Seleziona l'Anno Accademico:     2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022 2022/2023
Docente
MARIA CHIARA FASTAME (Tit.)
Periodo
Primo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[30/48]  PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITA' [48/10 - Ord. 2020]  CURRICULUM PERCORSO A: PSICOLOGIA CLINICA DEL CICLO DI VITA 6 45

Obiettivi

Il corso intende approfondire i problemi teorici e metodologici che caratterizzano il dibattito sullo sviluppo cognitivo. Al fine di favorire il rafforzamento delle conoscenze relative alla Psicologia dello Sviluppo apprese durante la laurea triennale e nel corso del primo anno della laurea magistrale, verrà esaminato in modo critico il contributo dei diversi approcci allo studio dello sviluppo cognitivo, mettendo in evidenza i loro punti di forza e gli aspetti più controversi nell’esaminare lo sviluppo tipico e atipico nel ciclo di vita. Per raggiungere tale obiettivo, nel corso delle lezioni frontali potranno essere presentati degli articoli scientifici, dei video e altri materiali complementari che promuovono la riflessione critica dei temi trattati. Pertanto, lo studente/la studentessa acquisirà la capacità di integrare le conoscenze apprese mediante gli insegnamenti affini con quelle nuove e meno familiari che verranno acquisite durante il corso.
In relazione ai descrittori di Dublino, a conclusione del corso ci si attende che gli studenti e le studentesse perseguano i seguenti obiettivi formativi:
1. Conoscenza e comprensione
Conoscenza e capacità di comprensione dei metodi e degli strumenti per la valutazione dei processi alla base dello sviluppo cognitivo tipico e atipico nel ciclo di vita, che consentono di sviluppare una riflessione critica e matura sulle questioni dibattute nell’ambito della Psicologia dello Sviluppo e approfondite nel corso delle lezioni.
2. Capacità di applicare le conoscenze
Capacità di applicare le conoscenze acquisite a livello teorico per implementare percorsi di valutazione dei processi cognitivi che sottendono la diagnosi psicologica e la progettazione di interventi per il potenziamento dello sviluppo cognitivo nel ciclo di vita.
3. Autonomia di giudizio
Capacità di integrare le conoscenze e gestire la complessità dello sviluppo cognitivo in condizioni tipiche e atipiche, includendo la riflessione sulle responsabilità dello psicologo/a impegnato nell’applicare le conoscenze maturate per l’individuazione precoce e la prevenzione delle situazioni di rischio nei contesti di vita del soggetto e per la valutazione dell’efficacia degli interventi psicologici finalizzati al potenziamento dello sviluppo cognitivo.
4. Abilità comunicative
Capacità di comunicare in modo chiaro e privo di ambiguità le conclusioni che emergono dalla valutazione dei più accreditati modelli teorici sullo sviluppo tipico e atipico dei processi cognitivi a interlocutori specialisti e non specialisti. Capacità di riconoscere e impiegare idonei registri linguistici sulla base delle diverse caratteristiche e livello di competenze degli interlocutori (es. utenti e i loro familiari, rappresentanti di enti e istituzioni).
5. Capacità di apprendere
Approfondire la conoscenza dei metodi di aggiornamento teorici e degli strumenti applicati nell’ambito della Psicologia dello Sviluppo per esaminare i processi che sottendono lo sviluppo cognitivo.

Prerequisiti

Il corso si rivolge allo studente/alla studentessa che ha già acquisito le conoscenze di base nell’ambito della Psicologia dello Sviluppo e della Psicologia Generale e che ha una competenza di base della lingua inglese (per la comprensione degli articoli scientifici)

Contenuti

Nel corso delle lezioni, il tema dello sviluppo nel ciclo di vita verrà affrontato dal punto di vista cognitivo. Dopo aver analizzato le differenze in termini di sviluppo, maturazione, epigenesi e ontogenesi nel ciclo di vita, saranno presi in esame i principali quesiti e problemi metodologici allo studio dello sviluppo cognitivo che sono dibattuti dalle più accreditate prospettive teoriche (5 ore) della Psicologia dello Sviluppo (es. cosa si sviluppa, come avviene lo sviluppo, lo sviluppo è dominio-generale o dominio-specifico? Quali paradigmi sperimentali si impiegano nell’ambito della Psicologia dello Sviluppo). Pertanto, verranno messi a confronto i più influenti approcci teorici sullo sviluppo cognitivo nel ciclo di vita, ponendo l’enfasi non solo sul contributo allo studio nell’infanzia ma anche nell’invecchiamento. A tale riguardo, verranno messe in luce le analogie e le differenze tra gli approcci classici allo studio dello sviluppo del comportamento umano (es. comportamentiste, piagetiana, costruttiviste) e gli approcci più recenti (es. innatismo, connessionismo, neurocostruttivismo) (32 ore). Relativamente all’approccio neurocostruttivista, verrà esaminato il suo contributo allo studio dello sviluppo tipico e atipico (8 ore).

Metodi Didattici

Durante le lezioni frontali eventuali materiali (es. articoli scientifici, monografie) saranno suggeriti per l’approfondimento e il confronto dialettico con gli studenti e le studentesse. Inoltre, all’inizio di ciascuna lezione potranno essere presentati dei quesiti/domande a scelta multipla per supportare gli studenti/studentesse nella verifica della comprensione dei temi trattati già nella lezione precedente e per introdurre gli argomenti che verranno illustrati. L’impiego di video potrà supportare la riflessione critica sulle tematiche approfondite durante le lezioni.

Verifica dell'apprendimento

Prova scritta
L’esame si compone di 11 domande a scelta multipla e due domande aperte sugli argomenti in programma. Le domande a scelta multipla prevedono l’attribuzione di un punto per ciascuna risposta corretta. Le risposte alle domande aperte (valutazione massima, 10 punti)verranno valutate impiegando i seguenti criteri:

- capacità dello studente di elaborare un testo scritto in modo sintetico e corretto dal punto di vista sintattico;

- capacità dello studente di padroneggiare l’argomento, anche con riferimento alla capacità di cogliere i nessi tra dimensioni/costrutti distinti del comportamento (es. relazione tra lo sviluppo sociale e lo sviluppo della capacità di mentalizzare);

- padronanza espressiva con riferimento all’uso del linguaggio e quindi della terminologia propri della Psicologia dello Sviluppo;

- capacità dello studente di argomentare le tematiche proposte in maniera critica (es. evidenziare le analogie e le differenze tra due approcci distinti allo studio dello sviluppo di una certa dimensione del comportamento);

La prova di esame si svolgerà in cinquanta minuti.

Qualora per l’emergenza COVID-19 non si potessero svolgere le prove di esame scritte in aula, gli studenti e le studentesse saranno esaminate oralmente su piattaforma digitale Microsoft Teams.

Testi

- V. Macchi Cassia, E. Valenza e S. Simion (2012). Lo sviluppo della mente umana. Bologna: il Mulino

Inoltre, a scelta dello/a studente/essa:

- E. Valenza e C. Turati (2019). Promuovere lo sviluppo della mente (capitoli 1-5). Bologna: Il Mulino.

OPPURE

- F. Morganti (2022). Psicologia dell’invecchiamento e qualità della vita (capitolo 1: 1.4, da pag. 58 a pag. 77, capitolo 2 da pag. 79 a pag. 110, capitoli 3, 4, 6, 7). Roma: Carocci.

Eventuali materiali di approfondimento (articoli scientifici) verranno indicati durante le lezioni.

Altre Informazioni

Se le condizioni legate alla diffusione pandemica del COVID-19 lo consentono, il ricevimento avviene su appuntamento presso lo studio 14 del Dipartimento di Pedagogia, Psicologia, Filosofia previa richiesta via email all’indirizzo chiara.fastame@unica.it. Diversamente, per ragioni di sicurezza e per gli studenti/esse lavoratori/trici, il ricevimento potrà avvenire su piattaforma digitale previo appuntamento concordato via email con la docente.

Si ricorda, che presso l’Ateneo di Cagliari è attivo l’Ufficio Disabilità (http://people.unica.it/disabilita/) che, come previsto dalla Legge n.17/99 e compatibilmente con le linee progettuali e le risorse disponibili, su richiesta, consente di realizzare interventi il più possibile personalizzati e rispondenti alle esigenze del singolo studente. Per accogliere, quindi, le esigenze specifiche e poter individualizzare le modalità di studio e verifica, la docente invita a presentarsi presso tale servizio, che rilascerà apposita certificazione

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie