Un documento in linea con quello approvato dal Senato accademico di Cagliari. La soddisfazione del Rettore
26 March 2010
Cagliari, 26 marzo 2010 - Durante la riunione di ieri, la Conferenza dei Rettori ha approvato all’unanimità una mozione sui ricercatori.
Soddisfazione è stata espressa dal Rettore dell’Università di Cagliari, Giovanni Melis. “La mozione  è in linea con quella del  Senato accademico – è il suo commento - e testimonia l’attenzione dei massimi livelli nazionali. Resto fiducioso che la discussione parlamentare possa tenerne conto nel disegno di legge di riforma”.
 
In questa fase del complesso processo di formazione dell’offerta didattica, secondo il Rettore si tratta di “segnali importanti che si augura possano evitare difficoltà nell’attivazione di corsi di laurea e nei loro contenuti, con conseguenze dannose per gli studenti e per gli stessi ricercatori”.
 
Di seguito il testo della mozione approvata:
 
Mozione approvata all’unanimità dall’Assemblea Generale
(Roma, 25 marzo 2010) - Ricercatori
 
L’Assemblea della CRUI, riunita il 25 marzo 2010, ribadisce con forza quanto già manifestato in sede di audizione alla VII Commissione del Senato e con la delibera del 25 febbraio u.s. in merito alle procedure di reclutamento di cui all’art. 9 del d.d.l. in materia di “Organizzazione e qualità del sistema universitario, di personale accademico e di diritto allo studio” presentato dal Ministro Gelmini e ora all’esame del Parlamento.
 
In particolare la CRUI ritiene tra i punti qualificanti dell’indispensabile intervento riformatore l’adozione di un piano straordinario pluriennale di reclutamento di personale docente universitario, nell’ambito del quale garantire una quota consistente alle assunzioni di professori associati.
 
E ciò anche nella prospettiva, prevista dal DDL in discussione, di riequilibrare la numerosità delle diverse fasce di docenza. Il suddetto piano dovrà essere sostenuto da un idoneo finanziamento MIUR e far leva, sul piano normativo, per i primi sei anni, sulla possibilità per gli attuali ricercatori a tempo indeterminato, una volta conseguita l’abilitazione scientifica nazionale, di usufruire delle medesime procedure di chiamata da parte degli atenei previste al termine dei percorsi di tenure track per i futuri ricercatori a tempo determinato.
 
Un tale intervento, che consenta l’immissione ogni anno, all’interno di un sistema di reclutamento e di ordinamento tra le fasce finalmente stabilizzato nelle norme di riferimento, di non meno di 2000 abilitati alla posizione di professore associato, secondo le esigenze e la programmazione di ciascun ateneo, si rende necessario sia per far fronte alle numerose uscite dal ruolo che sguarniranno rapidamente gli atenei delle competenze scientifiche e didattiche indispensabili, sia per riconoscere e valorizzare gli oggettivi apporti dell’attuale personale ricercatore a tempo indeterminato (i cui obblighi didattici non possono comunque essere equiparati a quelli dei professori), già investito in larga misura del titolo di professore aggregato, di cui all’articolo 1, comma 11 della legge 230/05, e responsabile, in tale veste, di funzioni essenziali per la vita universitaria.
 
(Ufficio Stampa e web)
APPROFONDIMENTI

Last news

03 July 2020

On line il Manifesto degli Studi

Contiene i dettagli dell’offerta formativa per l'Anno Accademico 2020/2021 e l’indicazione di tutti i corsi di laurea, con le date delle prove di accesso e di verifica della preparazione iniziale: a disposizione 81 corsi di studio (38 triennale, 6 magistrali a ciclo unico, 37 magistrali biennali), 15 dottorati di ricerca, 35 scuole di specializzazione. ISCRIZIONI POSSIBILI A PARTIRE DAL 9 LUGLIO: per facilitare la scelta sono on line TUTTI I VIDEO degli Open Day di maggio, con la presentazione di ciascun corso e di ogni servizio offerto. RASSEGNA STAMPA

01 July 2020

Open Day, le magistrali e le specializzazioni di Studi Umanistici

Due giornate di orientamento online dedicate agli studenti e alle studentesse delle discipline umanistiche. L’8 e 9 luglio saranno presentati i corsi di laurea magistrale, i corsi di dottorato e le scuole di specializzazione della Facoltà di Studi Umanistici con la partecipazione di docenti, specialisti e studenti

Questionnaire and social

Share on: