Seleziona l'Anno Accademico:     2016/2017 2017/2018 2018/2019 2019/2020 2020/2021 2021/2022
Docente
ROSSELLA FADDA (Tit.)
Periodo
Primo Semestre 
Modalità d'Erogazione
Convenzionale 
Lingua Insegnamento
ITALIANO 



Informazioni aggiuntive

Corso Percorso CFU Durata(h)
[1/31]  GIURISPRUDENZA [31/00 - Ord. 2017]  PERCORSO COMUNE 6 48

Obiettivi

A) Conoscenza e comprensione: l’insegnamento è preordinato alla conoscenza degli istituti fondamentali del diritto di famiglia, al loro inquadramento nel sistema privatistico e all’analisi critica dei problemi emergenti e delle questioni dibattute nella prassi giurisprudenziale, allo studio dell'evoluzione della materia alla luce delle più recenti riforme.
B) Capacità di applicare conoscenza e comprensione: lo studio mira a far conseguire allo studente la capacità di applicare le nozioni teoriche per la soluzione dei quesiti pratici.
C) Autonomia di giudizio: l'analisi di casi pratici consentirà di acquisire la capacità di risolvere casi giuridici e formulare pareri.
D) Abilità comunicative: lo studente dovrà acquisire la capacità di esporre e risolvere casi giuridici con padronanza di linguaggio e sviluppare capacità argomentative e comunicative.
E) Capacità di apprendimento: lo studente dovrà saper aggiornare le conoscenze acquisite e accrescerle nel suo futuro percorso di studi

Prerequisiti

Conoscenze di base, conoscenze delle istituzioni di diritto privato; capacità di comprensione e di analisi critica di un testo; capacità di analizzare e risolvere casi pratici.
L'esame di diritto di famiglia può essere sostenuto dopo il superamento dell'esame di Istituzioni di diritto privato.

Contenuti

Il programma ha ad oggetto:
- I caratteri fondamentali del diritto di famiglia, i problemi e le linee evolutive.
- Matrimonio, famiglia di fatto, unioni civili,
- Rapporti personali
- Rapporti patrimoniali
- Invalidità, separazione e divorzio
- Filiazione; adozione.
Si riserverà particolare attenzione alla riforma della filiazione, della separazione e del divorzio e alla legge sulle unioni civile e le convivenze, nonché ai più recenti interventi della Corte di Cassazione e della Corte Costituzionale

Metodi Didattici

La didattica verrà erogata prevalentemente in presenza, integrata e “aumentata” con strategie online, allo scopo di garantirne la fruizione in modo innovativo e inclusivo.
L'insegnamento si svolgerà attraverso lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche basate su sentenze relative al programma del corso (da 32 a 36 ore di lezioni frontali, da 16 a 12 ore di esercitazioni e casi pratici, a seconda del numero di studenti). Gli studenti frequentanti potranno partecipare attivamente alle esercitazioni attraverso lo studio e la soluzione di casi pratici.
Prove di autovalutazione: il docente proporrà ai frequentanti una prova intermedia per autotestare il livello di apprendimento durante il corso.
Al fine di facilitare l'assimilazione dei concetti, l'illustrazione di taluni argomenti sarà accompagnata dalla proiezione di slides.

Verifica dell'apprendimento

La valutazione prevede una prova svolta in forma orale, in cui vengono proposte domande relative a diversi settori del programma svolto. La prova tenderà a verificare l'avvenuta acquisizione delle conoscenze e delle abilità rientranti tra gli "obiettivi formativi". Si terrà conto della partecipazione a seminari ed esercitazioni, sottoponendo allo studente casi pratici e verificando la conoscenza della più recente giurisprudenza. La partecipazione a esercitazioni e casi pratici durante la frequenza del corso esonera dalla verifica finale per la corrispondente parte del programma.
Il giudizio sarà attribuito con un voto espresso in trentesimi.
Nella formulazione del giudizio finale troveranno applicazione i seguenti criteri di valutazione: •Mancato superamento dell’esame: insufficiente conoscenza degli istituti oggetto del corso; • Da 18 a 21: conoscenza elementare o non approfondita delle tematiche di cui sopra; presenza di lacune non particolarmente ampie; • da 22 a 24: preparazione non particolarmente approfondita ma completa; • Da 25 a 27: preparazione buona, caratterizzata da linguaggio tecnico adeguato; •Da 28 a 30: preparazione eccellente; linguaggio tecnico e modo di esprimersi puntuale e preciso; •30 e lode: ulteriori qualità della preparazione desumibili da un visione sistematica e di insieme ampia e approfondita; brillantezza e sicurezza nell’esposizione e capacità di applicare gli istituti per la soluzione di casi pratici.

Testi

G. Ferrando, Diritto di famiglia, Bologna, 2020, escluse le seguenti parti: Cap. 1, § 3, 4.3, 7. Cap. 2, § 9.4, 9.5, 10, 12. Cap. 3, § 11, 12. Cap. 4, § 14. Cap. 5, § 6. Cap. 13, § 5, 6.
In alternativa: T. Auletta, Diritto di famiglia, Torino, 2020, ad eccezione delle parti sotto indicate:
Cap. secondo, § 2.8, 2.9, 2.10;
Cap. terzo, § 3.6;
Cap. quarto, § 4. 15;
Cap. quinto, § 5.8, 5.9;
Cap. sesto, § 6.6, 6.7;
Cap. settimo, § 7.3;
Cap. ottavo, § 8.10;
Cap. nono;
Cap. decimo;
Cap. dodicesimo, § 12.7;
Cap. tredicesimo, § 13.7, 13.8, 13.9, 13.10.
In alternativa: M. Sesta, Manuale di diritto di famiglia, Padova, 2021, ad eccezione delle parti sotto indicate: capitolo I (si consiglia la lettura); cap. II, par. 9, 11, 12; cap. IV, par. 8, 9; cap. VIII, par. 17, 18, 19; cap. XIII, par. 2, 3, 4.
Per tutti i testi consigliati si suggerisce di utilizzare l'ultima edizione.
Si consiglia l'uso di un codice civile aggiornato.

Altre Informazioni

Il docente riceverà gli studenti il venerdì dalle ore 11.00 alle ore 13.00 nel suo studio presso il dipartimento di giurisprudenza, e on line mediante la piattaforma Microsoft Teams, in entrambi in casi previo appuntamento via mail. Potrà essere contattata via mail all'indirizzo: rossellafadda@unica.it

Questionario e social

Condividi su: