UniCa UniCa News Press review Giovedì 19 gennaio 2006

Giovedì 19 gennaio 2006

ufficio stampa e redazione web: rassegna quotidiani locali
19 January 2006

RASSEGNA A CURA DELL’UFFICIO STAMPA E WEB

Segnalati 5 articoli delle testate L’Unione Sarda e La Nuova Sardegna


1
l’unione sarda
Pagina 22 – Cagliari
Villanova
Inaugurata l’area pedonale dedicata a Orrù

È stata intitolata a Gaetano Orrù, già sindaco di Cagliari e Rettore dell’università, l’area pedonale tra via san Domenico e via XXIV maggio. Dal palco in velluto rosso allestito per l’occasione, prima il sindaco e poi i pronipoti di Orrù hanno tracciato le linee essenziali della vita dell’ex primo cittadino morto nel 1900 e riconosciuto studioso di diritto internazionale. (m. r.)


2
l’unione sarda
Pagina 24 – Sulcis
Sant’Anna Arresi
Aumentano le immatricolazioni nell’Università a distanza

Conferme e novità per l’università "a distanza" di Sant’Anna Arresi. Stabili le immatricolazioni ai corsi e nel già ricco programma della sede staccata della facoltà di Economia di Bologna fa capolino il Consorzio "Forum" per la formazione universitaria multimediale. Una novità per l’università online di Sant’Anna Arresi specializzata nello sfornare i manager delle vacanze. Chiuse le iscrizioni si fa la conta dei nuovi immatricolati. E il primo dato che salta all’occhio è il gradimento che continua a suscitare il triennio di studi per la laurea in Economia e gestione dei servizi turistici. Anche se qualche problema non è mancato. «Le voci sulla chiusura della sede staccata di Calasetta, a dire il vero, qualche intoppo l’hanno provocato anche qui da noi. In tanti hanno pensato che potesse interessare anche la nostra sede: ma così non è stato. Per fortuna, - ha spiegato Romina Porcu dalla segreteria dell’università online di Sant’Anna Arresi - non ci sono state grosse ripercussioni e il numero degli iscritti è rimasto sostanzialmente invariato». Così i nuovi immatricolati sono stati nove (lo scorso anno erano stati dodici), ma al conto mancano ancora gli studenti in attesa di trasferimento. Nel frattempo, prosegue senza problemi l’attività della sede staccata di Sant’Anna Arresi. Dopo aver laureato già una decina di studenti, l’università "a distanza" di Sant’Anna Arresi si appresta a regalare un’opportunità ai suoi 43 studenti iscritti ai corsi. Si tratta dell’adesione al Consorzio "Forum", un’associazione per la formazione universitaria multimediale che vede Sant’Anna Arresi (sede staccata della facoltà di Bologna) insieme alla Regione e ad altri Comuni coinvolti dall’iniziativa. Una chance in più, insomma, per gli aspiranti manager pronti a spiccare il volo verso il dorato mondo delle vacanze. (m. lo.)


3
l’unione sarda 
Pagina 41 – Cultura
All’Auditorium di Roma
"SconfinataMente": a tu per tu l’arte e la scienza

Dopo Genova, Perugia, Bergamo, anche Roma avrà il suo Festival della Scienza: fino a domenica il nuovo Auditorium ospita una serie di eventi a cavallo tra arte e scienza. L’iniziativa, voluta dal Comune di Roma con la collaborazione di Radio3 Scienza, Enel, e Fondazione Musica, prevede incontri, spettacoli, mostre interattive e laboratori nell’ambito delle Neuroscienze. Il Festival delle Scienze 2006, SconfinataMente, nasce con l’intento di avvicinare esponenti del mondo della ricerca, dell’arte, della musica, del cinema e del teatro al vasto pubblico. Accanto al punto di vista di scienziati verrà proposto lo sguardo di artisti che sperimentano espressioni in qualche modo affini al percorso della ricerca scientifica. Alcuni temi delle conferenze: la musica e i suoi effetti sulla mente, le origini e l’evoluzione della coscienza, i legami tra mente e linguaggio. Il Festival propone anche un ciclo di incontri su argomenti come la gravità, il movimento, le leggi fisiche, con lo scopo dichiarato di "capire come la scienza affronta tali temi, cercando di unire due prospettive, quella artistica e quella scientifica, generalmente vissute come antitetiche". Questa chiave di lettura della conoscenza e delle emozioni attraverso l’accostamento tra le "due culture" non è nuova, ma negli ultimi anni sta trovando migliore fortuna. Un esempio è la mostra Di luce in luce, ideata da un docente di fisica dell’Università di Como, Paolo Di Trapani, che propone ai visitatori un percorso alternativo per risvegliare la capacità di osservare il mondo, attraverso il nesso tra scienza e arte. A fine marzo una parte sarà esposta a Cagliari, nella manifestazione Arte e Scienza, ideata dalla compagnia di teatrale Tascusì di Rossana Luisetti, che si avvale della collaborazione del danzatore brasiliano Roberto de Azevedo e della consulenza di docenti e ricercatori. Prevista una tavola rotonda sulla creatività nell’artista e nello scienziato, ma anche laboratori per bambini e uno spettacolo di teatro scientifico. Cagliari potrebbe offrire molto, in tal senso, se riuscisse a dotarsi di un moderno Science Center o anche soltanto, per cominciare, dedicando una sala del futuro Museo dell’Arte moderna all’approccio tra arte e scienza. Una chiave di lettura, quella dell’accostamento tra approccio artistico e scientifico, impiegata con successo da Lamberto Maffei, docente di Neurobiologia alla Scuola Normale di Pisana e Adriana Fiorentini, fisica, ricercatrice dell’Istituto Nazionale di Neurofisiologia del CNR di Pisa, nel volume Arte e Cervello (Zanichelli, 240 pagine, 25 euro). Il libro propone centinaia di illustrazioni a corredo di una minuziosa descrizione dei fenomeni: dalle manifestazioni primordiali del linguaggio del segno alle spiegazioni biologiche dell’esperienza estetica, dalle rappresentazioni di Monet della Cattedrale di Rouen fino allo studio delle modificazioni della percezione visiva e della produzione artistica in situazioni patologiche, come nel caso della cataratta di Monet e delle alterazioni dei quadri senili di Tiziano e Turner. Arte e Cervello è una storia dell’arte, riletta con la lente dello scienziato, e una storia dell’umanità, nei suoi risvolti più profondi, senza trascurare il funzionamento del sistema nervoso e l’influsso della cultura e dell’ambiente. Andrea Mameli


4
la nuova sardegna
Pagina 2 - Cagliari
CAGLIARI.
Piazza San Domenico cambia nome
.
CAGLIARI. Piazza San Domenico cambia nome. Da ieri, quello spazio è intitolato a Gaetano Orrù, un esperto di diritto internazionale già sindaco di Cagliari, nonché rettore dell’ateneo cagliaritano.
Alla semplice ma significativa cerimonia, svoltasi ieri mattina alla presenza di alcuni familiari del professore scomparso il 22 dicembre del 1900, tra cui le pronipoti Luisella Demuro Orrù e Angioletta Orrù, hanno partecipato il sindaco Emilio Floris, il prefetto Efisio Orrù (parente di Gaetano), il questore Paolo Cossu e il vice sindaco Edoardo Usai.


5
la nuova sardegna 
Pagina 24 - Sassari
Le novità del processo civile
Domani e sabato convegno dell’Ordine forense

SASSARI. Il processo civile cambia e gli operatori del diritto si adeguano, studiando le novità legislative introdotte dal Parlamento. Per venire incontro alle esigenze degli addetti ai lavori, non solo avvocati ma anche magistrati e studenti universitari, l’Ordine degli avvocati di Sassari ha organizzato una intensa duegiorni di studio e approfondimento.
Domani e sabato, nel salone delle conferenze della Camera di Commercio, avrà luogo il convegno sulle modifiche al processo civile. Si tratta del primo di una serie di incontri e di iniziative pubbliche che l’Ordine dedicherà allo studio delle novità che stanno impegnando i legali e i giudici. Al centro dell’attenzione: il decreto legge del 14 marzo 2005 convertito nella legge del 14 maggio e successive modificazioni.
Per discutere del nuovo processo civile l’Ordine forense ha invitato i più noti esperti del settore. Il convegno è stato diviso in due giornate per dare modo a chi interverrà di approfondire tutti gli importanti problemi sul tappeto. Non per niente, gli organizzatori del convegno hanno previsto interventi e dibattiti su tutti i temi trattati.
Si comincia domani alle ore 16,30 con la relazione introduttiva dell’avvocato Franco Cipriani, docente ordinario di Diritto processuale civile all’Università di Pisa. Il professor Cipriani aprirà i lavori con una lezione sul «Processo ordinario di cognizione». Nel pomeriggio seguirà l’intervento di Achille Saletti, docente ordinario di Procedura civile all’Università degli studi di Milano. La seconda relazione verterà sul «Processo di esecuzione» così come è stato modificato dalle nuove norme.
Il convegno sul nuovo processo civile proseguirà sabato mattina, sempre nella sala conferenze della Camera di Commercio, con inizio alle ore 9,30. Il professor Enzo Vullo, ordinario di Diritto processuale civile all’Università di Sassari, terrà una relazione per gli operatori della giustizia su «I procedimenti cautelari e possessori». I lavori del convegno saranno conclusi da Luigi Paolo Comoglio, docente ordinario di Procedura civile all’Università Cattolica di Milano, con una relazione sui «Processi di separazione e divorzio».

Questionnaire and social

Share on: