Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
ANTONELLA FAIS (Tit.)
Periodo
Secondo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[50/23]  SCIENZE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE [23/00 - Ord. 2017]  PERCORSO COMUNE 8 64

Obiettivi


Conoscenza e capacità di comprensione:
Il corso si propone di fornire agli studenti una approfondita conoscenza delle caratteristiche biochimiche e nutrizionali dei principali nutrienti, dei meccanismi biochimici che sono alla base del metabolismo, delle principali vie metaboliche e dei meccanismi di controllo dei percorsi metabolici in condizioni metaboliche normali e particolari (attività fisica, digiuno), con particolare interesse all’integrazione dei processi metabolici.
Capacità applicative:
Il corso fornisce allo studente competenze sulle basi molecolari dei processi biochimici della nutrizione, della loro regolazione e integrazione che potranno essere applicate alle problematiche che verranno presentate in altre discipline come Scienze Dietetiche Applicate, Fisiologia, Farmacologia, e Patologia.
Autonomia di giudizio:
Lo/a studente/essa sarà in grado di discernere tra argomenti fondamentali e complementari, individuando il filo logico sotteso allo studio razionale della Biochimica degli alimenti, con interpretazione e comparazione di dati scientifici, evitando l’acquisizione meramente mnemonica di definizioni, schemi, e reazioni chimiche.
Abilità nella comunicazione:
Lo/a studente/essa sarà in grado di argomentare i contenuti del corso utilizzando i formalismi, il linguaggio e il lessico tipici della disciplina. Interagirà col docente argomentando i punti salienti del programma di studio, col necessario dettaglio.
Capacità di apprendimento:
L’interazione col docente e con i colleghi/e, le lezioni interattive e il materiale didattico forniranno allo studente gli strumenti necessari all’apprendimento proficuo, ragionato e non mnemonico della disciplina e la possibilità di consultazione in autonomia delle fonti di aggiornamento professionale relative alla disciplina (banche dati, pubblicazioni e fonti informative accreditate a livello nazionale e internazionale).

Prerequisiti


Conoscenza dei principi base della chimica generale, inorganica e organica, della biochimica generale.

Contenuti

Richiami di biochimica strutturale: biomolecole (carboidrati, lipidi, nucleotidi, amminoacidi e proteine), enzimi (meccanismo di reazione, cinetica, regolazione dell’attività).
Biochimica dei macronutrienti e micronutrienti: struttura, funzione e metabolismo.
- Vitamine (liposolubili e idrosolubili), minerali e composti bioattivi: struttura, funzione e ruolo biochimico.
- Carboidrati: struttura, digestione, assorbimento, metabolismo (trasportatori del glucosio; glicolisi; gluconeogenesi; destino aerobio e anaerobio del piruvato; glicogenolisi e glicogeno sintesi; via dei pentosi fosfato; metabolismo di altri carboidrati). Regolazione del metabolismo glucidico.
- Lipidi: struttura, digestione, assorbimento, metabolismo (ossidazione degli acidi grassi saturi, insaturi e a numero dispari di atomi di carbonio; sintesi dei corpi chetonici e loro utilizzo; sintesi degli acidi grassi, dei triacilgliceroli e dei glicerofosfolipidi; metabolismo del colesterolo; trasporto dei lipidi e del colesterolo mediante le lipoproteine plasmatiche: chilomicroni, VLDL, LDL e HDL). Regolazione del metabolismo dei lipidi e del colesterolo.
- - Proteine: struttura, digestione, assorbimento, metabolismo (metabolismo generale degli amminoacidi; destino metabolico dei chetoacidi e dello ione ammonio; metabolismo speciale di amminoacidi). Regolazione del metabolismo proteico.
- Nucleotidi: struttura, digestione, assorbimento, metabolismo (catabolismo e delle basi puriniche e pirimidiniche; cenni sulla sintesi delle basi azotate).
- Metabolismo dell’etanolo: alcol deidrogenasi e aldeide deidrogenasi; sistema microsomiale; alterazioni metaboliche indotte dall’etanolo sul metabolismo glucidico e lipidico.
- Metabolismo dell’eme: cenni sulla sintesi e degradazione dell’eme.
- Produzione e conservazione dell’energia metabolica: ciclo dell’acido citrico, fosforilazione ossidativa e fosforilazione a livello del substrato.
- Integrazione e regolazione del metabolismo energetico (metabolismi organo e tessuto specifici; modificazioni metaboliche nel ciclo alimentazione-digiuno).

Metodi Didattici


Il corso di Biochimica della Nutrizione prevede 64 ore di lezioni frontali. Le lezioni teoriche sono affiancate da attività didattiche integrative con esercitazioni teoriche relative alla rielaborazione critica dei contenuti del corso, simulazione di esami con analisi di domande e relative risposte.
La didattica verrà erogata prevalentemente in presenza, integrata e “aumentata” con strategie online.
Il docente fornirà spiegazioni individuali durante l’orario di ricevimento per appuntamento.
Per coadiuvare lo studio il docente renderà disponibili le slides delle lezioni.

Verifica dell'apprendimento

L’esame orale finale si terrà negli appelli durante i periodi previsti dal calendario didattico di Facoltà.

Durante il corso è prevista una prova in itinere (prova scritta: quesiti a risposta multipla, quesiti a riempimento e domande a risposta aperta breve) la valutazione sarà espressa in trentesimi. Il voto della prova in itinere, se accettato dallo studente, farà media ponderata con il voto dell’esame finale orale.

Lo/a studente/essa deve dimostrare di conoscere le caratteristiche delle biomolecole di interesse nutrizionale, e le vie metaboliche in cui sono coinvolte, enzimi e coenzimi coinvolti. Lo/a studente/essa dovrà inoltre essere in grado di descrivere le variazioni dell'attività metabolica in differenti condizioni di alimentazione e al variare di diverse condizioni fisiologiche.
Verranno valutati i seguenti parametri:
- qualità delle conoscenze, delle abilità e delle competenze possedute (appropriatezza, correttezza e congruenza)
- utilizzo appropriato del formalismo e del linguaggio specifico della disciplina
- capacità logiche e consequenzialità dei contenuti, capacità di collegare differenti argomenti trovando i punti comuni e istituire un disegno generale coerente, ossia curando struttura, organizzazione e connessioni logiche
- capacità di sintesi (anche mediante l’uso del simbolismo proprio della materia e l’espressione grafica di nozioni e concetti, sotto forma di formule, grafici, schemi, equazioni chimiche)
- capacità di autovalutazione, di interazione con il docente durante le lezioni interattive e il colloquio, spirito critico.
Il giudizio, espresso in trentesimi, può essere:
Sufficiente (da 18 a 20/30)
Il candidato dimostra poche nozioni acquisite, livello superficiale, molte lacune. capacità espressive modeste, ma comunque sufficienti; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di livello elementare.
Discreto (da 21 a 23)
Il candidato dimostra discreta acquisizione di nozioni, ma scarso approfondimento, poche lacune; capacità argomentative più che sufficienti; accettabile padronanza del linguaggio scientifico; capacità logiche e consequenzialità nel raccordo degli argomenti di moderata complessità.
Buono (da 24 a 26)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni piuttosto ampio, moderato approfondimento, con qualche lacuna; soddisfacenti capacità espressive; capacità dialogica e spirito critico ben rilevabili; buona capacità di sintesi e capacità di espressione grafica più che accettabile.
Ottimo (da 27 a 29)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso, ben approfondito, con lacune marginali; notevoli capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; notevole capacità dialogica, buona competenza e rilevante attitudine alla sintesi logica.
Eccellente (30)
Il candidato dimostra un bagaglio di nozioni molto esteso e approfondito; elevate capacità espressive ed elevata padronanza del linguaggio scientifico; ottima capacità dialogica, spiccata attitudine a effettuare collegamenti tra argomenti diversi; ottima capacità di sintesi e grande dimestichezza con l’espressione grafica.
La lode si attribuisce a candidati nettamente sopra la media, in assenza di limiti nozionistici, espressivi, concettuali, logici.

Testi


DL Nelson, MM Cox - I principi di Biochimica di Lehninger - settima edizione – Zanichelli, 2018.
DR Ferrier - La basi della Biochimica - II edizione – Zanichelli, 2015
I. Cozzani, E. Dainese - Biochimica degli Alimenti e della Nutrizione – Piccin, 2006
U. Leuzzi, E. Bellocco, D.Barreca – Biochimica della nutrizione – Zanichelli, 2013
G.Arienti – Le basi molecolari della nutrizione – quarta edizione – Piccin, 2016
TM Devlin Biochimica con aspetti clinici, 5ed – Edises, 2016
Siliprandi & Tettamanti – Biochimica Medica – V edizione, 2018

Altre Informazioni

Contatti:
Prof.ssa Antonella Fais: Dipartimento Scienze della Vita e dell’Ambiente, sezione Biomedica, Cittadella Universitaria S.S 554 km 0.700 bivio per Sestu, 09042 Monserrato.
tel: 070-675-4506
e-mail: fais@unica.it
La Prof.ssa Fais riceve tutti i giorni, previo appuntamento. Il docente è disponibile ad incontri di approfondimento per gruppi di studenti.
Link Teams “CdL SAN - Biochimica della Nutrizione - Ricevimento student”
https://teams.microsoft.com/l/team/19%3aayN49yPw3WZS6i7wRdPYXwmzuggpHVyNbJ57iKvecUU1%40thread.tacv2/conversations?groupId=4d12a8e5-66db-4b01-aa8b-6ff30738f065&tenantId=6bfa74cc-fe34-4d57-97d3-97fd6e0edee1

Questionario e social

Condividi su: