Il pensiero di Gramsci come strumento di una corretta comprensione del mondo arabo. Patrizia Manduchi, docente di UniCa e curatrice di “Gramsci nel mondo arabo”, alla presentazione del volume: “Gramsci entra a far parte del dibattito politico del mondo arabo per il suo essere dogmatico e atipico, capace però di dare nuovi strumenti epistemologici per la risoluzione della crisi politica e culturale”. Resoconto e immagini
21 February 2018
La presentazione del volume "Gramsci nel mondo arabo"

di Valeria Aresu

Cagliari, 21 febbraio 2018 – "Dietro questo volume  c’è un lavoro lungo anni. É stato complesso il processo di selezione degli autori da includere, ma anche il lavoro di traduzione e revisione poiché non è semplice tradurre il lessico delle categorie gramsciane”: lo ha affermato Patrizia Manduchi, docente di Mondo Arabo Contemporaneo e Lingua Araba, ieri pomeriggio, nell’aula Maria Lai della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche ( Via Nicolodi 104), alla presentazione del volume “Gramsci nel mondo arabo”.

L'opera, curata dalla docente, da Alessandra Marchi e da Giuseppe Vacca, ha il pregio di “colmare un vuoto editoriale e culturale, poiché del mondo arabo si conosce davvero poco - come ha dichiarato Marco Ammar, docente di Lingua Araba – e ha il merito di ridurre le distanze tra noi e la sponda opposta del Mediterraneo”.

Il libro non è solo un approfondimento sul pensiero gramsciano, quindi, ma permette di abbattere gli stereotipi attraverso i quali viene spesso rappresentata la realtà araba: “Gli studi gramsciani rivelano aspetti differenti, e frequentemente sconosciuti, di contesti sociali e culturali diversi dal nostro”, ha spiegato Alessandra Marchi, membro del GramsciLab.

All’evento, coordinato da Sabrina Perra, direttrice dell’Istituto Gramsci della Sardegna, e introdotto da Cecilia Novelli, Direttrice del DISSI, hanno partecipato anche Mauro Pala, docente di Letterature Post Coloniali e membro del GramsciLab, e Lea Durante, docente di Letteratura Italiana all’Università di Bari, che hanno sottolineato l’importanza dell’applicazione delle categorie gramsciane nel dibattito politico del mondo arabo.

La copertina del libro
La copertina del libro

Links

Last news

20 October 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

20 October 2021

Giornate Deleddiane, al via la tre giorni di iniziative

Aperte con l'intervento del Rettore Francesco Mola le manifestazioni organizzate dall'Università degli Studi di Cagliari, l'Istituto Superiore Regionale Etnografico e l'Università di Sassari per celebrare la scrittrice premio Nobel a 150 anni dalla nascita. "È un’iniziativa importante, che coinvolge i due Atenei e le scuole. Portare l’università fuori dall’università vuol dire accogliere la più grande parte del sapere: è uno sforzo che dobbiamo e vogliamo fare anche con Università di Sassari, tanto più dopo l’esperienza drammatica che abbiamo vissuto" queste le parole del Magnifico

Questionnaire and social

Share on: