Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
MARIO SELVAGGIO (Tit.)
Periodo
Primo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[20/40]  LETTERE [40/10 - Ord. 2008]  LETTERE CLASSICHE 12 60
[20/40]  LETTERE [40/20 - Ord. 2008]  LETTERE MODERNE 12 60

Obiettivi

Gli studenti dovranno essere in grado di: analizzare un testo non solo da un punto di vista semantico ma anche strutturale in modo da poterlo inquadrare correttamente nel contesto storico-letterario di appartenenza; approfondire questioni critiche anche in una prospettiva diacronica e comparata; assimilare le suggestioni proposte e rielaborare, in modo autonomo e originale, i contenuti acquisiti.

Prerequisiti

Gli studenti dovranno: possedere conoscenze adeguate della letteratura e dei fenomeni storico-culturali connessi ai testi letterari; conoscere altresì gli strumenti critici e teorici funzionali allo studio e all’analisi dei testi letterari e al loro inquadramento nei relativi contesti storico-sociali, e le metodologie proprie della critica letteraria.

Contenuti

1° Modulo. "Amore e Morte nella narrativa francese dell’Ottocento: da Chateaubriand a Flaubert"

Nel primo modulo, consacrato al suggestivo binomio Eros-Thanatos nella produzione narrativa dell’Ottocento, cercheremo di delineare un percorso tematico volto a rintracciare le tappe più significative nella lenta ma inesorabile evoluzione della raffigurazione letteraria dell’Amore e dei suoi tragici risvolti in alcune delle opere più significative sul tema. Prendendo spunto dalle teorie di Freud, Bataille e Mitchell, vedremo come l’amore romantico si evolverà nel corso dell’Ottocento, fino a sfociare nella ‘morte salvifica’, attraverso il gesto estremo del suicidio. Partiremo dai romanzi brevi di Chateaubriand ("Atala" e "René"), per poi passare alla produzione in prosa di Madame de Staël, in particolare alle sue due opere a sfondo autobiografico "Delphine" e "Corinne", e al capolavoro di Benjamin Constant, "Adolphe". "Notre-Dame de Paris" di Hugo ci trasporterà, invece, in una dimensione tipicamente gotica dalle inquietanti atmosfere ‘noir’, in cui i personaggi principali del romanzo, primi fra tutti, Esmeralda, Quasimodo e Frollo, sembrano vivere in bilico costante tra Eros e Thanatos. Il nostro percorso si concluderà con "Madame Bovary" di Flaubert, che porterà agli eccessi il discorso Amore-Morte, contribuendo a sdoganare per sempre il labile confine tra amore coniugale e amore adulterino.

2° Modulo. "Il Vampiro e la sua simbologia nella poesia francese dell’Ottocento: da Hugo a Rimbaud"

Nel secondo modulo, incentrato sulla figura del vampiro e sulla sua profonda simbologia, proporremo un rilettura critica del mito vampiresco in ambito poetico. Tra i vari mostri partoriti dalla mente umana, il vampiro è quello maggiormente investito di simbologie erotiche. L’atto penetrante del morso – con cui il vampiro si nutre, da cui trae vita – ricorda l’atto sessuale – atto con cui si dà la vita – creando nell’amplesso tra succhia-sangue e vittima una concreta realizzazione del connubio tra Amore e Morte. Nell’empio atto d’amore il vampiro toglie la vita – il sangue che ne è simbolo e tabù in numerose religioni – ma nel contempo trasmette una nuova vita, maledetta ed eterna. Questo binomio di Eros e Thanatos trova in epoca romantica una particolare proliferazione. L’Amore raggiunge la sua massima perfezione, la sua sublimazione perfetta, nel momento in cui i due amanti si fondono con l’Assoluto, ossia quando muoiono assieme. Nell’abbraccio in punto di morte, i due amanti trovano un equilibrio tra la Pulsione di Vita – che spinge l’uomo a procreare e ad agire in “modo costruttivo” – e la Pulsione di Morte – che agisce in senso contrario, verso l’annientamento, il 'cupio dissolvi'. Nel corso del secondo modulo, vedremo dunque come questa figura viene raffigurata in poesia e quali sono le sue principali connotazioni. Partiremo dai testi hugoliani intrisi di profonde connotazioni infernali, per poi passare agli adattamenti in versi di antiche storie slave di Prosper Mérimée, alle proposte ‘moderne’ di Théophile Gautier e Baudelaire, per arrivare, infine, a Rimbaud.

Metodi Didattici

Lezioni frontali a sfondo seminariale.

Verifica dell'apprendimento

Colloquio in lingua italiana atto a testare le competenze acquisite. La valutazione prenderà in considerazione la padronanza espressiva e l’utilizzo di una terminologia appropriata da parte degli esaminandi, nonché la loro capacità nell’affrontare, nell’analizzare e nel contestualizzare in modo critico le problematiche sollevate durante il corso.

Testi

1° Modulo. "Amore e Morte nella narrativa francese dell’Ottocento: da Chateaubriand a Flaubert"

Storia letteraria dell’Ottocento

"Le XIXe Siècle. Les Grands Auteurs français. Anthologie et histoire littéraire", [textes réunis et présentés par] André Lagarde et Laurent Michard, 3e éd., Paris, Bordas, « Collection littéraire Lagarde et Michard », 19883 [parti scelte]

Pierre Brunel, Yvonne Bellenger et Alii, "Storia della letteratura francese (XIX-XX secolo)", edizione italiana a cura di Giovanni Bogliolo, vol. 2, Rapallo, CIDEB, 1999 [prima parte].

Romanzi

François-René de Chateaubriand, "Atala (ou Les Amours de deux sauvages dans le désert)", Paris, Migneret, 1801.

François-René de Chateaubriand, "René", Paris, Migneret, 1802.

Madame de Staël-Holstein, "Delphine", Genève, Jean-Jacques Paschoud, 1802. [Brani scelti]

Madame de Staël-Holstein, "Corinne (ou l’Italie)", Paris, H. Nicolle, 1807. [Brani scelti]

Benjamin Constant, "Adolphe", Paris, Treuttel et Würtz, 1816. [Brani scelti]

Victor Hugo, "Notre-Dame de Paris", Paris, Charles Gosselin, 1831.

Gustave Flaubert, "Madame Bovary (Mœurs de province)", Paris, Michel Lévy, 1857.

Saggi critici

Sigmund Freud, "Au-delà du principe du plaisir (1920), in Essais de psychanalyse", Paris, Payot, 1980.

Sigmund Freud, "Notre relation à la mort précédé de La désillusion causée par la guerre", traduit de l’allemand par Pierre Cotet, André Bourguignon et Alice Cherki, Paris, Payot & Rivages, 2012.

Georges Bataille, "L’érotisme", Paris, Éditions de Minuit, 1957.

Stephen A. Mitchell, "L’amore può durare? Il destino dell’amore romantico", trad. di Francesco Gazzillo, Milano, Raffaello Cortina, 2003.

Mario Praz, "La chair, la mort et le diable dans la littérature du XIXe siècle". Le romantisme noir, traduction de l’italien par Constance Thomson Pasquali, Paris, Gallimard, « Tel », 1999. [Saggi scelti]

2° Modulo. "Il Vampiro e la sua simbologia nella poesia francese dell’Ottocento: da Hugo a Rimbaud"

Testi poetici

Giovanni Dotoli & Mario Selvaggio, "Le vampire dans la poésie française. XIXe - XXe siècles. Anthologie", préface [de] Alain Rey, illustrations [de] Emma Virginia Puggioni, Albe-robello - Paris, Editrice AGA - L’Harmattan, « L’Orizzonte n° 60 », 2019, 480 p. [En couverture : Le Vampire, lithographie de R. de Moraine, in Paul Féval, Les Tribunaux secrets, Paris, Boulanger et Legrand, Libraires - Éditeurs, 1864.] - Textes de : Mr Aillaud, Maréchalle, Victor Hugo, Prosper Mérimée, Louis-Maxime Guffroy, Jules-Amédée Barbey d’Aurevilly, Paul Verlaine, E. La Rivière, Amédée Pommier, Charles Baudelaire, Amédée Désandré, Baron de Ville-d’Avray, André Daubray, Edmond Febvrel, Camille Delthil, Alfred de Vigny, Comte de Lautréamont, Vincent-de-Paul Gaboriau, Maurice Rollinat, Théophile Gautier, A. Gilbert, Arthur Rimbaud, Georges Rebuffat, Georges Fidit, Jacques Ricquebourg, Stéphane Moreau, Victor Segalen, Ju-lien Lapierre, Yello da Relly, José Stéfani-Poquet, Marcel Schwob, Jean-Marie-Paul. - En Appendice : Johann Wolfgang von Goethe, « La fiancée de Corinthe » ; George Gordon Noel Byron, « Le Giaour » ; Prosper Mérimée, « Sur le vampirisme » ; Gottfried August Bürger, « Lénore » ; Comte Maxime Odin, « Smarra ou les Démons de la Nuit » ; Aloysius Bertrand, « Scarbo ». - 8 planches hors-texte + 10 illustrations en couleurs par Emma Virginia Puggioni. [Testi scelti]

Saggi critici

"Le vampire et ses métamorphoses dans l’imaginaire littéraire et artistique", sous la direction de Giovanni Dotoli & Mario Selvaggio, avec une encre de Giulia Spano, « Noria. Revue littéraire et artistique », fondée et dirigée par Giovanni Dotoli & Mario Selvaggio, Paris - Alberobello, AGA Editrice - L’Harmattan, N° 3, Mars 2021, p. 17-459. [Saggi scelti].

Altre Informazioni

Gli studenti impossibilitati a frequentare le lezioni sono pregati di mettersi in contatto con il docente per concordare un programma specifico.

Questionario e social

Condividi su: