UniCa UniCa News Press review Venerdì 17 maggio 2019

Venerdì 17 maggio 2019

ufficio stampa e redazione web: rassegna quotidiani locali
17 May 2019

L'Unione Sarda

Rassegna quotidiani locali
a cura dell’Ufficio stampa e redazione web



L’UNIONE SARDA
 

1 - L’UNIONE SARDA di venerdì 17 maggio 2019 / Prima (Pagina 1 - Edizione CA)
SPECIALE. Domani un inserto in omaggio per aiutare la scelta
Guida ragionata alle facoltà universitarie sarde

«Ragazzi, coltivate le vostre aspirazioni». È l'invito ai giovani che si apprestano ad affrontare gli studi universitari di Flavio Manzoni, architetto nuorese diventato capo del Centro Design di un'azienda prestigiosa come la Ferrari. Manzoni campeggia nella vetrina dell'inserto speciale sull'Università che domani sarà distribuito in omaggio con L'Unione Sarda. È una guida alle facoltà sarde che stanno adeguando la loro offerta alle nuove esigenze dei giovani, in vista di un futuro ingresso nel mondo del lavoro. A PAGINA  17

Prima Economia (Pagina 17 - Edizione CA)
DOMANI
Con L'Unione un inserto sull'università

Un inserto dedicato alla scelta dell'Università. I ragazzi che quest'anno affronteranno il diploma, si apprestano a scegliere cosa fare da grande e quindi anche cosa studiare all'Università, per poi approdare nel mondo del lavoro. È tempo di decisioni importanti. Proprio per questo domani con L'Unione Sarda sarà in edicola un inserto di otto pagine (gratuito) dedicato alla scelta universitaria, con ampio spazio sugli atenei sardi e sulle facoltà e i corsi di laurea che si possono frequentare nell'Isola.
Non solo. Le informazioni a disposizione dei lettori spazieranno dai corsi universitari fino a come affrontare le spese per proseguire gli studi. Esperti e addetti ai lavori spiegheranno come scegliere il proprio futuro, anche sulla base del lavoro che si vuole fare, magari puntando su quelli che in questo momento sono più richiesti sul mercato.
Infine, un messaggio importante per i giovani sardi da un testimonial d'eccezione, Flavio Manzoni, capo del Centro design della Ferrari, uno dei manager sardi più importanti nel panorama industriale italiano. «Coltivate le vostre aspirazioni», dice ai giovani. Come? Magari scegliendo un corso di studi che piace.

2 - L’UNIONE SARDA di venerdì 17 maggio 2019 / Prima Economia (Pagina 17 - Edizione CA)
LA RICERCA. Melis (ateneo di Cagliari): «Ma bisogna valutare la capacità di attrarre visitatori»
Turismo, le città sarde investono meno
Genuri primo Comune per spese di promozione: 12mila euro pro-capite

Genuri, Comune di poco più di 300 anime nella Bassa Marmilla, spende per promuovere il turismo quasi 12.000 a persona ed è tra i primi dieci in Italia. Cagliari investe 10,59 euro pro-capite ed è oltre la 1500esima posizione. Sassari con 2,78 euro è vicina alla posizione numero 3.000, Oristano con 5,65 euro viaggia intorno alla 2.500esima posizione. Nuoro, invece, non mette un euro del proprio bilancio ed è oltre la posizione numero 7.000 in classifica. Insieme al capoluogo barbaricino, ci sono altri 147 Comuni che alla voce spesa per turismo riportano lo 0.
LE STRATEGIE  Il turismo, si sa, è la miniera d'oro della Sardegna. Da almeno cinque anni è il settore che traina lo sviluppo dell'Isola. Calcolando la spesa pro-capite di tutti i Comuni in Italia (dati rilevati nel 2017), Openpolis ha stilato la classifica delle 7.914 amministrazioni comunali in base al loro contributo sul turismo. Oltre a Genuri, settimo, la Sardegna piazza altri due centri nei primi 20: Monteleone Rocca Doria, 11esimo, con una spesa pro-capite di oltre 2.600 euro, e Borutta che con 1.800 euro si piazza al 16esimo posto. Se ci si ferma ai numeri, potrebbe sembrare che non ci sia partita e che, quindi, solo i Comuni che spendono più soldi a livello pro-capite investono sul turismo. «Non è così, naturalmente», afferma Giuseppe Melis, docente di Marketing turistico e della comunicazione all'università di Cagliari. «Utilizzare solo questo indicatore per trarre valutazioni valide non è possibile. Occorrerebbe andare a vedere per quali servizi vengono utilizzate le risorse e che cosa “raccolgono” i Comuni dopo questi investimenti».
I METODI  Promozione del territorio, organizzazione di eventi musicali, culturali, sagre: sono queste, normalmente le principali linee di investimento sul turismo. Considerare quindi l'apporto dei Comuni sul turismo solo per la spesa media pro-capite «dà conto solo di una parte dell'informazione», spiega ancora il professor Melis. E conclude: «Per il turismo, nella valutazione della spesa, più che considerare la media pro-capite occorre valutare la spesa in base alla capacità di attrarre turisti». (ma. mad.)


3 - L’UNIONE SARDA di venerdì 17 maggio 2019 / Prima Cultura (Pagina 45 - Edizione CA)
L'INIZIATIVA. Aperte le iscrizioni per sabato 25
Comunicare gli eventi: lezioni ad Ateneika col Gruppo Unione Sarda
In cattedra professionisti del primo quotidiano della Sardegna
in collaborazione con l'università

Imparare a diventare esperti nel management dello spettacolo grazie alla lezione di chi, erede di una tradizione secolare, lavora nel settore della comunicazione e dell'informazione, misurandosi con progresso, innovazione e multimedialità. È l'opportunità formativa che Ateneika - festa di sport e musica alla settima edizione, occasione di aggregazione in cui coltivare amicizia e sogni professionali -, offre ai suoi volontari, agli studenti universitari, ma anche a un pubblico più ampio. Lo fa accogliendo in cattedra giornalisti e dirigenti aziendali dell'Unione Sarda, gruppo editoriale più importante e antico dell'Isola. "Appuntamento - dice Maria Grazia Canu, responsabile comunicazione di Ateneika - il 25 maggio, dalle 10 alle 13, nella sala convegni Leonardo Coiana del Cus, a Cagliari". Prevista una sessione pomeridiana dalle 14.30.
L'INIZIATIVA  «Abbiamo deciso di sostenere l'iniziativa e sponsorizzarla - dice Lia Serreli, direttore generale del gruppo L'Unione Sarda - per due ragioni: avvicinarci al territorio e alla gente che quotidianamente raccontiamo e mettere a disposizione degli studenti conoscenze, esperienze e tutti i nostri mezzi. Così il 26 maggio, all'indomani della lezione, L'Unione Sarda sarà in edicola con uno speciale realizzato dai giovani di Ateneika. Inoltre, per significare la nostra volontà di essere accanto a chi organizza l'evento e a chi vuole viverlo con noi, è già "on air" su Radiolina una trasmissione dedicata". Alla manager il compito di aprire la mattinata, confrontandosi con i partecipanti sul tema: "Il Gruppo con gli eventi. Comunicare con gli eventi. Presidio del territorio. Condivisione del target".
GIORNALE E RADIO  La mattinata procederà a ritmo incalzante. Ivan Paone, vicedirettore de L'Unione Sarda, guiderà con Luigi Mameli, speaker di Radiolina, l'incontro "L'evento dentro il Gruppo. Lo speciale dedicato ad Ateneika e le trasmissioni radio: dall'idea alla creazione fino alla diffusione". «Spero - dice Paone - riusciamo a trasmettere ai ragazzi l'amore per la buona informazione, quella che faticosamente tanti giornalisti fanno, lottando contro il vasto mondo delle fake news e della futilità».
TV E SOCIAL  Il terzo momento vedrà protagonista Egidiangela Sechi. Giornalista di Videolina, curerà l'approfondimento "L'evento diventa multimediale: anche con la tv. Comunicazione da media partner. La cronaca dell'evento". Seguirà l'intervento di Luca Abozzi, social media specialist del gruppo L'Unione Sarda, sul tema "Comunicare la partecipazione del Gruppo con i social".
NARRAZIONI  Professionista del giornalismo e autore di romanzi di successo, Francesco Abate tratterà di "Maturazione accademica-maturazione civile", con una narrazione di 30 minuti. Alle 14.30 toccherà a Gianluigi Tiddia (il celebre Insopportabile del web), esperto di comunicazione del territorio.
COME ISCRIVERSI  L'incontro formativo è aperto a tutti e gratuito. Necessaria l'iscrizione su www.ateneika.com.
IL PERCORSO  La lezione coi professionisti dell'Unione Sarda chiuderà, come terzo appuntamento, il ciclo formativo che, già avviato, avrà una seconda tappa dedicata al marketing, il 24 maggio (14-18). Dal 31 al 9 giugno sarà festa di sport e musica dal vivo.

 

4 - L’UNIONE SARDA di venerdì 17 maggio 2019 / Agenda (Pagina 23 - Edizione CA)
DIARIO CITTADINO
Geografia e filosofia
Martedì alle 17, nell’Aula magna Motzo, della Facoltà di Studi umanistici, si terrà la sesta edizione dei dialoghi tra geografia e filosofia. All’incontro, promosso dal Dipartimento di Lettere, prenderanno parte i docenti Paolo Giaccaria (Università di Torino) e Dario Gentili (Università Roma Tre). I lavori saranno introdotti dai docenti Raffaele Cattedra e coordinati dal Marcello Tanca.
Il ricordo di Alziator
Lunedì alle 20, nella facoltà di Lettere, alle 20, saranno ospiti dell’associazione Riprendiamoci la Sardegna, Duilio Caocci, il regista Marco Gallus e la giornalista Manuela Ennas. Parleranno di “Cagliari vista con gli occhi di Francesco Alziator”.

 

5 - L’UNIONE SARDA di venerdì 17 maggio 2019 / Prima Salute (Pagina 16 - Edizione CA)
Da domani a Cagliari
Hiv: cresce l'offerta di test

Lila Cagliari aderisce per il quarto anno consecutivo all'European Testing Week, la più grande campagna internazionale di promozione del test rapido per Epatite e Hiv: da oggi al 24 maggio in oltre 50 paesi dell'Europa continentale (dal Portogallo alla Russia, dall'Islanda a Cipro) saranno attivi oltre punti di test. In Sardegna, Lila Cagliari è l'unica organizzazione aderente con due eventi. Domani dalle 16.30 alle 19 nella sede di via Dante 16 a Cagliari e, in collaborazione con l'Università di Cagliari, per la prima volta nell'Isola il test rapido per Hiv varca le soglie della Cittadella universitaria di Monserrato nella giornata di lunedì 20 maggio, sempre dalle 16.30 alle 19.
In queste occasioni sarà possibile sottoporsi a un test salivare per la ricerca degli anticorpi all'Hiv e/o all'Hcv senza passare da un ospedale e senza prelievi di sangue. «Il ricorso al test nella popolazione è molto scarso e per questo - spiegano dalla Lila - vanno rimosse tutte le barriere, normative e strutturali, che ne ostacolano l'accesso, soprattutto alle popolazioni più vulnerabili».
Quest'anno anche l'UnAids, l'organizzazione Onu che combatte Aids e Hiv ha lanciato una campagna globale con lo slogan “Know Your Status” (Conosci il tuo stato) per invitare le persone a fare un test Hiv. Lila Cagliari aderisce potenziando il servizio di test non ospedaliero.
L'équipe di volontari Lila composta da medici, psicologi e operatori sociali sarà disponibile per tutte le persone che vorranno accedere al servizio con colloqui di supporto e orientamento su tutti i temi concernenti l'Hiv: prevenzione, salute, diritti, nonché un eventuale accesso facilitato ai centri clinici qualora necessario.
Un'opportunità unica in Sardegna per incoraggiare al test quanti, inconsapevoli del proprio stato sierologico, non si siano mai rivolti, e non si rivolgerebbero, alle strutture tradizionali per vari motivi: orari di apertura, costo dei servizi, richiesta di documenti d'identità.

 

6 - L’UNIONE SARDA di venerdì 17 maggio 2019 / Sport (Pagina 56 - Edizione CA)
Il Miglio di Cagliari
In via Roma va in scena domani pomeriggio una gara sulla classica distanza anglosassone, arrotondata a 1600 metri. Sono quattro giri di un circuito a bastone di 400 metri allestito sul latricato del lato portici, nel tratto compreso tra l'incrocio con il Largo e via dei Mille. Il “Miglio di Cagliari”, organizzato dalla Atleticom, società romana che allestisce diverse prove tra le quali una analoga nella Capitale, è aperto a tutti e si articola in varie prove. Ritrovo alle 16.30 all'altezza della Rinascente, ci sarà la prova non competitiva aperta a tutti e una a squadre conometrata composta da studenti universitari (da 6 a 8 atleti per squadra con almeno due di sesso diverso dagli altri). I vincitori dovranno poi esporre sul palco delle premiazioni i loro progetti innovativi legati a CLab, l'iniziatova dell'Università di Cagliari.

 

7 - L’UNIONE SARDA di venerdì 17 maggio 2019 / Prima Oristano (Pagina 35 - Edizione CA)
ORISTANO. All'Antiquarium
Apre oggi Circe, il centro di ricerca sulle civiltà Egee

Unico nel panorama culturale italiano, il Centro internazionale per la ricerca sulle civiltà egee (Circe) apre oggi i battenti in città: taglio del nastro alle 12. Il Centro nasce dalla collaborazione fra l'Università di Sassari, il Consorzio Uno e il Comune e ha la sua sede all'Antiquarium arborense. «Il polo sulle civiltà egee permetterà agli studenti universitari di specializzarsi e soprattutto farà della nostra università e della città un punto di riferimento a livello internazionale per chiunque intenda svolgere studi e ricerche in questo settore» hanno ribadito il sindaco Lutzu e l'assessore alla Cultura Massimiliano Sanna ieri mattina durante la presentazione di Circe (erano presenti anche Massimo Perna, direttore del Centro, Raimondo Zucca direttore dell'Antiquarium, e il direttore generale del Consorzio Uno Francesco Asquer). L'ateneo sassarese ha pensato a un centro di ricerca in cui poter approfondire le civiltà egee alla luce delle più recenti acquisizioni che vedono la Sardegna sempre più protagonista negli scambi, nei commerci e, in alcuni casi, nelle vicende relative a Cipro, a Creta e al Mediterraneo orientale. Dal 2020 saranno messe a disposizione borse di studio per giovani che potranno fare ricerca al Centro. ( v. p. )

 

8 - L’UNIONESARDA.IT di venerdì 17 maggio 2019 / SALUTE Online alle 18:24, aggiornato alle 18:55
L'ALLARME
"In Sardegna mancano i medici specializzati"
Gli ordini di categoria preoccupati per le "gravi carenze" nell'Isola

In Sardegna mancano i medici specializzati. Gli ordini dei medici sardi e dell'associazione dei giovani scrivono al Presidente della Regione e al nuovo assessore della Sanità.
Denunciano le gravi carenze che si registrano negli organici delle strutture sanitarie dell'isola e per le conseguenti ricadute nei servizi erogati a favore degli assistiti.
"Abbiamo deciso di sensibilizzare il nuovo assessore regionale alla sanità Mario Nieddu - dice il presidente dell'Ordine dei medici della provincia di Oristano Antonio Sulis - perché si affronti immediatamente un gravissimo problema che rischia di peggiorare ulteriormente condizionando in negativo il livello di assistenza sanitaria della nostra terra".
Il presidente dell'Ordine di Oristano, insieme ai suoi colleghi Mondino Ibba (Cagliari), Maria Maddalena Giobbe (Nuoro) e Nicola Addis (Sassari) e al presidente dell'associazione Mèigos - Giovani medici Sardegna Giovanni Marco Ruggiu, hanno inviato un dossier col quale pongono il problema della specializzazione dei giovani medici che non consente un ricambio professionale adeguato, determinando poi le carenze di organico.
Da qui la necessità di finanziare un numero adeguato di borse di specializzazione da mettere a bando nel prossimo concorso.
Secondo una ricerca dell'associazione Mèigos - Giovani Medici Sardegna, emerge che solo il 28,82 % dei giovani medici sardi riesce a ottenere una borsa ministeriale di specializzazione e solo il 5,03% una borsa di specializzazione finanziata dalla Regione a Sardegna.
La ricerca evidenzia, inoltre, come al momento risultano iscritti agli Ordini dei medici della Sardegna almeno 339 medici non specialisti ai quali si aggiungeranno i laureati in Medicina di quest'anno con una previsione complessiva di almeno 500 giovani medici sardi.
Lo scorso anno sono state bandire appena 40 borse, pari al 6,94% dei concorrenti totali.
Elia Sanna

 

9 - L’UNIONE SARDA di venerdì 17 maggio 2019 / Cagliari (Pagina 21 - Edizione CA)
Controvetrina
Perché la filosofia fa paura?

di Maria Paola Masala
«La filosofia è il proprio tempo appreso con il pensiero». Lo scrive Hegel, nel definirla uno strumento critico essenziale per capire il mondo in cui viviamo. Jair Bolsonaro, presidente del Brasile, deve ben conoscere il filosofo tedesco, se ha deciso di tagliare i fondi per i corsi universitari di Filosofia a favore di altre materie, Ingegneria, Veterinaria, Medicina, più utili - pare - a far crescere il Pil. Professori e studenti sono scesi in piazza, le opposizioni parlano senza mezzi termini di tentativo di instupidimento del Paese: già, instupidimento. Qui non si tratta dello scontro tra le due culture, ma del trionfo dell'incultura, l'arma più efficace per rendere tutti più ubbidienti.
Inquietante no? Eppure i tentativi di minare la capacità di costruzione di una coscienza critica non riguarderebbero solo il Brasile. Un Manifesto per la Filosofia, firmato da due professori liceali e sottoscritto in questi giorni da decine di migliaia di persone, denuncia il rischio di progressiva marginalizzazione, in Italia, di questa disciplina. In controtendenza, peraltro, con un interesse sempre più diffuso (vedi Festival di Modena, cene filosofiche, altre stimolanti iniziative). Tra i punti nevralgici, l'abolizione all'esame di stato della tesina, uno strumento che, nonostante i molti limiti, ha spinto finora gli studenti ad argomentare, ad armarsi dell'analisi e dell'interpretazione della realtà, a svolgere un percorso autonomo di scavo e di approfondimento. Non sostituito, denunciano i primi firmatari del Manifesto, da prove d'esame altrettanto valide.

 

10 - L’UNIONE SARDA di venerdì 17 maggio 2019 / Nuoro (Pagina 39 - Edizione CA)
Oggi all'Exmè
L'Università si presenta agli studenti

A Nuoro l'Università apre la mente. Prende il nome di Open Brain la prima edizione della manifestazione organizzata da Uninuoro per presentare la propria offerta formativa agli allievi delle scuole superiori in vista della scelta degli studi universitari, ma non solo: l'evento che si terrà a partire dalle 9 di oggi nei locali all'Exmè, è indirizzato anche a laureati che vogliono seguire corsi post-laurea e professionisti che intendono perfezionare la propria formazione. I dipartimenti di agraria, giurisprudenza, scienze umanistiche e sociali dell'università di Sassari e la facoltà di medicina e chirurgia dell'università di Cagliari si uniranno nel capoluogo barbaricino.
Tra le novità, il corso triennale di laurea in progettazione, gestione e promozione degli itinerari turistici della cultura e dell'ambiente. «Si è sempre parlato tanto di sentieristica e itinerari, sia di tipo ambientale e culturale - ha dichiarato Fabrizio Mureddu, commissario del Consorzio universitario nuorese - eppure, prima di questo corso, non era mai esistita una laurea per formare del personale per questa tipologia di turismo». Tra le novità il corso di lettura e scrittura Nuoro reading school, la scuola in disaster management e il master in gestione dell'accoglienza emigranti. (f.s.)



 

La Nuova Sardegna

 

LA NUOVA SARDEGNA
 

11 - LA NUOVA SARDEGNA di venerdì 17 maggio 2019 / Cultura e spettacoli - Pagina 36
Una nuova struttura dell'Università di Sassari avrà la sua sede nell'Antiquarium Arborense
Civiltà egee, un centro di ricerca a Oristano

di Michela Cuccu
ORISTANO È dedicato a Pierre Carlier, lo storico profondo conoscitore della civiltà micenea, il Centro internazionale per la ricerca sulle civiltà egee (CIRCE) dell'Università di Sassari che questa mattina sarà inaugurato a Oristano. Nato dalla collaborazione fra l'ateneo turritano, la Scuola di specializzazione in archeologia del Consorzio Uno e il Comune, il centro avrà sede al primo piano dell'Antiquarium Arborense, e ospiterà il "Fondo archivistico e librario Jeanne Pierre Olivier - Frieda Vandenabeele", costituito dagli archivi e dalle biblioteche personali che i due studiosi hanno donato al Centro. L'archivio Olivier, oltre alla corrispondenza privata dello studioso con i massimi specialisti di egeistica e delle scritture cretesi e cipriote dagli anni '60 ad oggi, l'insieme dei documenti preliminari che hanno portato alla realizzazione dei "corpora" delle scritture egee contiene una grande quantità di fotografie, disegni e calchi. La biblioteca Olivier è invece costituita da una vasta collezione di volumi, riviste ed estratti relativi alle scritture egee; quella Vandenabeele, invece, è fra le più ricche collezioni librarie esistenti in Europa di archeologia cipriota. Ieri mattina, in una conferenza stampa presenti anche il sindaco Adrea Lutzu e l'assessore alla Cultura, Massimiliano Sanna; il direttore del Centro internazionale, il professor Massimo Perna, docente dell'università di Sassari e alla "Suor Orsola Benincasa" di Napoli e il professor Raimondo Zucca (direttore dell'Antiquarium e della scuola di specializzazione in Beni archeologici, hanno spiegato come lo scopo del centro sarà quello di promuovere lo studio delle civiltà egee e nuragica. Studenti, dottorandi, ricercatori italiani e stranieri potranno approfondire i loro studi a Oristano e dal prossimo anno, saranno messe a disposizione apposite borse di studio. Contemporaneamente, il Centro sosterrà progetti di studiosi italiani e stranieri che vogliano contribuire al suo sviluppo. Nel frattempo, il Centro, che sta sostenendo il progetto sulle scritture Cipro Minoiche per il Cnr, ha avviato una collaborazione con il Fitzwilliam Museum di Cambridge, relativa al progetto "Being an Islander". Nel 2020 partirà infine un progetto sulle scritture nuragiche, che punta a confermare o smentire l'esistenza di una scrittura preistorica in Sardegna.

 

Questionnaire and social

Share on: