Affollata cerimonia nell'Aula Magna del Rettorato dell'Ateneo di Cagliari
10 May 2013
Andrea Camilleri con il rettore Giovanni Melis e la commissione di laurea (foto ic unicaweb)
Lo scrittore con il rettore di Cagliari e la commissione di laurea. Da sinistra: Antonietta Marra, Giulio Paulis, Marco, Pignotti, Antioco Floris, Maria Elena Ruggerini, Duilio Caocci, Giovanni Melis, Andrea Camilleri, Mauro Pala, Giuseppe Marci, Maria Dolores Garcia Sanchez, Paolo Maninchedda
 
 
Cagliari, 10 maggio 2013
– Una lectio magistralis sul rapporto tra genitori e figli, al termine della quale l’Università di Cagliari ha conferito la Laurea honoris causa in Lingue e Letterature Moderne, Europee e Americane ad Andrea Camilleri.
 
Dopo l’introduzione del Rettore Giovanni Melis, e la laudatio del prof. Giuseppe Marci, lo scrittore siciliano ha tenuto una lezione spaziando da Verga a Grazia Deledda, da Gavino Ledda a Pirandello a Italo Svevo. Di quest’ultimo ha commentato in particolare un capitolo de “La coscienza di Zeno”, soffermandosi in particolare sul contrasto generazionale, “tra padri e figli – ha detto – ma che diventa tra vecchi e giovani”.
 
la dedica di Andrea Camilleri  (foto: francesco cogotti) Andrea Camilleri (foto: francesco cogotti)
 
“Il movente del contrasto – ha spiegato Camilleri – è sempre sulla ‘roba’, cioè sulla proprietà. Chi l’ha accumulata nutre il timore che chi la erediterà non sarà in grado neppure di mantenerla. E alla paura del nuovo fa da controcanto l’insofferenza verso le regole: si tratta di uno scontro tra due mondi chiusi nelle loro certezze”.
 
Citando Pirandello ha aggiunto “formichetta si nasce, moscerino, filo d’erba”, mentre la parte centrale della lezione si è sviluppata intorno al “secondo nucleo narrativo del libro di Svevo, il rapporto tra Zeno e il padre”. Quindi la sorpresa: “Se mi sono soffermato su questo capitolo è perché mi permette di passare all’autobiografia”. L’autore del Commissario Montalbano ha quindi raccontato il proprio personale rapporto con il padre e la malattia che – quando Camilleri aveva 42 anni - lo condusse alla morte, insieme al ritrovato rapporto filiale nell’ultimo periodo della vita. “Penso di averlo deluso sempre – ha confidato lo scrittore – L’amavo intensamente, anche se non mi piacevano le cose che faceva. Amavo molto i libri che leggeva. Era stato fascista, squadrista, ma mai facinoroso né settario”.
 
“Partecipò alla guerra nella Brigata Sassari – ha aggiunto – agli ordini di Emilio Lussu, verso il quale nutriva un’autentica ammirazione”. Il ricordo degli ultimi istanti di vita del padre ha concluso, tra gli applausi, la lectio magistralis.
 

LAUREA A CAMILLERI, vedi notizia precedente su premiazione e presentazione del libro "La rivoluzione della luna"

un particolare della pergamena di laurea  (foto ic unicaweb)
l’attrice Rita Atzeri  (foto ic unicaweb)  Andrea Camilleri  (foto ic unicaweb)
al centro il rettore Giovanni Melis (foto: francesco cogotti)
da sinistra: Antonietta Marra, Giulio Paulis, Marco, Pignotti, Antioco Floris, Maria Elena Ruggerini, Duilio Caocci, Giovanni Melis, Andrea Camilleri, Mauro Pala, Giuseppe Marci, Maria Dolores Garcia Sanchez, Paolo Maninchedda (foto: francesco cogotti)
Cagliari, 10 maggio 2013 - Aula magna del Rettorato  (foto: francesco cogotti)
l’applauso della commissione (foto: francesco cogotti)
Andrea Camilleri riceve la laurea ad honorem dal rettore Giovanni Melis  (foto: francesco cogotti) - CLICCA PER INGRANDIRE
Andrea Camilleri, Giovanni Melis, Giuseppe Marci


UFFICIO STAMPA ATENEO - mail ufficiostampa@amm.unica.it - testi Sergio Nuvoli - foto di Ivo Cabiddu e Francesco Cogotti - tel. 070 6752216

 Cagliari, 10 maggio 2013 (foto: ic unicaweb)

 

Last news

05 October 2022

Archeologia, le scoperte di Nora

Una statuetta in maiolica di un babbuino del VII secolo avanti Cristo, proveniente probabilmente dall’Egitto. Tombe integre contenenti piccole statue e monili: sono queste i ritrovamenti emersi dagli scavi nella necropoli. Il lavoro dei ricercatori dell'ateneo, e delle Università di Padova, Genova e Milano, si è aperto nel 2013. Ieri, l'area archeologica è stata visitata dal rettore Francesco Mola e dal direttore del dipartimento di Lettere, lingue e beni culturali, Ignazio Putzu. Alla visita hanno preso parte i docenti Marco Giuman, Rossana Martorelli, Romina Carboni ed Emiliano Cruccas

04 October 2022

Tutti a caccia della bomba e dello scienziato pazzo: storie e fantasia per comunicare la ricerca

Quattrocento partecipanti all'Adventure nights: la caccia al tesoro scientifica all'Orto botanico è stata vinta dai team "Spagna" e "Stati Uniti", ha chiuso Sharper 2022. Enigmi e tranelli curati dai ricercatori dell'Università di Cagliari, Massimo Barbaro, Ambra Demontis, Annalisa Vacca, Stefania Tronci, Roberta Licheri, Michele Mascia, Maria Polo, Michela Marignani, Gian Luca Marcialis, Gian Battista Cocco, Giorgia De Gioannis, Francesca Maltinti, Roberto Ricciu e Tiziana Pivetta. Tra i temi del gioco di ruolo, transizione energetica, specie aliene invasive, cybersecurity, intelligenza artificiale, inquinamento acustico e modelli 3d del volto. L'approfondimento sulla Notte oggi in prima serata tv su Tele Sardegna

02 October 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 September 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie