UniCa UniCa News Press review Mercoledì 19 giugno 2019

Mercoledì 19 giugno 2019

ufficio stampa e redazione web: rassegna quotidiani locali
19 June 2019

L'Unione Sarda

Rassegna quotidiani locali
a cura dell’Ufficio stampa e redazione web



L’UNIONE SARDA
 
1 - L’UNIONE SARDA di mercoledì 19 giugno 2019 / Cagliari (Pagina 22 - Edizione CA)
MOLO ICHNUSA. Cagliari-Port2020
Tutti i numeri del porto

Oggi, a partire dalle 09,30, nella sala convegni del Terminal del Molo Ichnusa (Porto di via Roma), è in programma il workshop conclusivo del progetto “CagliariPort2020”.
Nel corso della mattinata verranno illustrati i risultati delle attività svolte e le prospettive di sviluppo dell'iniziativa che, insieme all'Adsp del Mare di Sardegna, ha visto la partecipazione di Vitrociset, Crs4, Università degli Studi di Cagliari, Ctm, Cict, Click&Find, Flossalab, 4Cmultimedia, in qualità di soggetti attuatori, e degli attori del cluster marittimo.
Il progetto CagliariPort2020 intende ricercare una soluzione in grado di affrontare e risolvere in modo efficace le problematiche di interconnessione dei tre nodi di riferimento: l'Area vasta di Cagliari e i due poli logistici merci e passeggeri del porto.

 

2 - L’UNIONE SARDA di mercoledì 19 giugno 2019 /
Convegno in Cittadella
Comincerà venerdì alle 10 nell’aula Roberto Coroneo della Cittadella dei musei il convegno “Indagare il passato. Giornate di studi di Preistoria e Protostoria in onore di Enrico Atzeni”: ai lavori parteciperanno oltre 70 studiosi, provenienti da tutto il mondo. L’appuntamento, organizzato dai docenti Carlo Lugliè e Riccardo Cicilloni, celebra l’impegno scientifico e didattico dello studioso che ha da poco compiuto 91 anni e che sarà presente alle quattro sessioni in cui si articolerà il convegno.

 

3 - L’UNIONE SARDA di mercoledì 19 giugno 2019 / Cagliari (Pagina 23 - Edizione CA)
AIRC
Cancro, in campo le imprese

Oggi, con inizio alle 18, nella sede della Fondazione di Sardegna, si terrà l'incontro “Aziende e fondazione Airc unite contro il cancro”, organizzato dalla Fondazione Airc per la ricerca sul cancro in collaborazione con Confindustria Sardegna e Fondazione di Sardegna. Il programma prevede, dopo i saluti di Alberto Scanu e Antonello Cabras, in rappresentanza rispettivamente di Confindustria e della Fondazione di Sardegna, diversi interventi: Pietro Biggio, presidente della fondazione Airc Comitato Sardegna presenterà il comitato Sardegna dell'Airc; Alessandra Delli Poggi, responsabile partnership & new business della fondazione Airc illustrerà le attività per i progetti di ricerca e le modalità di selezione e finanziamento e quindi ciò che possono fare insieme le imprese e Airc; Amedeo Columbano, ricercatore Airc e professore di Patologia generale presso l'Università di Cagliari spiegherà il ruolo dei ricercatori Airc; Graziano Milia, in rappresentanza della Fondazione di Sardegna, sottolineerà il valore della “Corporate social responsibility” come ponte tra le aziende e le associazioni del Terzo settore. L'incontro si concluderà con alcune testimonianze di aziende che hanno scelto di contribuire concretamente alla ricerca sostenendo le iniziative organizzate da fondazione Airc Comitato Sardegna.

4 - L’UNIONE SARDA di mercoledì 19 giugno 2019 / Prima (Pagina 1 - Edizione CA)
L'analisi
LO SPETTRO ITALEXIT

Beniamino Moro
I n un recente editoriale sul Corriere della Sera, Angelo Panebianco sostiene che il sovranismo italiano non è un modo, come quello francese, di difendere l'interesse nazionale, bensì di «difendere una tradizione di irresponsabilità finanziaria, di cui continua a dare l'esatta misura l'entità del nostro debito pubblico. Comprare (in deficit) il consenso di una parte degli italiani: questa fu la ragione per la quale la classe politica che fece naufragio nei primi anni Novanta aveva accumulato quel debito. Questa è la ragione per la quale esso è ancora con noi. E questa è anche la ragione dell'antieuropeismo militante che il Governo (in questo Lega e 5 Stelle marciano uniti) esibisce. La volontà di finanziare in deficit il consenso stabilisce la principale continuità fra tanti governi del passato e l'attuale. Per questo i gialloverdi vogliono allentare i vincoli europei».
Per Panebianco, l'antieuropeismo alla italiana serve a catturare consenso e «ricorda un vecchio film con Totò e Peppino: la “Banda degli onesti”. Si tratta, in sostanza, di avere la libertà di andare in cantina a stampare moneta. Fin tanto che gli italiani continueranno a premiare questi comportamenti, non ci sarà una ripresa dello sviluppo economico».
Non solo, possiamo aggiungere, ma aumenterà sempre di più il rischio di finire nel vortice di una crisi finanziaria simile a quelle del 1992 (con la lira) e del 2011-12 (con l'euro). Lo spettro che oggi agita i mercati si chiama “Italexit”. (...) SEGUE A PAGINA 19

Prima Economia (Pagina 19 - Edizione CA) SEGUE DALLA PRIMA PAGINA
La propaganda sovranista peserebbe circa 4,3 miliardi all'anno di maggiori interessi
SPETTRO ITALEXIT: LE MINACCE ALL'EUROPA COSTANO CARE SUI MERCATI

(...) Parliamo della messa in discussione da parte di entrambi i partner del governo gialloverde della nostra appartenenza alla moneta unica europea. Anche se formalmente essi rassicurano che un piano di uscita dall'euro non esiste, in realtà il loro comportamento resta molto ambiguo. Il Movimento 5Stelle aveva proposto anni fa un referendum sull'uscita dall'euro. Anche se quella proposta è stata ufficialmente accantonata, lo scetticismo ricompare a giorni alterni nelle dichiarazioni di molti esponenti grillini, compreso Di Maio.
La Lega si è espressa al riguardo in modo più netto. Sono dichiaratamente antieuro i due presidenti delle commissioni Bilancio e Tesoro di Camera (Borghi) e Senato (Bagnai). Il primo è l'ideatore dei mini-bot come moneta parallela per preparare l'uscita dall'euro, mentre il secondo parla della moneta comune come di “una catastrofe annunciata” e attribuisce all'Ue un atteggiamento “ricattatorio” e “mafioso”. Bagnai è in predicato per andare a ricoprire la poltrona di ministro agli Affari europei lasciata libera da Paolo Savona, il teorico del Piano B per l'uscita dall'euro, che valuta sostenibile un debito al 200% del Pil. Contro Savona, all'atto del primo incarico a Conte, il Presidente Mattarella pose il veto per impedire che diventasse ministro del Tesoro, proprio in ragione dei rischi antieuropei che la sua nomina avrebbe comportato.
Perciò, Salvini e Di Maio, al di là delle dichiarazioni di facciata, non fanno altro che mandare segnali di ostilità verso Bruxelles e la moneta unica. In questo quadro, anche l'eventuale nomina di Bagnai a ministro degli Affari europei verrebbe interpretata da Bruxelles come un pessimo segnale di guerra, da contrapporre ai tentativi del ministro dell'Economia Tria di trovare un compromesso con la Commissione Ue.
Ma quanto costa questa ambiguità? Andrea Franceschi lo ha calcolato su Il Sole-24Ore in 86 punti base, pari al 39% dello spread totale, che l'Ufficio parlamentare di bilancio ha quantificato in 12,9 miliardi di maggiori interessi nell'arco di un triennio. Vale a dire 4,3 miliardi all'anno. Altro che risparmi per finanziare la flat tax o disinnescare l'aumento dell'Iva. La propaganda antieuropea della Lega sta andando a sbattere contro l'opposizione di tutti gli altri Paesi europei e non è realistico che i ceti produttivi del Nord, che non hanno alcun interesse a fuoriuscire dalla moneta comune, diano l'ok a Salvini per l'Italexit. Né Salvini ha interesse a portare sé stesso e l'intero Paese verso il burrone.
BENIAMINO MORO
DOCENTE DI ECONOMIA POLITICA UNIVERSITÀ DI CAGLIARI

 

Questionnaire and social

Share on: