Lunedì 26 febbraio , Gianmario Demuro, docente di Diritto Costituzionale, interverrà al convegno “Autonomie(s) en Mouvement” in occasione del 70° anniversario dello statuto speciale della Val D’Aosta
25 February 2018
Convegno Internazionale dedicato alla celebrazione del 70° anniversario dello Statuto valdostano

di Valeria Aresu

Cagliari, 22 febbraio 2018 – Nell’ambito del convegno internazionale  dedicato alla celebrazione dei 70 anni dello Statuto valdostano, il professor Gianmario Demuro  terrà una relazione dal titolo “Dalle isole alle montagne: autogoverno, zone franche e altre specificità a confronto”.  Al centro della riflessione i legami tra Sardegna e Val d’Aosta, con un approfondimento sui temi delle zone franche e la fiscalità di vantaggio, possibile strumento di realizzazione del federalismo fiscale nelle zone svantaggiate.

Il professor Demuro è autore insieme a Roberto Louvin, docente di Diritto pubblico comparato all’Università della Calabria, del libro "Emilio Lussu-Emile Chanoux. La fondazione di un ordinamento federale per le democrazie regionali", già presentato al Palazzo Regionale di Aosta l'11 settembre 2017. I due docenti hanno più volte presentato il loro libro, su un tema recentemente ripreso anche durante una tavola rotonda in Consiglio regionale.

Il convegno di Aosta, coordinato da Roberto Louvin, si svolgerà nella Sala Maria Ida Viglino del Palazzo Regionale di Aosta (Piazza Deffeyes Albert, 1), a partire dalle 9, e sarà diviso in due parti: la prima verrà dedicata alla trasformazione del quadro europeo - presieduta da  Valerio Onida, Professore emerito di Diritto costituzionale e Presidente emerito della Corte costituzionale – e la seconda alle criticità e al rilancio delle autonomie speciali italiane –presieduta da Roberto Toniatti, docente di Diritto costituzionale comparato all’Università di Trento.

Ai lavori - introdotti dal Presidente dell’Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea in Valle d’Aosta, dal Presidente del Consiglio regionale e dal Presidente della Regione autonoma Valle d’Aosta, - parteciperanno docenti ed esperti internazionali: Jean-Guy Talamoni, avocato e Presidente dell’ Assemblea di Corsica, Jordi Barrat Esteve, docente di  Diritto Costituzionale all’Università Rovira e Virgil (Barcellona),  Michele Vellano, docente di Diritto internazionale all’Università della Valle d’Aosta,  Paolo Carrozza, docente di Diritto pubblico comparato alla Scuola superiore Sant’Anna di Pisa,  Elena d’Orlando, docente di Diritto pubblico comparato all’Università di Udine, Esther Happacher, docente di Diritto costituzionale italiano all’Università di Innsbruck, Gianfranco Postal, Consigliere della Sezione di controllo di Trento della Corte dei conti, e Massimo Carli, docente di Diritto costituzionale all’Università di Firenze. 

Gianmario Demuro, docente di Diritto Costituzionale
Gianmario Demuro, docente di Diritto Costituzionale

Attachments

Links

Last news

20 October 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

20 October 2021

Giornate Deleddiane, al via la tre giorni di iniziative

Aperte con l'intervento del Rettore Francesco Mola le manifestazioni organizzate dall'Università degli Studi di Cagliari, l'Istituto Superiore Regionale Etnografico e l'Università di Sassari per celebrare la scrittrice premio Nobel a 150 anni dalla nascita. "È un’iniziativa importante, che coinvolge i due Atenei e le scuole. Portare l’università fuori dall’università vuol dire accogliere la più grande parte del sapere: è uno sforzo che dobbiamo e vogliamo fare anche con Università di Sassari, tanto più dopo l’esperienza drammatica che abbiamo vissuto" queste le parole del Magnifico

Questionnaire and social

Share on: