Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
MICHELA MARIGNANI (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[60/77]  CONSERVAZIONE E GESTIONE DELLA NATURA E DELL'AMBIENTE [77/00 - Ord. 2021]  PERCORSO COMUNE 6 56

Obiettivi

Obiettivi formativi dellinsegnamento
Al termine del corso gli studenti dovranno conoscere i fondamenti di ecologia delle popolazioni e delle comunità vegetali (scienza della vegetazione) e le loro relazioni con l'ecologia del paesaggio per poter interpretare e proporre soluzioni per lo studio della componente vegetale del paesaggio a scale diverse.

Conoscenze, abilità e comportamenti attesi con riferimento agli obiettivi di apprendimento
Conoscenze (sapere): Comprendere il ruolo della componente vegetale, come indicatore ecologico, in un contesto multiscalare e multitemporale; sapere rilevare i processi naturali e i disturbi antropici e comprendere la loro rilevanza dal punto di vista applicativo.
Abilità/Capacità (saper fare): Saper gestire e proporre metodi e e tecniche adeguate per affrontare il monitoraggio e la gestione della componente vegetale in differenti contesti ambientali e a scala diversa.
Comportamenti (saper essere): Conoscere gli strumenti necessari per poter affrontare i temi della botanica ambientale e applicata, utilizzando le teorie e gli strumenti più adeguati.

Prerequisiti

Conoscenza delle nozioni base di: ecologia, botanica sistematica e botanica ambientale secondo i programmi previsti nel corso della laurea triennale. Conoscenza dell’inglese ad un livello tale da consentire lo studio da testi in lingua inglese (B1/B2).

Contenuti

Ecologia vegetale
Le comunità vegetali: struttura, composizione, ecologia. Diversità, eterogeneità e funzioni ecosistemiche. Caratteri morfo-funzionali delle piante (plant functional types / traits). Distribuzione spaziale delle comunità vegetali. Relazioni clima/vegetazione. Stress e disturbo (naturale e antropico). Dinamica della vegetazione. Vegetazione e habitat. Biologia delle invasioni e comunità vegetali. Principali tipi di vegetazione in Italia. Gli habitat inclusi nella Direttiva Habitat (92/43/EEC) rete Natura 2000. La classificazione gerarchica del territorio.
Disegno e metodi di campionamento per lo studio e il monitoraggio della diversità vegetale; rappresentazioni cartografiche; analisi dei dati in ecologia vegetale. Conservazione, gestione e restauro della vegetazione.
Cenni di ecologia del Paesaggio: genesi, struttura, funzione e cambiamento.

Metodi Didattici

Lezioni frontali 32 ore. Laboratorio / Terreno 24 ore. Lezioni frontali con utilizzo di diapositive e lavagna. Lezione interattiva con utilizzo di materiale didattico in aula ed analisi di casi studio. Attività di campagna e laboratorio con lavoro singolo e di gruppo.
Come riportato nel Manifesto generale degli Studi per A.A. 2021/2022 (pag. 12). La didattica verrà erogata
prevalentemente in presenza, integrata e “aumentata” con strategie online, allo scopo di garantirne la
fruizione in modo innovativo e inclusivo

Verifica dell'apprendimento

Lo studente dovrà dimostrare di aver conseguito i risultati di apprendimento attesi definiti nella sezione Obiettivi formativi. Le domande verteranno sugli argomenti principali del corso: ecologia vegetale e descrizione ed interpretazione delle comunità vegetali. L'esame finale è orale con attribuzione di un voto finale.

Il punteggio della prova d'esame è attribuito con un voto espresso in trentesimi: sarà valutata l'attiva partecipazione degli studenti alle lezioni, alle esercitazioni ed alle escursioni didattiche.
Per superare l'esame, e riportare quindi un voto non inferiore a 18/30, lo studente deve dimostrare di aver conseguito una preparazione sufficiente rispetto ai risultati di apprendimento attesi definiti nella sezione Obiettivi formativi. Per conseguire un punteggio pari a 30/30 e lode, lo studente deve invece dimostrare di aver acquisito una preparazione eccellente rispetto ai risultati di apprendimento di cui sopra e capacità di mettere in relazione le conoscenze acquisite durante il corso.

Testi

Caryl L. Elzinga,Daniel W. Salzer,John W. Willoughby, James P. Gibbs 2001. Monitoring Plant and Animal Populations: A Handbook for Field Biologists Blackwell http://www.blm.gov/nstc/library/pdf/MeasAndMon.pdf

Bacchetta G., Bagella S., Biondi E., Farris E., Filigheddu R., Mossa L. 2009 - Vegetazione forestale e serie di vegetazione della Sardegna (con rappresentazione cartografica alla scala 1:350.000). Fitosociologia, 46(1), suppl. 1: 3-82.

Blasi (eds) (2010) La Vegetazione d´Italia con Carta delle Serie di Vegetazione in scala 1:500.000

Blasi C., Boitani L., La Posta S., Manes F. e Marchetti M.(Eds.), 2005. Stato della biodiversità in Italia. Palombi Editori.

Fowler /Cohen 2010. Statistica per ornitologi e naturalisti Franco Muzzio Editore ISBN-10: 8874132220

Magurran A.E. 2003. Measuring biological diversity. Blackwell Publishing.

Kent M. & Coker P., 1992. Vegetation description and analysis. A practical approach. CRC Press.

Verranno inoltre forniti dal docente articoli scientifici e dispense su tematiche specifiche, principalmente in lingua inglese.

Altre Informazioni

Strumentazione della lezione frontale:
computer, videoproiettore, lavagna.
Strumentazione della didattica in laboratorio: computer, carte tematiche digitali.
Strumentazione per l’autoapprendimento: testi delle lezioni; dispense; articoli scientifici; siti internet.

Questionario e social

Condividi su: