Seleziona l'Anno Accademico:     2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022 2022/2023
Docente
GIORGIO LA NASA (Tit.)
MARIO SCARTOZZI
ELEONORA LAI
OLGA MULAS
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[40/39]  MEDICINA E CHIRURGIA [39/00 - Ord. 2015]  PERCORSO COMUNE 8 110

Obiettivi

CONOSCENZA E CAPACITA’ DI COMPRENSIONE: Lo studente deve essere capace di valutare e di affrontare nel singolo individuo lo stato di salute, sotto l'aspetto preventivo, diagnostico, terapeutico e riabilitativo ed integrare gli apporti della patologia sistematica e della medicina specialistica campo oncologico, ematologico ed oncoematologico in una visione unitaria dell'uomo ammalato.
CAPACITA’ APPLICATIVE: lo studente dovrà acquisire la capacità di affrontare il percorso diagnostico e terapeutico delle patologie oncologiche, ematologiche e oncoematologiche sapendosi districare tra ipotesi alternative e diagnosi differenziali. In tale ambito lo studente acquisirà la capacità di scegliere in maniera razionale ed efficiente quali strumenti diagnostici utilizzare tra quelli disponibili per giungere ad una diagnosi ed impostare una terapia appropriata.
AUTONOMIA DI GIUDIZIO: Lo studente imparerà ad acquisire ed integrare dati anamnestici e strumentali al fine di formulare un giudizio diagnostico nell’ambito delle malattie ematologiche.
ABILITÀ NELLA COMUNICAZIONE: Lo studente imparerà ad esporre i dati rilevanti di un determinato caso clinico e a comunicare in modo appropriato lo sviluppo e l’esito di procedure diagnostiche ed interventi terapeutici.
CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO: Lo studente imparerà ad acquisire nuove informazioni e ad implementare il proprio bagaglio culturale in modo critico attraverso la consultazione ed interpretazione critica della recente letteratura scientifica.

Prerequisiti

E' prerequisito fondamentale una buona conoscenza della fisiopatologia per meglio definire le caratteristiche cliniche e semeiologiche delle varie malattie oncologiche e ematologiche. Comprendere le basi genetiche che sottendono i vari processi oncologici e emolinfoproliferativi. 

Contenuti

Programma dell’attività formativa di Ematologia e Oncologia Clinica:
1^ Modulo Ematologia
Emopoiesi. Anemie iporigenerative. Sindromi talassemiche ed emoglobinopatie. Anemie emolitiche. Aplasia midollare. Mielodisplasie.  Leucemie acute. Leucemia mieloide cronica. Neoplasie mieloproliferative croniche Ph-. Linfoma di Hodgkin. Linfoma non Hodgkin.  Leucemia Linfatica cronica. Gammapatie Monoclonali. Mieloma Multiplo. Cellule Staminali e principi trapiantologici. CID. Piastrinopenie. Microangiopatie Trombotiche. Approccio per problemi. Urgenze ed emergenze in ematologia. Casi clinici.
2^ Modulo Oncologia Clinica:
Epidemiologia dei tumori solidi: fattori di rischio. Prevenzione primaria e secondaria dei tumori: generalità. Prevenzione primaria e secondaria dei tumori. Chemioprevenzione dei tumori. Principi di proliferazione cellulare e resistenza cellulare ai farmaci. Modalità di diffusione dei tumori: metastatizzazione. Stadiazione dei tumori. Fattori prognostici e predittivi generali dei tumori. Farmaci antiproliferativi: classi, meccanismo d’azione e tossicità. Farmaci a bersaglio molecolare. Indicazioni al trattamento chemioterapico: terapia neoadiuvante, adiuvante, curativa, palliativa. Fasi della sperimentazione clinica controllata. Valutazione della risposta terapeutica. Follow-up in Oncologia Medica. Carcinoma della mammella. Neoplasie polmonari. Carcinoma del colon retto. Neoplasie Ginecologiche (Carcinoma dell’endometrio, carcinoma della cervice). Carcinoma della prostata. Neoplasie del testicolo. Neoplasie della testa e del collo. Emergenze oncologiche. Il dolore in oncologia. Terapia del dolore. Oncologia geriatrica: valutazione geriatrica multidimensionale. Terapie di supporto in oncologia. Cure palliative. Cachessia neoplastica.

Metodi Didattici

Il corso si svolgerà con lezioni frontali che prevedono l’uso di presentazioni in PowerPoint e attività pratica all’interno del reparto di degenza, ambulatorio, day hospital e all’interno dei locali dove si effettuano procedure quali agoaspirato midollare, biopsia osteomidollare e striscio di sangue periferico e midollare. La lezione frontale potrà essere alternata a metodi di insegnamento innovativi, che hanno come scopo il coinvolgimento attivo degli studenti nel processo di apprendimento (activelearning) mediante l’analisi ed interpretazione di casi clinici. In accordo con quanto indicato nel Manifesto degli Studi per l’AA 2020-2021 (pag.12): “La didattica verrà erogata contemporaneamente sia in presenza sia online, delineando dunque una didattica mista che possa essere fruita nelle aule universitarie ma al contempo anche a distanza. Sarà lo studente all’inizio del semestre ad optare per la didattica in presenza o a distanza, la scelta sarà vincolante per l’intero semestre. Qualora il numero degli studenti superi la capienza delle aule, determinata sulla base disposizioni governative in materia sanitaria ai fini del contrasto alla pandemia da Covid-19, l’accesso alle strutture didattiche sarà regolato attraverso un sistema di turnazione che sarà comunicato a tempo debito agli studenti interessati

Verifica dell'apprendimento

L'esame finale del corso è basato sulla valutazione di una prova scritta e orale.
Prova scritta: lo studente dovrà rispondere a domande a risposta multipla su diversi blocchi del programma.
Prova orale: lo studente dovrà rispondere a 3 domande a risposta aperta su tre dei diversi argomenti del programma presentati anche sotto forma di caso clinico. Ogni domanda viene valutata con un punteggio da 0 a 10.
In entrambi i casi il voto finale è espresso in trentesimi. La prova è superata se si consegue almeno la votazione di 18/30.
Sono valutate la conoscenza degli argomenti del corso, la capacità di formulare ipotesi diagnostiche e la capacità di verificarle mediante l’impostazione di un opportuno programma diagnostico. Sarà inoltre valutata le conoscenze non specialistiche delle terapie relative alle diverse patologie prese in esame. Viene in fine valutata la capacità di espressione, l’uso di terminologia appropriata, la capacità di sintesi.
Il voto finale tiene conto di:
Qualità delle conoscenze, abilità, competenze possedute e/o manifestate:
a) appropriatezza, correttezza e congruenza delle conoscenze
b) appropriatezza, correttezza e congruenza delle abilità
c) appropriatezza, correttezza e congruenza delle competenze
Modalità espositiva:
a) Capacità espressiva;
b) Utilizzo appropriato del linguaggio specifico della disciplina;
c) Capacità logiche e consequenzialità nel raccordo dei contenuti;
e) Capacità di collegare differenti argomenti trovando i punti comuni e istituire un disegno generale coerente, ossia curando struttura, organizzazione e connessioni logiche del discorso espositivo;
f) Capacità di sintesi.
Il giudizio può essere:
a) Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, livello superficiale, molte lacune, capacità espressive modeste, ma sufficienti a sostenere un dialogo coerente; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare; scarsa capacità di sintesi e di espressione grafica; scarsa interazione con il docente durate il colloquio.
b) Discreto (da 21 a 23)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità espressive piú che sufficienti a sostenere un dialogo coerente; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità; più che sufficiente capacità di sintesi e di espressione grafica.
c) Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con piccole lacune; soddisfacenti capacità espressive e significativa padronanza del linguaggio scientifico; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e capacità di espressione grafica piú che accettabile.
d) Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica; elevate capacità di sintesi e di espressione grafica.
e) Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito, eventuali lacune irrilevanti; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi e grande dimestichezza con l’espressione grafica.
La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, e i cui eventuali limiti nozionistici, espressivi, concettuali, logici risultino nel complesso del tutto irrilevanti.

Testi

-“MANUALE DI MALATTIE DEL SANGUE" Bosi A., De Stefano V., Di Raimondo F., La Nasa G. Ed. ELSEVIER.
-“LA MEDICINA ONCOLOGICA. Diagnosi, Terapia e gestione clinica. Labianca R., Cascinu S. Edizioni EDRA Italia

Altre Informazioni

Le iscrizioni agli appelli di esame verranno effettuate mediante accesso su ESSE3
Potranno sostenere l’esame gli studenti che avranno frequentato non meno del 70% delle lezioni frontali complessive e non meno del 50% di ciascun modulo e frequenza di tutte le ore previste per l’attività professionalizzante.

Questionario e social

Condividi su:
Impostazioni cookie