dei diversi stili di movimento, strettamente legati allo sviluppo della personalità singolare di ciascuno, al fine di attivare nuove capacità relazionali e comunicative che permettano la crescita di un dialogo empatico e sensibile, capace di produrre un’affettività equilibrata che trasmetta incoraggiamento e fiducia.

Pensare e progettare attività ludico-creative, rivolte a momenti di sviluppo diversi, utilizzando materiali adeguati, volte a facilitare la libera sperimentazione motoria e creativa dei bambini nella fascia 0-3, secondo le indicazioni e l’approccio armonico cinestetico e danzante che sarà sviluppato, descritto e sperimentato negli incontri in presenza, seppure in modalità virtuale.

Prerequisiti

Si richiede il superamento della prova d’esame del corso ‘metodologie del gioco e dell’animazione’ tenuto nel secondo semestre dalla prof.ssa Valentina Pagani.

Contenuti

L’essere umano si forma, nasce e vive in movimento. Nella prima fase dell’esistenza ogni persona si trova ad interagire con l’ambiente attraverso il corpo, inteso come sistema integrato di parti interagenti (Bateson), che sente, si muove e comunica, essenzialmente attraverso la tattilità e il costituirsi di quel ‘senso del movimento’ (Berthoz, 1997) che accompagna la lenta maturazione dei suoi organi percettivi, contestualmente allo sviluppo del tono neuro-muscolare. È così che il bambino neonato intraprende la sua opera di scoperta di sé e comincia a dare forma alla sua relazione con il mondo.
Facendo riferimento, essenzialmente, ai fondamenti teorico-epistemologici del pensiero sul corpo e alla tattilità danzante di J. L. Nancy, della fenomenologia percettiva di M. Merleau Ponty, della pedagogia attiva ( Dewey, Korczak, Montessori, Goldschmied), degli studi sul movimento di R. Laban e alle importanti elaborazioni teoriche e pratiche di Emmi Pikler, in accordo con la sua definizione di ‘motricità libera’, il laboratorio intende offrire agli studenti-educatori strumenti teorici e pratici perché possano sviluppare competenze ‘sensibili’ al corpo e al movimento, tali da permettere e facilitare lo sviluppo armonico e globale del bambino. Partendo dalla consapevolezza che il gioco più importante ed entusiasmante per il bambino, già dalla dimensione intrauterina, è il proprio corpo, il professionista dell’educazione, più che ‘far fare’ delle attività, introdurre stimoli, spingere prematuramente, allenare e ‘insegnare’ la motricità, si impegnerà nell’acquisizione di attitudini relazionali atte a facilitare il bambino nella sua scoperta cinetica e cognitiva quotidiana, eliminando ogni possibile ostacolo, ogni impedimento e/o costrizione, per assecondarlo, con vicinanza affettiva, nella libera e autonoma esplorazione del proprio corpo e dello spazio circostante, offrendo spazi di libertà adeguati e ricchi di potenzialità educativa, ludica e formativa. Tenendo presente che il bambino, almeno nei primi mesi, costruisce la sua esperienza motoria non solo attraverso il proprio corpo, ma anche attraverso il corpo di chi si prende cura di lui, la conoscenza e la consapevolezza del proprio stile cinetico-comunicativo, dovrebbe rappresentare la dimensione prioritaria, imprescindibile e fondante del bagaglio formativo dell’educatore d’infanzia.

Metodi Didattici

Il laboratorio si articolerà in incontri in videoconferenza in modalità sincrona e in attività da svolgersi in modalità asincrona.

Verifica dell'apprendimento

Agli studenti saranno affidate alcune attività da svolgere in autonomia (analisi di movimento, osservazione di video, brevi testi da leggere, ideazione di proposte di laboratorio ludico-creativo in movimento e una scheda di autovalutazione e riflessione sulle competenze acquisite durante il percorso) che saranno consegnate entro le scadenze di volta in volta concordate e valutate insieme in un incontro conclusivo in modalità sincrona.

Testi

Agli studenti saranno forniti alcuni brevi estratti dai seguenti testi di riferimento:

E. Pikler, L’osservazione del movimento del bambino, Erickson, Trento 2014.
F. Cartacci, Movimento e gioco al nido, Erickson, Trento 2013.
E. Pikler, Moverse en libertad, Desarrollo de la motricidad global, Narcea S.A., Madrid 2018.
R. Laban, La danza moderna educativa, Ephemeria, Macerata 2009.
J.-L. Nancy, Rühren, Berühren, Aufruhr, in Flavio Ermini et al., Sulla danza, Cronopio, Napoli 2017.
G. Honegger Fresco, E.Cocever, B.Ongari, Tre sguardi sul bambino, viaggio alla scoperta di Maria Montessori, Emmi Pikler, ed Elinor Goldschmied, Il leone verde, Torino 2020.

Altre Informazioni

Si richiede alle studentesse e agli studenti di prepararsi agli incontri in presenza, anche se da remoto, con un abbigliamento comodo, che permetta il movimento, e di riservarsi, nel limite delle possibilità individuali, uno spazio tranquillo e silenzioso, prevedendo la possibilità di alzarsi dalla sedia, togliere le scarpe e avere almeno un metro quadrato per muoversi davanti allo schermo del dispositivo.


Materiali video che saranno oggetto di analisi e discussione:
Video sulla motricità libera, in francese
https://www.youtube.com/watch?v=fFvdcGU7zqM&ab_channel=Educ%27Outil
https://www.youtube.com/watch?v=BzJD-BbrTHo&ab_channel=LaMaisondesMaternellesetdesParents

M. Feldenkreis, in inglese sottotitolato in spagnolo

https://www.youtube.com/watch?v=N9y-BKyrNUI&ab_channel=MariaRaffaellaDallaValle


Conferenza di M. Forestier, “Dalla nascita ai primi passi”, in francese
https://www.youtube.com/watch?v=RRSR22KBT10&ab_channel=ForestierMotricit%C3%A9

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie