Giovedì 9 maggio 2019

ufficio stampa e redazione web: rassegna quotidiani locali
09 May 2019

L'Unione Sarda

Rassegna quotidiani locali
a cura dell’Ufficio stampa e redazione web



L’UNIONE SARDA
 
1 - L’UNIONE SARDA di giovedì 9 maggio 2019 / Provincia di Oristano (Pagina 33 - Edizione CA)
ALES. Iniziativa europea per la prima volta nell'Isola
Elementari, oggi una lezione con i cani in classe

Il cane come fedele alleato per facilitare, in classe, l'attività didattica. Un progetto che coinvolge nazioni europee, impegnate per un anno a scambiarsi esperienze e buone pratiche sul tema dell'educazione assistita con gli animali. Iniziativa coordinata dall'associazione “Coda di Lupo”, capofila dello stesso progetto, cofinanziato dal programma Erasmus+, che oggi fa tappa nella scuola elementare di Ales.
«È stata la prima scuola scelta per un'applicazione pratica del progetto - ha spiegato Luca Frau, di “Coda di Lupo” - con noi ci saranno operatori ella penisola e di Spagna, Norvegia, Polonia, Lituania, Romania, Portogallo, Lettonia e Ungheria, che rimarranno sino a sabato. Una settimana intensa di meeting, laboratori, conferenze e workshop formativi in collaborazione con l'Ufficio SIA per l'Inclusione e l'Apprendimento dell'Università di Cagliari».
Per un anno 30 le scuole europee coinvolte, 10 mila fra insegnanti, alunni, educatori, pedagogisti e psicologi, 30 istituzioni e 80 associazioni. Oggi dalle 11 alle 12.30 cani in classe nella quarta e quinta elementare di Ales. ( an.pin. )

 

2 - L’UNIONE SARDA di giovedì 9 maggio 2019 / Cagliari (Pagina 18 - Edizione CA)
EX VETRERIA. Le strategie per fare rete e rafforzare il brand del territorio in tutto il mondo
Il turismo 3.0? Web, social e storytelling
Al via il progetto Destinazione Cagliari: primo incontro con gli operatori

Quanto farebbe comodo per la messa a punto delle strategie di marketing turistico avere mesi prima il dato aggiornato minuto per minuto relativo alle prenotazioni in hotel nei giorni di Sant'Efisio? Sapere quanti turisti stanno pensando di venire dalla Germania, dalla Francia o dagli Usa, quanto sono disposti a spendere per una camera, che tipo di vacanza cercano e quanti giorni hanno intenzione di fermarsi?
IL DEBUTTO DEL PROGETTO  Tutto questo e molto altro sarà possibile quando entrerà a regime l'ambizioso progetto Destinazione Cagliari, fortemente voluto dalla amministrazione comunale uscente, che ieri ha visto il suo debutto ufficiale al teatro della Vetreria di Pirri, dove i coordinatori dell'iniziativa - gestita dalla società cagliaritana Sintur, vincitrice di un bando biennale - hanno incontrato un centinaio di stakeholder del territorio: operatori turistici, associazioni di categoria, consorzi ed enti turistici, università, enti e società di gestione di porti e aeroporti.
COS'È UNA DMO  «Una Dmo - ha spiegato Martino Di Martino, amministratore di Sintur - è una cabina di regia che consente di fare rete ed elaborare un piano strategico condiviso e integrato con l'obiettivo di far crescere l'economia turistica, incrementando presenze, opportunità occupazionali e brand territoriale. Per riuscirci si deve partire dall'analisi dei dati e dal coinvolgimento diretto di tutti i soggetti interessati, compresi i cittadini, attori e non più solo spettatori della promozione della propria città».
LA TECNOLOGIA  Fondamentali per la riuscita del progetto saranno gli strumenti tecnologici messi a disposizione dalla HBenchmark, società italiana partner di Destinazione Cagliari. In particolare un software Data Intelligence e la piattaforma Travel Appeal: il primo, come ha spiegato l'ad di HBenmarch Francesco Traverso, consentirà di seguire l'andamento del mercato, lo stato di occupazione degli alberghi e le tendenze in tempo reale, mentre il secondo monitorerà il sentiment e la reputazione online della destinazione Cagliari.
LA DESTINAZIONE  Del team di Destinazione Cagliari fanno parte anche Giuseppe Melis, docente di Marketing del turismo all'Università, Josep Ejarque, amministratore della Four tourism ed Eugenio Angelino, consulente della Dmo Romagna. Ejarque, considerato un guru del turismo 3.0, ha sottolineato come una Dmo «deve avere una governance operativa e non politica ed essere in grado di pensare, costruire, pilotare e infine generare contenuti principalmente sul web: marketing, storytelling e un'identità digitale che racconti esperienze più che il territorio». Concetti ribaditi anche da Giuseppe Melis: «Da decenni in Sardegna si parla di fare sistema ma con scarsi risultati - ha ammonito -, perché per creare una destinazione non basta uno spazio geografico ma serve avere idee e trasformarle in progetti». Che questa sia la volta buona?
Massimo Ledda

 

3 - L’UNIONE SARDA di giovedì 9 maggio 2019 / Provincia di Cagliari (Pagina 25 - Edizione CA)
Sinnai
Conferenza Domani alle 18 al museo

“Racconti di incontri, paesaggi, pensieri”. Ricercatori dell'Università presentano i propri studi. Il via con Carla Del Vais, archeologa. (r. s.)

 

 

La Nuova Sardegna

 

LA NUOVA SARDEGNA

 

4 - LA NUOVA SARDEGNA di giovedì 9 maggio 2019 / Agenda di Sassari - Pagina 21
Verso nuove cure per il diabete
Lab boat: il biochimico Bastiano Sanna ospite dell'ateneo

SASSARI Domani alle 17, nella ex biblioteca universitaria di piazza Università, il biochimico Bastiano Sanna, presidente e amministratore delegato della Semma Therapeutics (Cambridge, Massachusetts, Stati Uniti) terrà un intervento intitolato "L'alchimia della scienza: tra biologia e ingegneria, verso nuove cure per il diabete". «L'appuntamento - si legge in una nota - rientra nella seconda edizione del progetto "Lab Boat-navigare con la scienza" promosso e organizzato dal CRS4, il Centro di ricerca localizzato nel Parco tecnologico di Pula (Cagliari), e finanziato dalla Fondazione di Sardegna e dalla Fondazione Sardegna Film Commission. L'evento sarà moderato da Andrea Mameli del CRS4. Sempre domani, Sanna parteciperà ad un incontro alle 15.30 nell'incubatore universitario CubAct di via Rockefeller 54. Bastiano Sanna ha conseguito il dottorato in Biochimica all'Università di Sassari e ha completato gli studi post dottorato al Cincinnati Children's Hospital. Ha trascorso molti anni della sua carriera alla Novartis, seconda multinazionale farmaceutica al mondo per fatturato. A Sassari, Bastiano Sanna illustrerà il nuovo metodo di fabbricazione delle cellule beta, a partire dalle cellule staminali, che è stata sviluppata nei laboratori della Semma Therapeutics.

 

Questionnaire and social

Share on: