Studentesse e studenti della laurea magistrale in Ingegneria civile dell'Università di Cagliari per nove giorni a contatto con la realtà dei grandi cantieri americani di infrastrutture stradali, in contesti urbani e logistici molto diversi da quello locale. Da questa esperienza didattica scaturiranno lavori di tesi e tirocini formativi negli Stati Uniti. La soddisfazione del gruppo di allievi/e del professor Mauro Coni nel report inviato dai giovani universitari alla nostra redazione
29 November 2022
L'attività didattica a metà novembre 2022

Rientro in ateneo con la consapevolezza di aver scelto un corso di studi che offre interessanti e sicuri sbocchi professionali

Si è concluso il 20 novembre scorso un viaggio di studio nella East Coast degli Stati Uniti a cui hanno partecipato studenti e studentesse di Ingegneria civile. L’iniziativa - resa possibile anche grazie ai contributi dell’Ersu e della ditta Ser.Lu Costruzioni - è stata organizzata dal professor Mauro Coni, coordinatore del corso di laurea magistrale, che ha accompagnato il gruppo assieme ai colleghi docenti Giovanna Concu, Mauro Sassu e Michele Campagna.

Il professor Mauro Coni, docente del Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e architettura dell'Università di Cagliari
Il professor Mauro Coni, docente del Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e architettura dell'Università di Cagliari

NEW YORK E FILADELFIA. Il viaggio didattico è stato particolarmente apprezzato dai 15 partecipanti, che hanno potuto vivere un’esperienza unica e importante per il loro percorso di formazione specialistica. Dopo le prime tappe a New York e Filadelfia per studiarne urbanistica, architettura, ponti e strutture, il gruppo ha raggiunto Atlantic City per la visita al Technical Center della Federal Aviation Authority (FAA).

Foto tratta dal sito del prestigioso Centro Tecnico della Federal Aviation Authority, adiacente all'aeroporto internazionale di Atlantic City
Foto tratta dal sito del prestigioso Centro Tecnico della Federal Aviation Authority, adiacente all'aeroporto internazionale di Atlantic City

ATLANTIC CITY. Ad accogliere il gruppo cagliaritano è stato il dottor Navneet Garg, che ha guidato gli studenti con grande competenza in un’esperienza appassionante e tale da restituire una concreta applicazione delle lezioni in aula. L’importante struttura visitata, intitolata al politico e diplomatico Usa William J. Hughes, è l’eccellenza mondiale nella ricerca e sviluppo nel settore dell'aviazione, dotato di laboratori in scala reale per studiare le piste aeroportuali in termini di sicurezza, materiali e dinamica. Sostenibilità e durabilità delle pavimentazioni sono infatti tra le materie fondamentali per le necessarie garanzie del traffico aereo e proprio in questo centro del New Jersey nascono norme e regolamentazioni del settore, adottate in campo internazionale.

Nell'immagine, da sinistra a destra: Mario Pistis, Giovanna Concu, Riccardo Zedda, Simone Podda, Michele Campagna, Mauro Sassu, Kevin Panetto, impiegato FAA, Lorenzo Camba, Mauro Coni, Michele Loi, Rosellina Masala, Navnet Garg (PhD, Program Manager, National Airport Pavement & Materials Research Center, Airport Technology R&D Branch), Raffaele Loi, Lucrezia Pinna, Arianna Caboni, Alessio Serra, Fabiana Ambrosio, Francesca Mereu, Nicoletta Granara

Atlantic City, foto di gruppo nel FAA Hughes Technical Center
Atlantic City, foto di gruppo nel FAA Hughes Technical Center
Video FAA di presentazione delle attività condotte dal Centro tecnico di Atlantic City

WASHINGTON. La tappa finale è stata la capitale statunitense e la 495 Express Lane, una delle strade intelligenti del futuro, che si adatta al traffico invertendo il senso di percorrenza di alcune corsie. Milioni di pendolari gravitano normalmente sulla città, rendendo infernale il traffico in ingresso la mattina e in uscita la sera. Al bisogno, si attiva allora un complesso sistema computerizzato di sensori, barriere e telecamere, in grado di invertire in pochi istanti il senso di marcia di tre corsie. Oltre 200 operatori della Transurban, compagnia titolare della gestione della strada, monitorano e ottimizzano il sistema che rappresenta lo stato dell’arte della tecnologia applicata alla viabilità stradale. La multinazionale ha in corso numerosi investimenti per l’estensione delle Express Lane su commissione del Dipartimento dei trasporti di Washington.

Una suggestiva immagine della 495 Express Lane, moderna arteria dotata di funzionalità tecnologiche per risolvere i problemi dell'eccessivo traffico
Una suggestiva immagine della 495 Express Lane, moderna arteria dotata di funzionalità tecnologiche per risolvere i problemi dell'eccessivo traffico

Foto a lato, da sinistra: Michele Campagna, Fabiana Ambrosio, Arianna Caboni, Lorenzo Camba, Raffaele Loi, Lucrezia Pinna, Michele Loi, Mario Pistis, Erika Spissu, Mauro Sassu, Simone Possa, Rosellina Masala, Nicoletta Granara, Mauro Coni, Francesca Mereu, Kevin Panetto, Riccardo Zedda, Alessio Serra, Giovanna Concu, Giovanni Santoboni, direttore Transurban

Washington, gli studenti e i docenti di UniCa in visita alla Transurban Express Lanes
Washington, gli studenti e i docenti di UniCa in visita alla Transurban Express Lanes

Molto gradita l’accoglienza e l’illustrazione dei sistemi che l’ingegnera Erika Spissu e i responsabili di Transurban hanno voluto dedicare agli studenti. Erika Spissu è una validissima ingegnera civile dei trasporti, laureatasi a Cagliari, che da tanti anni lavora negli Stati Uniti per studiare i comportamenti degli utenti e le strategie per migliorare i sistemi di viabilità.

"È stato proprio questo il motivo del viaggio, ovvero rafforzare il legame tra la didattica e la realtà professionale e presentare ai futuri ingegneri e future ingegnere le opportunità lavorative internazionali offerte dalla professione che hanno scelto. L’ingegneria civile è infatti un campo di studi fortemente interessato dall’innovazione tecnologica e molto legato al mondo del lavoro e produttivo, che richiede costantemente nuovi e nuove laureate, di cui c’è assoluto bisogno in ambito locale ed internazionale".

Erika Spissu
Erika Spissu

A seguito di questa esperienza didattica saranno assegnate tesi di laurea e avviati nuovi progetti di ricerca e di confronto tra la facoltà di Cagliari e le realtà incontrate negli USA

Il viaggio di studio è stata una bellissima esperienza che ci ha permesso di vedere con i nostri occhi come lavorano gli ingegneri d’oltreoceano” - così Alessio Serra, ingegnere prossimo alla laurea magistrale, parla del viaggio appena concluso, anche a nome degli altri studenti e studentesse - “la visione di questo mondo ha suscitato in tutti noi grandi stimoli, ma soprattutto ha creato la possibilità di sviluppare lavori di tesi e tirocini formativi negli Stati Uniti, che potrebbero trasformarsi in opportunità lavorative”.

"La visita si è conclusa con un momento speciale, la spettacolare partita dell’NBA Washington Wizard vs Miami Hets, prima di rientrare in Sardegna e riprendere a studiare entusiasti e con una marcia in più".

Nello scatto, da sinistra: Riccardo Zedda, Raffaele Loi, Michele Loi, Kevin Panetto, Rosellina Masala, Fabiana Ambrosio, Arianna Caboni, Nicoletta Granara, Francesca Mereu, Giovanna Concu, Mario Pistis, Mauro Coni, Simone Podda, Lorenzo Camba, Alessio Serra e Lucrezia Pinna.

Ragazzi e docenti di UniCa nella Capital One Arena (Washington Stadium)
Ragazzi e docenti di UniCa nella Capital One Arena (Washington Stadium)

Last news

03 February 2023

Cure palliative e terapia del dolore: concluso il primo Master di UniCa

Il traguardo raggiunto ieri nell’aula magna di Palazzo Belgrano, con la discussione di una parte delle tesi del master di primo livello diretto dal professor Gabriele Finco. Presenti per l’occasione il rettore Francesco Mola, l’assessore regionale alla sanità Carlo Doria, l’assessora comunale alle politiche sociali, benessere e famiglia Viviana Lantini, il presidente della società italiana cure palliative Gino Gobber e, per l’Aou, la direttrice generale Chiara Seazzu e il direttore sanitario Giancarlo Angioni

03 February 2023

Addio all'architetto Giovanni Carbonara

Si è spento mercoledì primo febbraio a Roma il professor Giovanni Carbonara, maestro di restauro, capofila della cosiddetta “scuola romana”. Aveva ottant’anni. Il prossimo 31 maggio avrebbe dovuto essere a Cagliari, ospite della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio del nostro ateneo. Pubblichiamo un suo ricordo a cura delle docenti Caterina Giannattasio, Donatella Rita Fiorino e Valentina Pintus.

31 January 2023

PREMI ERC. Le ricerche di Miriam Melis al top in Europa

NEUROSCIENZE. L’ateneo tra le università e centri scientifici di grande prestigio internazionale. Il riconoscimento di eccellenza alla professoressa del dipartimento di Scienze biomediche porta a Cagliari un finanziamento di circa 2 milioni di euro per il proseguo degli studi sulla dopamina e sulla sua importanza nei meccanismi di elaborazione degli stimoli sensoriali e nell’ambito dei disturbi inerenti apprendimento, sviluppo, comportamento e interazioni sociali. RASSEGNA STAMPA

30 January 2023

La forza del ricordo come antidoto al male

Una foltissima partecipazione lunedì 30 al convegno organizzato dall'ateneo per il Giorno della Memoria. Autorità civili, militari e religiose, tantissimi studenti a simboleggiare il passaggio del testimone per continuare a non dimenticare l'orrore dell'Olocausto. Gli interventi del rettore Francesco Mola, del direttore del quotidiano La Repubblica Maurizio Molinari, del professor Michele Camerota, del presidente della Regione Christian Solinas, dell'assessora alla pubblica istruzione del comune di Cagliari Marina Adamo. Al termine della manifestazione è stata scoperta la targa commemorativa in onore di Davide Teodoro Levi, Alberto Pincherle, Camillo Viterbo, i tre docenti di UniCa colpiti dalle leggi razziali del '38. SERVIZIO, PHOTOGALLERY E VIDEO INTERVISTE

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie