Aide Esu e Gianmario Demuro, docenti alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche, sono intervenuti alla tavola rotonda “Donne, minori e seconde generazioni di migranti”, organizzata dalla Consigliera di Parità della Città metropolitana di Cagliari Susanna Pisano e dall’Ordine degli Avvocati di Cagliari al Palazzo di Giustizia. Al centro delle loro relazioni la complessità della vita degli immigrati e una decisa sottolineatura sui concetti di uguaglianza e cittadinanza
26 October 2019
L'apertura dei lavori al Palazzo di Giustizia di Cagliari

Pomeriggio di alto profilo nell'Aula magna della Corte d'Appello del Palazzo di Giustizia di Cagliari: al tavolo dei relatori anche Guido Alpa, docente dell'Università "La Sapienza" di Roma

Sergio Nuvoli

Cagliari, 26 ottobre 2019 – “Attenti ad un’idea politicamente corretta di integrazione: essa infatti è uno strumento di potere, contiene in sè un’idea di controllo. Pensate ai dispositivi di ‘profiling’ che vengono utilizzati sugli immigrati: sono molto impattanti sulla vita delle persone: spaventano molto i migranti”. E’ stato soltanto uno dei passaggi dell’intervento di Aide Esu, docente di Sociologia alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche, ieri alla tavola rotonda “Donne, minori e seconde generazioni di migranti”, organizzata dalla Consigliera di Parità della Città metropolitana di Cagliari Susanna Pisano e dall’Ordine degli Avvocati di Cagliari al Palazzo di Giustizia. Davvero difficile dar conto di tutti gli spunti emersi da un dibattito ricchissimo e molto seguito.

L’incontro, moderato da Susanna Pisano e Stefania Bandinelli, vicepresidente dell’Ordine degli Avvocati, ha visto il prestigioso intervento del professor Guido Alpa, docente all’Università La Sapienza di Roma, il saluto di Aldo Luchi, Presidente dell'Ordine degli Avvocati, di Grazia Maria De Matteis, Garante regionale per l’Infanzia e l’Adolscenza, e alcune testimonianze di operatori del settore.

L'intervento di Aide Esu
L'intervento di Aide Esu

La difficile situazione delle donne immigrate passa – secondo Esu – attraverso concetti come doppia appartenenza, bilanciamento del lavoro domestico ed extradomestico, i loro modi di resistere alle illegalità, l’uso della solidarietà

“Da sociologa – ha proseguito la professoressa Esu - devo dire che l’integrazione è un concetto base su cui insisto molto con i miei studenti a lezione, che passa – badate bene - dalla interiorizzazione di norme e valori. Negli Stati Uniti, per esempio, con questo sistema gli afroamericani sono stati sistematicamente esclusi. Essere integrato richiama l’idea della conformità, che crea etichette e disuguaglianze”.

Nelle sue parole, poi, la complessità dell’essere immigrato, perché le politiche attualmente proposte dagli Stati contengono una forte dose di aggressività: “Attualmente l’integrazione passa attraverso procedure rigide con cui gli immigrati devono dimostrare di aver assimilato gli usi del Paese dove si stabiliscono, ma nel frattempo i loro diritti sono sospesi”.

La difficile situazione delle donne immigrate passa – secondo Esu – attraverso concetti come doppia appartenenza, bilanciamento del lavoro domestico ed extradomestico, i loro modi di resistere alle illegalità, l’uso della solidarietà specie tra le lavoratrici domestiche, pur nelle differenze. “La nostra strategia è il mantenimento delle differenze - ha  concluso - Possiamo vivere ancora tutti insieme? E’ davvero questo l'interrogativo da porci con serietà e da porre a tutti”.

L'intervento del professor Alpa ai lavori dell'iniziativa organizzata al Palazzo di Giustizia di Cagliari
L'intervento del professor Alpa ai lavori dell'iniziativa organizzata al Palazzo di Giustizia di Cagliari

Gianmario Demuro: "L’art. 20 della Carta di Nizza parla espressamente di uguaglianza di tutte le persone davanti alla legge: questo è significativo. Non parla di cittadinanza, perché avrebbe causato una discriminazione al contrario"

Poco prima di lei, Gianmario Demuro – docente di Diritto costituzionale – ha svolto un articolato intervento sui temi dell’uguaglianza, soffermandosi in particolare sulle differenze di genere: “Pari opportunità e azioni positive hanno portato ad una revisione costituzionale – ha precisato - Sono state dichiarate incostituzionali leggi di alcune regioni a statuto speciale, dunque nazionali, nella parte in cui non hanno tenuto conto della disuguaglianza di genere. C’è un movimento culturale per esempio sull’art. 117 e sull’art. 51. In alcuni casi è necessario cambiare la Costituzione per garantire l’uguaglianza di genere. Le politiche pubbliche sono comunque politiche parlamentari: la discriminazione dipende sempre dal principio che si sceglie di inserire o meno nella Costituzione”.

“Rafforzando l’articolo 3 della Costituzione si può fare molto sull’uguaglianza di genere – ha proseguito il costituzionalista - L’art. 20 della Carta di Nizza, per esempio, parla espressamente di uguaglianza di tutte le persone davanti alla legge: questo è estremamente significativo. Non parla di cittadinanza, perché così facendo avrebbe causato una discriminazione al contrario. Parla di persone: una scelta estremamente significativa”. Demuro ha quindi rimarcato che si comincia a parlare di diritto “eurounitario”, termine che sostituisce quello di “comunitario”: “un’operazione non neutra – ha evidenziato – che fa sparire la sottolineatura sul concetto di comunità che ha dato vita all’attuale sistema”.

Gianmario Demuro ha sottolineato l'importanza del concetto di uguaglianza, declinato nel modo corretto nella pratica politica e parlamentare
Gianmario Demuro ha sottolineato l'importanza del concetto di uguaglianza, declinato nel modo corretto nella pratica politica e parlamentare

Stefania Stefanelli (Università di Perugia), ha citato Hanna Arendt: "Privati dei diritti umani garantiti dalla cittadinanza, si trovarono ad essere senza alcun diritto, schiuma della terra"

“Continuare a discriminare tra cittadini e non cittadini ha ancora senso, nella prospettiva dell’applicazione di un diritto sovranazionale? – si è poi chiesto - L’Unione europea parla di ‘governance della migrazione’, ma allo stesso tempo occorre ricordare che i diritti sono universali, riguardano le persone, tutte le persone. Il punto è l’uguaglianza nei diritti, che sono la base del vivere civile nell’Europa”.

Durante i lavori Stefania Stefanelli, docente di Diritto privato all'Università degli Studi di Perugia, si è soffermata sui diritti fondamentali che spettano ai bambini, anche a quelli stranieri presenti in Italia, spiegati nel dettaglio in virtù del delicatissimo intreccio tra filiazione e cittadinanza. La professoressa ha citato Hanna Arendt: "Privati dei diritti umani garantiti dalla cittadinanza, si trovarono ad essere senza alcun diritto, schiuma della terra". Ha quindi illustrato cosa cambierebbe nel nostro ordinamento con l'approvazione del disegno di legge in materia di ius soli.

Stefania Stefanelli durante il suo intervento alla tavola rotonda
Stefania Stefanelli durante il suo intervento alla tavola rotonda

Last news

29 October 2021

L’UNIVERSITA’ DELL’INNOVAZIONE

Speciale spazio dedicato dal TG della RAI ai progetti coordinati da Massimo Barbaro, Danilo Pani, Luigi Atzori e Davide Spano e ai loro team di giovani ricercatori. L’Ateneo al servizio della società e del territorio con ricadute rapide, intelligenti ed efficaci: da ACUADORI, la piattaforma ICT per la gestione dell'acqua destinata alla viticoltura, a People Mobility Analytics per migliorare la gestione di servizi pubblici delle pubbliche amministrazioni, da DoMoMEA, per la teleassistenza domiciliare ai pazienti, a ECARules4All, che consente di creare ambienti di realtà virtuale. L’innovazione non aspetta, l’Università di Cagliari la anticipa. GUARDA IL VIDEO

29 October 2021

Grazia Deledda, la donna che non mise limiti alle donne

Il Rettore Francesco Mola interviene venerdì 29 ottobre all’importante appuntamento organizzato al Senato della Repubblica dal comitato istituzionale che cura le celebrazioni in onore della scrittrice e Premio Nobel

28 October 2021

Il ricordo, la memoria

Attivato un sito in ricordo di Angelo Aru, per tanti anni docente del nostro Ateneo e maestro di Pedologia. Gli allievi e i familiari scrivono a UNICANEWS: "Non il ricordo sincero di un grande studioso ma il primo nucleo di un lavoro di ricerca e approfondimento che, con i contributi di quanti lo vorranno, potrà arricchirsi di testi, immagini, filmati

28 October 2021

«Un orto al mese» fa tappa all'Università di Cagliari

Il gruppo “Orto botanici e giardini storici” della Società Botanica Italiana racconta sui social le bellezze verdi dell'Italia attraverso una diretta con i protagonisti: dal Nord al Sud del nostro Paese in mostra i polmoni verdi che fanno respirare le nostre città. “Si tratta di una modalità certamente nuova e coinvolgente – spiega Gianluigi Bacchetta, direttore dell’Orto Botanico cagliaritano – per raccontare le collezioni e le attività che quotidianamente si svolgono nel polmone verde dell’Università di Cagliari". I LINK PER SEGUIRE LA DIRETTA GIOVEDI' 28 OTTOBRE A PARTIRE DALLE 17. RASSEGNA STAMPA

Questionnaire and social

Share on: