Erasmus+ Cambiare vita, aprire la mente

Il programma Erasmus+ ha l’obiettivo di consentire l’esperienza di vita in altri Paesi, la conoscenza di altre culture e l’acquisizione di una formazione universitaria più varia e completa. I risultati perseguiti sono la crescita dell’identità europea, il rafforzamento del concetto di multiculturalità e di multilinguismo, nonché il miglioramento delle prospettive lavorative dei cittadini europei.
Le Università traggono vantaggio dal programma attraverso il rafforzamento delle collaborazioni con altre Istituzioni Europee, le quali si traducono in modernizzazione dei programmi e competitività dell’istruzione europea nel mondo. Negli ultimi anni questa collaborazione ha portato alla creazione prima e al perfezionamento poi di un sistema di istruzione europeo unificato che semplifica il riconoscimento dei periodi di studio all’estero e dei crediti acquisiti. In virtù di tale rete di collaborazioni con università e imprese dei 33 Paesi stranieri aderenti al programma Erasmus +, gli studenti di UNICA possono effettuare due tipi di esperienza di mobilità: studio e traineeship.

Uno studente può beneficiare per ogni ciclo di studio di:

  • Mobilità per studio: da 3 a 12 mesi
  • Mobilità per traineeship: da 2 a 12 mesi, anche per i neolaureati.

Periodi di studio e periodi di tirocinio possono essere tra loro alternati per un massimo di 12 mesi per ciclo; per le lauree a ciclo unico i mesi per la mobilità sono in totale 24.
In Erasmus + lo studente può seguire corsi, sostenere esami, fare ricerca per la tesi di laurea, effettuare esperienze di tirocinio e usufruire delle strutture disponibili presso gli enti stranieri ospitanti senza dover pagare ulteriori tasse oltre quelle previste dalla propria Università.
Agli studenti Erasmus + viene inoltre assegnata una borsa di mobilità il cui importo è modulato in base al costo della vita del Paese ospitante.
Prima della partenza, gli studenti ricevono inoltre l’approvazione delle attività di studio o di traineeship da parte dell’università di appartenenza e dell’università ospitante.

Questionario e social

Condividi su: