Senza università, nessun futuro: "Mobilitazione necessaria, con famiglie e società civile a fianco del personale e degli studenti"
02 October 2010
Senza università, nessun futuro: "Mobilitazione necessaria, con famiglie e società civile a fianco del personale e degli studenti"
 
I Presidi delle undici Facoltà dell’Ateneo di Cagliari, nel quadro della mobilitazione proclamata in concomitanza con il blocco delle lezioni, lanciano un appello alle famiglie e alla società civile e convocano per lunedì 4 ottobre i "nuovi studenti universitari", le matricole, in Assemblee e incontri di Facoltà, per informare e discutere.
 
Qui di seguito il testo integrale del documento dei Presidi e la versione in lingua sarda campidanese.
 

 
DAI PRESIDI DI TUTTE LE FACOLTÀ DELL’UNIVERSITÀ DI CAGLIARI

AGLI STUDENTI, ALLE FAMIGLIE ED ALLA SOCIETÀ CIVILE

 
Se vogliamo che la scuola funzioni come un efficace motore di uguaglianza e come un fattore di crescita, bisogna che si irrobustisca”. Queste parole del Presidente Napolitano si devono intendere come estese a tutto il mondo della formazione pubblica dalle elementari all’Università; ma se il Presidente ha sentito il bisogno di ricordarlo è proprio perché la situazione della Scuola e dell’Università è decisamente grave e sottovalutata. Per questa ragione i Presidi delle Facoltà di Cagliari sentono l’esigenza di parlare alle famiglie dei loro studenti per fare chiarezza sulla crisi che l’Università sta vivendo.
 
È necessario, infatti, che le famiglie sappiano che stiamo iniziando un nuovo anno accademico in una condizione difficilissima. Da alcuni anni l’Università viene sistematicamente ridimensionata, i tagli di risorse a cui è sottoposta raggiungeranno nel 2011 il 20% rispetto ai finanziamenti erogati nel 2008, già allora sottostimati rispetto alla media europea. L’alta formazione in Italia è sotto-finanziata in un modo drammatico. Siamo il paese che investe in questo campo solo un imbarazzante 0,8% del Prodotto Interno Lordo, contro quasi il doppio della media europea.
 
Nonostante ciò, si continua a usare la scure sulla Scuola e l’Università pubblica: non solo non incrementiamo ricercatori e docenti, come fanno la Francia e la Germania che investono in ricerca e alta formazione malgrado la crisi; ma per ogni 10 docenti che vanno in pensione possiamo bandire al massimo 5 nuovi posti, in un momento nel quale, per ragioni anagrafiche, in pochi anni si concentrano pensionamenti per oltre il 30% del personale.

In questa Università depauperata, ai cui dipendenti (e in particolare ai giovani ricercatori!) si applicano tagli di stipendio che sono in proporzione più drastici che per qualsiasi altra categoria del paese, si nega poi ogni prospettiva proprio ai più giovani, a quelli che ne devono garantire il futuro, i ricercatori appunto, che in questi anni, con il loro impegno non dovuto nella didattica, hanno contribuito a garantire il funzionamento dell’alta formazione in Italia.
 
Molti di loro hanno dunque ritirato la disponibilità a coprire corsi, con un indubbio impoverimento della qualità del servizio che offriamo agli studenti: alcuni corsi di laurea in questo anno accademico sono stati soppressi. Malgrado questo, l’Università di Cagliari non ha voluto scegliere la strada di non aprire il primo anno dei propri corsi, perché ha messo al primo posto la salvaguardia del diritto allo studio dei 7 mila giovani che quest’anno, come ogni anno, si rivolgono a noi per crescere culturalmente e professionalmente.

Questa sofferta decisione ci impone, però, di dire con forza ancora maggiore che nella “società della conoscenza” si investe nella ricerca e nelle intelligenze, e non si taglia il ricambio generazionale.
 
L’Ateneo di Cagliari è un’Università storica, profondamente radicata nel tessuto culturale e sociale della Sardegna, e costituisce la carta vincente nella competizione globale per lo sviluppo. Al territorio l’Ateneo offre, oltre l’alta formazione per 35 mila studenti e la ricerca di base, centri di eccellenza riconosciuti anche in campo internazionale. I giovani cervelli più brillanti e innovativi dell’isola crescono scientificamente e professionalmente nei suoi laboratori e nelle sue aule per portare l’innovazione nelle imprese e nel territorio. Pur consapevole che esistono ampi margini di miglioramento, l’Ateneo rivendica con orgoglio questo contributo.
 
Forte di ciò, in questo momento di emergenza l’Ateneo di Cagliari rivolge un appello accorato alle famiglie ed alla società civile perché sentano come cosa propria il destino dell’Università e perché tutto il paese si renda conto che il taglio alla ricerca, all’alta formazione, all’innovazione nega alla base il futuro dei giovani e in prospettiva il destino stesso dell’Italia nella competizione globale:
 
SENZA UNIVERSITÀ, NESSUN FUTURO!
 
È indispensabile avere le famiglie e la società civile al fianco del personale e degli studenti nei momenti in cui ci sarà bisogno di testimoniare con iniziative di mobilitazione. Citiamo ancora il Presidente Napolitano:
 
“Il vero svantaggio insuperabile sarebbe una famiglia che non crede nello studio". 
 
 
 
 
 

 
DE IS PRESIDIS DE TOTU IS FACULTADIS DE S’UNIVERSIDADI DE CASTEDDU A IS ISTUDENTIS, A IS FAMILIAS E A SA SOCIEDADI CIVILI.

 
Si boleus chi s’iscola siat un istrumentu de paridade e de crèschida, si depit afortiai” custu fueddu de su Presidenti Napolitano si depit sterri a totu su mundu de sa formatzioni publica de is Iscolas elementaris a s’Universidadi. Chi su Presidenti at tentu su bisongiu de s’arrecordai est poita sa situatzioni de s’Iscola e de s’Universidadi est meda gravi e no est cunsiderada. Po cussu, is Presidis de is Facultadis de Casteddu bolint chistionai a is familias de is istudentis issoru po fai cumprendi mellus sa crisi chi s’Universidadi est atraessendi.

Is familias depint sciri chi seus incumentzendi un annu academicu nou in d’una cunditzioni dificili meda. De unu cantu ‘e annus s’Universidadi est sèmpiri ridimensionada, in su 2011 ant a redusi su dinai fintzas de su 20% de is finantziamentus donaus in su 2008, insaras jai is prus piticos in Europa. S’arta formatzioni in Italia est finantziada meda prus pagu de su chi serbit. Innoi s’imperat dinai sceti s’0,8% de su PIL, chi est sa medadi de su chi imperant in Europa.

Mancai custu, si sighit a impreai sa seguri apitzus de s’Iscola e de s’Universidadi publica, no si fait cresci su numeru de is ricercadoris e is professoris, comenti faint in Frantza e in Germania, chi, puru si c’est sa crisi, imperant dinai in is istudius e in s’arta formatzioni. In Italia po dogna dexi preofessoris chi andat in pensioni, podeus pigai sceti cincu professoris, in pagu tempus, po s’edadi de is traballadoris, ant andai a si pensionai prus de su 30% de su personali. In custa Universidadi fata sémperi prus pòbera, a is dipendentis (e prus de totu a is giovanus ricercadoris) si redusit sa paga meda de prus de totu is atrus traballadoris italianus. No permitint a is prus giovunus de s’organizai in su tempus benidore, propriu a is ricercadoris, chi in custus annus, cun s’impegnu in sa didatica, mancai no du depiant fai, ant fatu andai adenanti s’arta formatzioni in Italia.

Meda de issus ant decidiu de non fai prus cursus e custu impoberit sa calidadi de su servitziu chi donaus a is istudentis: in custu annu academicu, cancunu cursu de laurea est istetiu cancellau. Mancai custu, s’Universidadi de Casteddu at scioberau de fai incumentzai su primu annu de is cursus, poita sa cosa prus importante est su deretu a s’istudiu de is 7 milla piciocus chi cust’annu, cumenti is atrus annus, benint de nosu po cresci in cultura e in traballu. Cun custa decisioni sunfrita podeus narri cun grandu cunvintzioni chi in “sa sociedadi de sa connoscentzia” si depit imperai dinai in is istudius e in is intelligentzias e si depit pirmiti su cambiu de is generatzionis.

S’Ateneu de Casteddu est un’Universidadi istorica, beni arraiscindada in sa cultura e in sa sociedadi sardas, est sa cata chi fait binci in sa cumpetitzioni globali po s’isvilupu.

S’Universidadi donat a su territoriu s’arta formatzioni e is istudius de basi po is 35 milla istudentis, donat centrus de ecellentzia, arreconnotus puru a fora de s’Italia. Is cerbeddus giovunus prus bonus crescint in iscientzia e in professioni in is laboratorius e in is aulas de s’Universidadi e portant s’innovatzioni a is impresas e in su territoriu. Chi puru est craru chi si podit fai mellus, s’Universidadi bollit chi cust’agiudu mannu siat istimadu.

Sciendi beni custas cosas, in custus tempus malus, s’Universidadi de Casteddu dimandat a is familias e a sa sociedadi civili de cundividi sa sorti de s’Universidadi e circat de fai a cumprendi a totu sa natzioni che si sighit a redusi su dinai po is istudius, s’arta formatzioni e s’innovatzioni, non c’at a essi prus tempus benidori po is giovunus e custu at a fai mali a s’Italia matessi in sa cumpetitzioni globali:
 
CHENE UNIVERSIDADI, NISCIUNU TEMPUS BENIDORI!
 
Tocat chi is familias e sa sociedadi civili abarrint in pari a is traballadoris e a is istudentis in is oras de su bisongiu po fai initziativas e po si mobilitai. Cumenti at nau su Presidenti Napolitano:
 
Su cosa peus iat a essi una familia chi non creit in s’istudiu
 
 
 
 
Tradusidura de Lucia Cossu e Fabrizio Mattana 
 
(ic) - ultimo agg.to: 05.10.10

Last news

03 July 2020

On line il Manifesto degli Studi

Contiene i dettagli dell’offerta formativa per l'Anno Accademico 2020/2021 e l’indicazione di tutti i corsi di laurea, con le date delle prove di accesso e di verifica della preparazione iniziale: a disposizione 81 corsi di studio (38 triennale, 6 magistrali a ciclo unico, 37 magistrali biennali), 15 dottorati di ricerca, 35 scuole di specializzazione. ISCRIZIONI POSSIBILI A PARTIRE DAL 9 LUGLIO: per facilitare la scelta sono on line TUTTI I VIDEO degli Open Day di maggio, con la presentazione di ciascun corso e di ogni servizio offerto. RASSEGNA STAMPA

01 July 2020

Open Day, le magistrali e le specializzazioni di Studi Umanistici

Due giornate di orientamento online dedicate agli studenti e alle studentesse delle discipline umanistiche. L’8 e 9 luglio saranno presentati i corsi di laurea magistrale, i corsi di dottorato e le scuole di specializzazione della Facoltà di Studi Umanistici con la partecipazione di docenti, specialisti e studenti

Questionnaire and social

Share on: