UniCa UniCa News News Master in Fitoterapia, al via la seconda edizione

Master in Fitoterapia, al via la seconda edizione

Allievi e docenti anche dall’America Latina e dal Nord-Africa per il corso diretto da Gaetano Di Chiara
17 April 2010
 
Cagliari, 16 aprile 2010 - Nella suggestiva cornice del sottopiano del Palazzo civico di via Roma, una lectio magistralis del professor Gaetano Di Chiara sulla neuroscienza del placebo ha inaugurato la seconda edizione del Master di secondo livello in Fitoterapia.
 
Il corso, nato da un accordo di cooperazione internazionale tra l’Ateneo di Cagliari e l’Università Complutense di Madrid, è al momento l’unico in Italia a fornire un doppio titolo riconosciuto in tutti i paesi dell’UE: ‘Master in Fitoterapia’ e ‘Especialista en Fitoterapia’.
 
Quest’anno assume un carattere ancora più marcatamente internazionale, data la presenza di numerosi allievi stranieri, e docenti di prestigio provenienti anche dai Paesi del Nord Africa, dall’America Latina e da diversi Paesi europei: due dati che accrescono l’interesse per un Master che mostra la volontà di una sempre più marcata apertura dell’Ateneo verso il mondo delle imprese e verso il territorio. “E’ un elemento di notevole interesse – spiega il coordinatore del corso, Corrado Giua – le domande di ammissione sono state tantissime: è stato necessario un decreto del Rettore per ampliare il numero dei partecipanti. Anche stavolta proponiamo la modalità che ci ha premiato l’anno scorso: dopo un primo modulo a Cagliari, il secondo sarà in Toscana e privilegerà l’esperienza pratica all’interno delle aziende per verificare tutta la filiera fitoterapica in accordo con le più importanti aziende del settore. Infine, in autunno, la sessione madrilena con un periodo residenziale nel campus della Complutense: un grande scambio internazionale. Cagliari, per la fitoterapia, sta diventando un centro d’attrazione”.
 
“I consumatori di farmaci fitoterapici sono oggi tantissimi – spiega il direttore del Master, Gaetano Di Chiara, recentemente nominato nella commissione per il Programma nazionale Giovani Ricercatori “Rita Levi Montalcini” – Nel panorama italiano, questo è un Master molto fortunato, dato l’alto numero di iscritti”. Dopo il successo dello scorso anno, i corsisti sono attualmente 47, ai quali il Master intende fornire una formazione mirata e specialistica, indispensabile per acquisire le competenze necessarie ad applicare i fitoterapici nella attività professionale. Nel panorama della medicina integrata, la fitoterapia è infatti una disciplina che negli ultimi  dieci anni ha avuto una rapida evoluzione.
 
Una lezione sull’effetto placebo per iniziare un Master che si occupa di farmaci. “E’ l’aspetto nuovo del nostro corso – dettaglia Di Chiara – Anche se questi ragazzi hanno studiato molta chimica e farmacologia, cerchiamo di fargli capire che il rapporto con il paziente è un aspetto importante. L’effetto del farmaco non è solo un risultato chimico, ma è influenzato pesantemente dal modo in cui l’operatore sanitario si rapporta con il paziente”.
 
La ricaduta professionale del corso è piena: “Tutti i corsisti dell’anno scorso – conclude Giua – si sono integrati professionalmente, alcuni all’interno di industrie, altri fanno ricerca all’estero, altri ancora in farmacie specializzate: questo spiega il successo nel numero di iscrizioni. Cagliari ha poi richiamato alcuni grandi eventi: a giugno il convegno del Fitomed, nel quale le principali società scientifiche si confronteranno sulle piante medicinali. In autunno il convegno dell’etnomedicina tra i Paesi latinoamericani, a Villasimius”.
 
(Ufficio stampa e web)
 
 
 LA NOTIZIA SULLA STAMPA
L’Unione Sarda di domenica 18 aprile 2010
Cronaca di Cagliari      Pagina 17
Ricerca. Quaranta iscritti
Piante medicinali, il master diventa più internazionale
 
Duemila e seicento specie vegetali, di cui circa trecento erbe medicinali. La Sardegna ha una varietà botanica indiscutibile per qualità e quantità, tanto che l’Isola è sempre più al centro dell’interesse della ricerca fitoterapica internazionale. Uno scenario perfetto dunque per organizzare il Master di secondo livello in Fitoterapia ideato dall’ateneo cagliaritano e giunto quest’anno alla sua seconda edizione.
Venerdì la prima lezione, dopo la presentazione del seminario nella cornice del sottopiano del Palazzo civico, tenuta dal direttore del master Gaetano Di Chiara. «Ormai la fitoterapia fa parte dell’armamentario terapeutico correntemente usato in Italia e negli altri paesi europei, grazie a una presa di coscienza dei suoi effetti positivi», ha affermato il ricercatore, da sempre sostenitore di un uso più razionale di uno strumento terapeutico che in molti casi può essere sostitutivo di un farmaco sintetico. «La fitoterapia va tolta dall’ambito della medicina alternativa - aggiunge il professore -, e inserita in quello della medicina complementare».
Il master, rivolto a quaranta laureati in farmacia e medicina, è frutto di un accordo di cooperazione internazionale tra le università di Cagliari e la Complutense di Madrid. Un anno di lezioni divise in tre moduli, poi gli stages e la formazione itinerante tra Sardegna, Toscana e Spagna (i periodi di soggiorno sono inclusi nella quota individuale di iscrizione). Al termine del corso i partecipanti riceveranno un doppio titolo: il «Diploma di Master di II livello in Fitoterapia» e l’equivalente «Titulo de Especialista en Fitoterapia», entrambi riconosciuti in tutti i paesi dell’Unione europea. Le prospettive occupazionali sono ottime, tanto che i partecipanti al primo master hanno tutti trovato un impiego. «La levatura internazionale di questa edizione è ancora maggiore - spiega il responsabile didattico e scientifico Corrado Giua -, con docenti di fama provenienti dall’Europa e dall’America Latina». Ma l’edizione 2010 si caratterizza per una maggiore internazionalità anche relativamente agli allievi, con un forte aumento degli iscritti di altri Paesi, principalmente spagnoli.
Un dato di cui Giua è fiero: «Siamo in grado di portare studenti stranieri nel nostro ateneo». Studenti ma non solo: ai convegni sulla fitoterapia che si terranno a Cagliari a giugno e settembre parteciperanno tantissimi ricercatori stranieri, a dimostrazione che in questo ambito scientifico l’Isola è ormai un punto di riferimento.
MANUELA VACCA
 

La Nuova Sardegna di sabato 17 aprile 2010

Pagina 2 - Cagliari
UNIVERSITÀ
Master internazionale: dottori in fitoterapia
 
 CAGLIARI. La seconda edizione del master di secondo livello in fitoretapia è stata presentata ieri. È l’unico corso universitario post laurea sul “potere delle piante” e quest’anno è ancora più di respiro internazionale, per la presenza di docenti provenienti non solo dalla Spagna (sin dall’inizio il master è organizzato in collaborazione con la Complutense di Madrid) ma anche dall’America Latina e da nunerosi paesi europei. Il master è stato presentato dal direttore, il nuroscienziato Gaetano di Chiara, e dal coordinatore scientifico Corrado Giua.

Last news

13 December 2019

Verso un futuro condiviso, con UniCa

Il ruolo dell’Ateneo nella definizione del Piano Strategico della Città Metropolitana di Cagliari: venerdì 13 dicembre a Palazzo Regio numerosi ricercatori intervengono al Forum, il Prorettore vicario Francesco Mola tra i relatori della tavola rotonda

13 December 2019

UniCa con Legambiente per il Bacino del Rio Posada

L’Università di Cagliari è partner del progetto di tutela ambientale “Acqua e fuoco. Dalle cicatrici del passato la mappa per un futuro al riparo dai rischi nel Parco di Tepilora”. In prima linea il Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche grazie al gruppo di ricerca composto dai professori Antonio Funedda, Maria Teresa Melis e Stefania Da Pelo. Questa mattina, su RAITRE, servizio e intervista al prof. Funedda durante il programma televisivo ''BUONGIORNO REGIONE''

13 December 2019

Premio Mazzeo a Fabio Medas

Ancora un risultato di prestigio nazionale assoluto per il giovane ricercatore di Chirurgia Generale al Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università di Cagliari: è stato premiato a Napoli con il riconoscimento intitolato al grande chirurgo della scuola napoletana e fondatore della Società Italiana di Chirurgia Oncologica. Dopo la borsa Ettore Ruggeri ottenuta nel 2016, un nuovo e importante successo per Medas, che opera nel reparto di Chirurgia Generale e Polispecialistica della AOU di Cagliari, diretto dal prof. Piergiorgio Calò

Questionnaire and social

Share on: