L'ex ministro Carrozza alla quarta edizione del seminario dedicato alla memoria della prof.ssa Gessa Kurotschka. VIDEOINTERVISTA
26 June 2015

 

di Valentina Zuddas - fotografie di Francesco Cogotti

 

Cagliari, 26 giugno 2015 – Si è svolto nella sua quarta edizione nell’Aula Magna del Rettorato il seminario sulle tematiche etico politiche del post umanesimo “L’umano dopo l’umano” nella consueta veste multidisciplinare che caratterizza gli appuntamenti seminariali dedicati alla memoria della Prof.ssa Vanna Gessa Kurotschka. Profonda soddisfazione del Rettore Maria Del Zompo per la riproposizione dell’evento, in particolare per l’interesse scientifico e culturale delle tematiche del convegno, che ha ospitato contributi di filosofia etica, neuroscienze, informatica, robotica ed economia politica, consentendo una proficua alternanza tra discipline scientifiche e umanistiche. “La filosofia deve aiutare non a giudicare, ma ad interpretare le trasformazioni sociali in atto con il progresso tecnologico”. Così ha introdotto e aperto il convegno la docente di filosofia Fiorella Battaglia della “Ludwig-Maximilians-Universität” di Monaco di Baviera.

 

Della prof.ssa Maria Chiara Carrozza, ex ministro per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca, il primo intervento del convegno con un’agile relazione sul ruolo centrale della tecno-etica nella ricerca scientifica e tecnologica e nella robotica antropomorfa. “Il passaggio dalla robotica industriale a quella di servizio è ormai imminente – ha affermato l’ex ministro – Allo stesso modo diventa incalzante il dibattito sulla necessità di dotare le macchine di una forma di morale che consenta loro una gestione delle decisioni il più possibile aderente al contesto e alle contingenze. Il fatto è che potremmo anche prevedere di introdurre nei robots la morale, ma non la coscienza della finalità, che finora sembra appartenere solo al creatore e non alla creatura”.

 

Nessuna declinazione apocalittica quindi per gli scenari descritti dalla letteratura di Asimov. Quello che è certo invece, ha aggiunto la prof. Carrozza, è che “un certo grado di adattamento ad un futuro post-umano, nel quale l’unione dell’intelligenza artificiale con i progressi dell’hardware delle macchine, è ormai evidente, dovrà innescare una rivoluzione anche nel sistema universitario dove gli sbocchi professionali dovranno tener conto anche delle nuove trame di un’economia e una produzione che gli studiosi prevedono sarà  gestita solo in minima parte dalla mano dell’uomo”. 

 

Gli studi all’avanguardia sulla robotica applicata alle neuroscienze, alla medicina, alle scienze economiche e all’informatica sono stati approfonditi negli interventi successivi e nella discussione avviata al termine della mattina, partendo da una prospettiva ora umanistica e filosofica, ora scientifica. Il cruciale quesito del relatore Diego Rossi sulla possibilità di un mondo senza esseri umani e di un mondo che possa fare a meno dell’uomo non sembra prevedere una risposta univoca. “Sono le radici culturali – ha risposto il Rettore – a costituire una specificità tutta umana, e per questo vanno salvaguardate e coltivate. La cultura deve quindi stare al passo con la modernità e la tecnologia”.

 

La discussione è proseguita con i contributi dei presenti, la moderazione del prof. Giuseppe Cacciatore, e gli interventi del Prorettore alla Ricerca, Micaela Morelli, e della prof.ssa Gabriella Baptist, ideale prosecutrice della ricerca della filosofa Gessa Kurotschka e prima promotrice degli appuntamenti seminariali. L’evento si è concluso in serata con gli interventi del Prorettore al Territorio e all’Innovazione Annalisa Bonfiglio,  e i docenti Anna Lisa Muntoni e Rosario Diana, in un incontro moderato dal Prorettore alla Ricerca, Micaela Morelli.

 

Nell'occasione è stato lanciato in anteprima il volume che raccoglie il risultato scientifico dei primi due seminari (svoltisi nel giugno del 2012 e nel giugno del 2013): “Sui presupposti di un nuovo umanesimo. Tra ragione, scienza e religione”, a cura di G. Baptist, Milano-Udine, Mimesis, 2015, pp. 340, ISBN 9788857531052 (Collana: Etica, Identità, Interculturalità, n. 7; Sezione: Seminari di studio Vanna Gessa Kurotschka, I).

 


UFFICIO STAMPA ATENEO - mail ufficiostampa@amm.unica.it - Sergio Nuvoli  - tel. 070 6752216


 

GUARDA L’INTERVISTA DI SERGIO NUVOLI ALLA PROF.SSA CARROZZA

Last news

27 October 2021

Nobel per la Fisica 2021, riconoscimento importante per tutta la scienza italiana

Mercoledì 27 ottobre, alle 14,30, evento divulgativo nell’Aula A del Dipartimento di Fisica e in streaming sulla piattaforma Zoom. Per l’Università di Cagliari intervengono il prorettore alla Ricerca, Luciano Colombo, e il direttore del Dipartimento di Fisica, Gianluca Usai, con Enzo Marinari (Università La Sapienza, Roma) e Piero Olla (Isac-Cnr, Cagliari)

25 October 2021

L'Orto botanico festeggia i 400 anni di UniCa

Si concludono mercoledì 27 ottobre alle 10.30 gli appuntamenti organizzati dalla Facoltà di Biologia e Farmacia per l'anniversario dell'Università di Cagliari con una visita guidata al polmone verde del nostro Ateneo e al l Museo Herbarium. Ad accompagnare i partecipanti il direttore dell'Orto Gianluigi Bacchetta e la docente di Botanica Annalena Cogoni

25 October 2021

Ricerca, territorio e innovazione: l’Università di Cagliari capofila per la formazione avanzata nei trasporti del Mediterraneo

I simulatori di CentraLabs nel progetto da tre milioni e mezzo di euro con il Cirem capofila. Dalle gru portainer a bus e camion, logistica, competitività e performance di addetti portuali e autotrasporto. “La leadership dei colleghi è riconosciuta a livello mondiale” dice Francesco Mola. “Un passo strategico di rilievo” aggiunge Alessandra Carucci. “Dopodomani si parte con il kickoff meeting” spiega Gianfranco Fancello. “La ricerca si chiude nel gennaio 2024” rimarca Patrizia Serra

25 October 2021

«Un orto al mese» fa tappa all'Università di Cagliari

Il gruppo “Orto botanici e giardini storici” della Società Botanica Italiana racconta sui social le bellezze verdi dell'Italia attraverso una diretta con i protagonisti: dal Nord al Sud del nostro Paese in mostra i polmoni verdi che fanno respirare le nostre città. “Si tratta di una modalità certamente nuova e coinvolgente – spiega Gianluigi Bacchetta, direttore dell’Orto Botanico cagliaritano – per raccontare le collezioni e le attività che quotidianamente si svolgono nel polmone verde dell’Università di Cagliari". I LINK PER SEGUIRE LA DIRETTA GIOVEDI' 28 OTTOBRE A PARTIRE DALLE 17. RASSEGNA STAMPA

Questionnaire and social

Share on: