Democrazia, partecipazione politica, società civile sulle due sponde del Mediterraneo: da lunedì 12 febbraio un nuovo ciclo di incontri organizzati dal GramsciLab
05 February 2018
Una nuova iniziativa per conoscere sempre meglio il pensiero di Antonio Gramsci

di Valeria Aresu

Cagliari, 5 febbraio 2018 - “A lezione da Gramsci. Democrazia, partecipazione politica, società civile sulle due sponde del Mediterraneo”: è il titolo del ciclo di convegni organizzati dal GramsciLab, progetto ideato dall’Università di Cagliari per divulgare su tutto il territorio il contributo degli studi internazionali gramsciani, nei giorni 12, 14 e 15 febbraio. Si tratta di una nuova occasione per approfondire i temi legati all’elaborazione critica del pensatore di Ales.

Più nello specifico, Nicola Melis, Nicola Gabriele, Patrizia Manduchi e Filippo Petrucci interverranno lunedì 12 febbraio dalle 10 in Aula Baffi (via Sant’Ignazio n. 74) su “Sardegna e Tunisia: una storia mediterranea”. Introdurrà i lavori Stefano Usai, Presidente della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche.

Le attività di mercoledì 14 febbraio  si svolgeranno nei locali della MEM Biblioteca del Mediterraneo, a partire dalle 16:30. Ad illustrare il tema “Una nuova questione meridionale? Mediterraneo e migrazioni”, saranno Virginia Mura, assessora al lavoro della Regione Sardegna, Giannicola Saba, responsabile del settore emigrazione/immigrazione, Anna Puddu, consigliera del Comune di Cagliari, Naoufel Soussi, Presidente della Cooperativa Sociale Aman, Mohanned Hammami, mediatore interculturale presso la Questura di Cagliari,  introdotti da Paolo Frau, assessore alla cultura del Comune di Cagliari e dal direttore dell’Istituto Gramsci della Sardegna.

Ad introdurre i lavori di giovedì 15 febbraio, che si terranno ancora in Aula Baffi a partire dalle ore 16, sarà Giovanna Medde, direttrice del Servizio rapporti internazionali e con l’Unione Europea della Presidenza della Regione. A partecipare alla discussione dal tema “Gli studi gramsciani nel mondo arabo: il caso della Tunisia”  saranno Tahar Labib, Baccar Gherib, Gennaro Gervasio,  Patrizia Manduchi e Alessandra Marchi rispettivamente con interventi dal titolo: Un Gramsci arabe à la carte; Tunisia: Rivoluzione e transizione come crisi di egemonia; Le rivoluzioni arabe. Una prospettiva subalterna; Gli studi gramsciani sul mondo arabo: l’esperienza del GramsciLab. Infine interverranno due studenti partecipanti al progetto, Mohamed Slim Ben Youssef e Mattia Dessì.

Attachments

Last news

24 September 2022

Consorzio Industriale della Gallura, intesa con il DICAAR

Un progetto di ricerca sotto la responsabilità di Roberto Ricciu, docente del Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Architettura, che coordina un gruppo di ricerca di Fisica Tecnica Ambientale, ha mosso i primi passi nelle scorse settimane: l'obiettivo è studiare il fabbisogno di energia attuale e pianificare il futuro sviluppo socio economico del nord est della Sardegna provando a rispondere in modo opportuno ad alcune domande fondamentali per lo sviluppo

24 September 2022

Percorsi mediterranei di mediazione per la pace, interviene il Segretario della CEI

L'arcivescovo di Cagliari mons. Giuseppe Baturi apre i lavori dell'iniziativa organizzata dal docente di Diritto privato Carlo Pilia: l'appuntamento è per lunedì 26 settembre alle 16 con una relazione sulla "Carta di Firenze". “L’inizio delle lezioni è l’occasione propizia per animare un confronto con gli studenti universitari sulle tematiche di interesse generale e di maggiore attualità – spiega il professore - che quest’anno riguardano lo sviluppo sostenibile e gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite”.

24 September 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

23 September 2022

Bullismo, sistema di videosorveglianza intelligente per segnalare episodi di violenza ideato dagli specialisti dell’Università di Cagliari

Dalle App per smartphone e pc agli studi avanzati sul rilevamento degli artefatti video utilizzati dai bulli per molestare e minacciare. Il team dell’Università di Cagliari guidato da Gian Luca Marcialis nel progetto BullyBuster con gli atenei di Foggia, Bari e Napoli Federico II. I lavori saranno presentati anche all’Orto botanico il 30 settembre per Sharper european researchers’ night 2022

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie