L’ateneo del capoluogo sardo new entry della cordata accademica. Meeting in città per un’alleanza finalizzata a ricerche scientifiche comuni e percorsi di studio a doppio titolo
25 November 2017
24 novembre 2017 - Foto di gruppo nella Sala Settecentesca della Biblioteca Universitaria di Cagiari

Cagliari, 25 novembre 2017
Ivo Cabiddu

   
Si è svolta ieri mattina in Rettorato la prima parte di un importante meeting tra i rappresentanti di un network di sei Università europee di cui ora farà parte anche l’Ateneo di Cagliari. Lo scopo dell’incontro - presieduto dalla professoressa Alessandra Carucci, prorettore di UniCa per l’internazionalizzazione - è stato quello di allargare il partenariato strategico e attivare nuove collaborazioni, non limitate solo allo scambio e alla mobilità di studenti, docenti e staff (che saranno comunque incrementati con l'attivazione di accordi Erasmus con le sedi coinvolte). Grazie alle nuove intese l’Università del capoluogo sardo coglie soprattutto l’occasione di cooperare in progetti di ricerca scientifica e per costruire percorsi di studio a doppio titolo, cioè pienamente ed automaticamente riconosciuti in ciascuna nazione partecipante.

Incontro nell'Aula Consiglio del Rettorato di Cagliari
Incontro nell'Aula Consiglio del Rettorato di Cagliari

DELEGAZIONE UNICA. Oltre alla professoressa Carucci, facevano parte della rappresentanza di UniCa i professori Stefano Usai (presidente della facoltà di Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche), Enzo Tramontano (presidente della Facoltà di biologia e farmacia), Paola Fadda (coordinatrice del Master in Scienze infermieristiche e Ostetricia, nell'incontro rappresentante della Facoltà di medicina e chirurgia), Giorgio Giacinto (coordinatore della facoltà di Ingegneria e architettura per i programmi Erasmus, responsabile per il Settore di Ingegneria elettronica) e Alessandro Spano (docente di Economia).

Un momento della presentazione del prof. Enzo Tramontano
Un momento della presentazione del prof. Enzo Tramontano

PARTNER EUROPEI. Per gli atenei stranieri erano invece presenti: Emma Lister (Partnership Liaison Manager  dell’Università di Derby, Regno Unito), Jan Pavlik (Director of Office for International Cooperation della Masaryk University, Repubblica Ceca), Belen Navajas (Director of Internationalisation dell’Università Francisco de Vitoria, Spagna), Paul Nixon (European Platform Co-ordinator, The Hague University of Applied Sciences, Olanda), Rajash Rawal (Preside della Facoltà di Management & Organisation, The Hague University of Applied Sciences, Olanda). In collegamento tramite teleconferenza ha inoltre partecipato ai lavori Kirsi Jokipakka (Tampere University of Applied Sciences, Finlandia).

Intervento della docente spagnola Belen Navajas (Università Francisco de Vitoria)
Intervento della docente spagnola Belen Navajas (Università Francisco de Vitoria)

VISITA ALLE FACOLTA'. Gli accademici nel pomeriggio hanno visitato varie sedi dell’Università cagliaritana, tra cui la direzione del Centro Servizi di Ateneo per l’Innovazione e l’imprenditorialità (Crea) per poi concludere la giornata nei locali di Ingegneria in via Marengo.

Riunione mattutina nel Rettorato di Cagliari. Al centro la professoressa Carucci
Riunione mattutina nel Rettorato di Cagliari. Al centro la professoressa Carucci

Last news

20 October 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

20 October 2021

Giornate Deleddiane, al via la tre giorni di iniziative

Aperte con l'intervento del Rettore Francesco Mola le manifestazioni organizzate dall'Università degli Studi di Cagliari, l'Istituto Superiore Regionale Etnografico e l'Università di Sassari per celebrare la scrittrice premio Nobel a 150 anni dalla nascita. "È un’iniziativa importante, che coinvolge i due Atenei e le scuole. Portare l’università fuori dall’università vuol dire accogliere la più grande parte del sapere: è uno sforzo che dobbiamo e vogliamo fare anche con Università di Sassari, tanto più dopo l’esperienza drammatica che abbiamo vissuto" queste le parole del Magnifico

Questionnaire and social

Share on: