L'impegno e la dedizione profusi nell'attività scientifica ed accademica come Maestro delle Scienze anatomiche riconosciuti in occasione del 71° Congresso Nazionale della Società di Anatomia, il 22 settembre a Taormina
26 September 2017
La consegna del Premio al prof. Riva. Presenti il prof. Gaudio, il tesoriere e la segretaria della Società Italiana di Anatomia

di Sara Piras


Il 22 settembre a Taormina, il professor Alessandro Riva, emerito di Anatomia umana, docente di Storia della Medicina e responsabile della Collezione delle Cere anatomiche di Clemente Susini dell’Università di Cagliari ha ricevuto il Premio alla carriera per l'impegno e la dedizione profusi nell'attività scientifica ed accademica come Maestro delle Scienze anatomiche. Il riconoscimento è stato consegnato dal presidente della Società Italiana di Anatomia e Istologia e Rettore della Sapienza di Roma Eugenio Gaudio, in occasione del 71° Congresso Nazionale della Società di Anatomia.


Alessandro (Lodovico) Riva, è nato a Milano il 25/8/1939, da Carolina Ajmar e Giuseppe, già aiuto dell’Ospedale Fatebenefratelli di Milano e poi Medico di famiglia a Sesto S. Giovanni (MI). È sposato dal 1969 con Francesca Testa, già professoressa di prima fascia di Istologia ed Embriologia nell’Università di Cagliari, da cui ha avuto tre figlie: Laura, Giulia e Margherita.
Dopo aver frequentato il liceo classico B. Zucchi di Monza, si è iscritto, nel 1958, alla Facoltà di Medicina e Chirurgia di Pavia dove, per meriti di studio, è stato ammesso, a titolo gratuito, come alunno al prestigioso Collegio Ghislieri. Da studente, ha frequentato l’Istituto di Anatomia Umana Normale come allievo interno insieme a Francesco Maria Osculati per tutti i 6 anni di corso. Le sue guide sono state i professori Antonio Pensa, Gennaro Palumbi, Luigi Cattaneo e Bruno Zanobio. Quest’ultimo, in assenza di Luigi Cattaneo, chiamato a Cagliari nel 1963, lo ha seguito nella preparazione della tesi sperimentale “Indagine istochimica sulle inclusioni nucleari dell’epididimo del cane”,  discussa nel luglio del 1964 ed approvata con 110 su 110 e lode. Nell’ottobre del 1964 ha partecipato al XXIV Convegno (Modena e Padova) diventando, da allora, Membro della Società Italiana di Anatomia.


 

Il prof. Riva
Il prof. Riva

Nel novembre 1964, dopo aver ricevuto dal Collegio Ghislieri il premio di laurea Lamberti-Zanardi, si è trasferito a Cagliari all’Istituto di Anatomia Umana Normale diretto dal professor Luigi Cattaneo che, in carenza di altri posti, lo ha assunto temporaneamente, come ausiliario di IV categoria. Nell’ottobre del 1965, vincitore di una borsa del British Council, ha trascorso, col consenso del direttore, un periodo di un anno presso il Department of Anatomy del St. Thomas Hospital di Londra, diretto dal professor David V. Davies, dove ha acquisito le tecniche di preparazione per la Microscopia elettronica
Nel novembre del 1966, Luigi Cattaneo è stato chiamato a Bologna; lo hanno seguito, nella direzione dell’Istituto Anatomico di Cagliari Damiano Zaccheo (1966-1969) e Massimo Trevisi (1969-1970), poi trasferiti, rispettivamente, a Genova e ad Ancona.
La carriera accademica di Riva negli anni di assistentato e successivamente alla sua nomina, nel 1971, a direttore incaricato dell’Istituto di Anatomia di Cagliari, è proseguita con le seguenti tappe: professore incaricato di Anatomia topografica (1968-1969), di Istologia ed Embriologia generale (1969-1972), di Anatomia umana normale (1970-1975), di Anatomia umana della Facoltà di Farmacia (1977-1980, di Anatomia dell'Apparato Odontostomatologico, (1979-1986); dal 1975 al 2010 Ordinario di Anatomia umana. Fondatore e promotore del Dipartimento di Citomorfologia (Direttore dal 1986 al 1892 e dal 2001 al 2007), del Dottorato in Scienze morfologiche (Direttore 1987-2008) e del Museo delle Cere anatomiche (direttore 1991-2016).
Nel 1994 ha ricevuto la cittadinanza onoraria del Comune di Olzai (Nuoro) per i meriti acquisiti per la valorizzazione dell’opera dell’illustre concittadino, il professor Francesco Antonio Boi, autore delle dissezioni poi voltate in cera da Clemente Susini.

Il certificato del Premio alla carriera
Il certificato del Premio alla carriera

È stato per 17 anni (1980-1996) Membro elettivo del CDA dell’Università di Cagliari.
Nel 1989 gli è stato conferito, oltre a quello di Anatomia, il corso di Storia della Medicina che tuttora ricopre. Dal 1995 al 2009 ha avuto l’incarico di Storia della Medicina e della Assistenza nel Corso di Laurea in Scienze infermieristiche e, dal 1997 al 2009, ne è stato il Presidente. 
Nel 2011 la Facoltà Medica di Cagliari lo ha nominato professore emerito, lo ha confermato quale professore a contratto di Storia della Medicina e, fino al 2016, curatore-responsabile del Museo delle Cere anatomiche di Clemente Susini, da lui fondato nel 1991.
Visiting Professor dell’Università di Miyazaki (Giappone) con nomina per gli anni 2010-2017. Membro di 13 Società Scientifiche nazionali e internazionali, presidente dell'Associazione Clemente Susini per la Storia della Medicina, rappresentante dell'Italia nel Programma Federativo Internazionale per la Terminologia Anatomica (FICAT) dal 1994, Socio Onorario della Società Italiana di Scienze Microscopiche e della Società Italiana di Istochimica; segretario e membro del direttivo della SIAI fino al 2017, Emeritus Member of the Anatomical Society of Great Britain and Ireland, of the American Anatomical Society, of the Histochemical Society (USA), of the IADR. Secretary of the European Society of Experimental Morphology (2011-2017), Hon. Member of the Rumanian Anatomical Society, etc.
I suoi principali interessi di ricerca vertono, oltre che sui mitocondri, le ghiandole salivari ed altre ghiandole esocrine umane, sulla Storia della Medicina, dell'Anatomia e della Ceroplastica anatomica.
Ha organizzato nel 1973 il laboratorio di microscopia elettronica applicata alla biomedicina, l’unico tuttora funzionante a Cagliari, ed ha avuto e ha in atto, numerose collaborazioni con studiosi europei, giapponesi e americani. Ha ottenuto più volte fondi ministeriali Cofin quale coordinatore nazionale di progetti di ricerca in campo scientifico, fondi FIRB, e contributi SIRIO per i musei scientifici.


Nell’aprile del 2009 gli è stato conferito a Miami dalla International Association of Dental Research (IADR) il Salivary Research Distinguished Scientist Award, premio fino ad allora mai assegnato a un ricercatore italiano. Nel 2016 i Rotary Club di Cagliari gli hanno conferito il premio internazionale Alberto Lamarmora per la sua attività accademica e per aver promosso e fondato il Museo delle Cere anatomiche.
È autore di oltre 170 pubblicazioni, nella grande maggioranza su riviste internazionali (tra cui una ventina di Storia della Medicina e dell’Anatomia), editor di alcuni testi; editor, guest editor membro dell'editorial board e referee di numerose riviste internazionali. Visiting Professor in prestigiose Università europee, degli Stati Uniti e del Giappone; relatore, per invito, ad oltre cinquanta congressi in tutto il mondo, compresi quelli della IFAA e ISMS; ha organizzato numerosi convegni internazionali in Italia e all’estero,  il primo dei quali è stato, il XXXV Convegno della Società Italiana di Anatomia, Cagliari-Forte Village (15-19 Settembre 1978), mentre i più recenti sono il Convegno Internazionale per il II centenario della morte di Clemente Susini (settembre 2014) ed il Symposium on the wax anatomical models of Cagliari (giugno 2015) all’Università di Galway.


Ha realizzato nel 2007 con la Casa Editrice Ilisso di Nuoro due volumi sulle cere anatomiche: uno in inglese (Flesh &Wax) ed uno in italiano (Cere) che lo stesso anno è stato incluso tra gli eventi dell’anno dal Ministero dei Beni Culturali. Ha pubblicato guide in diverse lingue, un’audioguida italiano-inglese e due CD sul museo di Cagliari. Ha creato sul web, fin dal 1993, http://pacs.unica.it/cere/ un sito plurilingue (aggiornato ogni 2 anni) che illustra il museo virtuale contenente anche una breve Storia della Medicina vista dalla Sardegna, che ha avuto, ed ha, un alto gradimento a livello internazionale. Ha pubblicato sul web, con accesso libero, le lezioni del suo corso in Neuroanatomia.
Nove docenti, già allievi e/o collaboratori del professor Riva e da lui presentati ai relativi concorsi nazionali occupano, o hanno occupato, cattedre di prima fascia di discipline morfologiche nell’Università di Cagliari ed in altre università italiane.
Ha infine promosso l’esposizione di alcune cere anatomiche cagliaritane in sedi prestigiose quali la Villette di Parigi, la Hayward Gallery di Londra, la Triennale di Milano, il National Science Museum di Tokyo, La Marciana di Venezia etc.

La targa del Premio carriera
La targa del Premio carriera

Last news

24 September 2022

Consorzio Industriale della Gallura, intesa con il DICAAR

Un progetto di ricerca sotto la responsabilità di Roberto Ricciu, docente del Dipartimento di Ingegneria Civile Ambientale e Architettura, che coordina un gruppo di ricerca di Fisica Tecnica Ambientale, ha mosso i primi passi nelle scorse settimane: l'obiettivo è studiare il fabbisogno di energia attuale e pianificare il futuro sviluppo socio economico del nord est della Sardegna provando a rispondere in modo opportuno ad alcune domande fondamentali per lo sviluppo

24 September 2022

Percorsi mediterranei di mediazione per la pace, interviene il Segretario della CEI

L'arcivescovo di Cagliari mons. Giuseppe Baturi apre i lavori dell'iniziativa organizzata dal docente di Diritto privato Carlo Pilia: l'appuntamento è per lunedì 26 settembre alle 16 con una relazione sulla "Carta di Firenze". “L’inizio delle lezioni è l’occasione propizia per animare un confronto con gli studenti universitari sulle tematiche di interesse generale e di maggiore attualità – spiega il professore - che quest’anno riguardano lo sviluppo sostenibile e gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite”.

24 September 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

23 September 2022

Bullismo, sistema di videosorveglianza intelligente per segnalare episodi di violenza ideato dagli specialisti dell’Università di Cagliari

Dalle App per smartphone e pc agli studi avanzati sul rilevamento degli artefatti video utilizzati dai bulli per molestare e minacciare. Il team dell’Università di Cagliari guidato da Gian Luca Marcialis nel progetto BullyBuster con gli atenei di Foggia, Bari e Napoli Federico II. I lavori saranno presentati anche all’Orto botanico il 30 settembre per Sharper european researchers’ night 2022

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie