UniCa UniCa News News Il ricordo, la memoria

Il ricordo, la memoria

Scompare improvvisamente il professor Sebastiano Seatzu. Pubblichiamo il ricordo del Rettore e del prof. Giuseppe Rodriguez
13 February 2018
Il professor Sebastiano Seatzu. Accanto a lui, a sinistra nella foto, il linguista Tullio De Mauro

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 13 febbraio 2018 – E’ scomparso improvvisamente questa mattina il professor Sebastiano Seatzu, stimato docente del nostro Ateneo, recentemente andato in pensione, ma ancora titolare di un contratto di insegnamento. Nell’ultimo periodo, era particolarmente noto a tutti il suo impegno per il Polo sardo dell’Accademia dei Lincei, con le numerose iniziative che erano state avviate anche grazie al suo impulso.

Pubblichiamo il ricordo del Rettore Maria Del Zompo e del prof. Giuseppe Rodriguez, docente del nostro Ateneo e suo allievo, e l'intervista che il prof. Seatzu aveva rilasciato - esattamente due anni fa ad oggi - a Valentina Zuddas per l'Ufficio stampa di UniCa sulla nascita del Polo Sardegna dell'Accademia dei Lincei.

I funerali del professore si terranno domani 14 febbraio alle 15.30 nella Chiesa della Santissima Annunziata. Ai familiari e agli amici le condoglianze di tutto l’Ateneo.

 

Sebastiano Seatzu è stato un uomo di notevole cultura. La cosa che più mi ha affascinato in lui è la curiosità e la passione per la sua materia, i numeri: la matematica diventava tanto coinvolgente nelle sue mani da risultare alla fine addirittura allegra, certamente non ostile. Questo aspetto mi ha decisamente entusiasmato, perché una persona che vive in questo modo spiega bene perché fare il ricercatore è il mestiere più bello del mondo.
Maria Del Zompo

Sebastiano Seatzu ha lavorato nel nostro Ateneo sin dal 1965. Laureato in Fisica, è stato docente prima di Analisi Matematica, poi di Analisi Numerica e di Ricerca Operativa. Ha ricoperto numerosi incarichi di coordinamento sia nel nostro Ateneo che a livello nazionale. La sua ricerca ha spaziato dalla teoria dell'Approssimazione all'Algebra Lineare Numerica, dai problemi inversi alla risoluzione di equazioni differenziali e integrali, mantenendosi sempre su standard internazionali e collaborando con ricercatori di alto livello.
Le sue doti umane sono state pari se non superiori a quelle scientifiche, portandolo a riunire intorno a se un gruppo di ricerca affiatato e produttivo.
Il suo impatto più evidente, e quello a cui forse teneva maggiormente, è stato quello sulla didattica. Ha formato generazioni di studenti, ricevendo sempre valutazioni entusiastiche e dimostrazioni di affetto anche a distanza di anni. Chiunque lo abbia conosciuto a fondo, lo considerava un amico prima che un collega, e conserverà di lui un ricordo indelebile.

Giuseppe Rodriguez

Videopitch con il prof. Seatzu realizzato esattamente due anni fa, il 13 febbraio 2016
Themes: Remembering

Last news

19 October 2019

Microcosmi di sofferenza, uno sguardo trasversale

Al via lunedì 21 ottobre alle 15 con i saluti del Rettore Maria Del Zompo l’iniziativa “IN/OUT. Percorsi di prigionia e di libertà”: intorno ad una conferenza internazionale che proseguirà fino al 23 ottobre un variegato caleidoscopio di mostre, seminari e installazioni interdisciplinari e contaminanti che coinvolge docenti e studenti

18 October 2019

Criptovalute e Blockchain: verso le applicazioni reali

Martedì 22 ottobre dalle 14.30 nell’Aula Magna di Ingegneria di via Marengo 2 a Cagliari l’evento organizzato da Università di Cagliari e Sardegna Ricerche nell’ambito del progetto “Sardcoin: tecnologie blockchain a supporto del turismo in Sardegna” coordinato da Michele Marchesi

18 October 2019

La sfida del cosmopolitismo al pensiero scientifico

COSMOMED, il Prorettore alla Didattica Ignazio Putzu indica la rotta dell’evento che coinvolgerà la città di Cagliari nelle prossime due settimane. Francesco Mola (Prorettore vicario): “Coinvolto un numero davvero notevole di ricercatori di differenti settori scientifico-disciplinari: rilevante apporto dell’Ateneo a un tema fondamentale per la società”. RESOCONTO con IMMAGINI e VIDEO del convegno di apertura

18 October 2019

La cannabis in gravidanza espone i figli agli effetti psicotici del THC

Fa letteralmente il giro del mondo la notizia dello studio - pubblicato su Nature Neuroscience - guidato da Miriam Melis (Dipartimento di Scienze biomediche), realizzato dall’Università di Cagliari in collaborazione con l’Accademia delle Scienze Ungheresi a Budapest e l’Università del Maryland a Baltimora. Articoli anche su THE ECONOMIST, oltre che sulle principali testate giornalistiche italiane e sarde. Mostrate dai ricercatori le conseguenze negative sullo sviluppo del sistema nervoso centrale del bambino dell’assunzione in gravidanza di una droga considerata “leggera”. RASSEGNA STAMPA

Questionnaire and social

Share on: