Il protocollo rafforza le sinergie tra le amministrazioni. E verte sulla governance del patrimonio infrastrutturale militare, prevede tre fasi operative di un anno ciascuna e ed è stato firmato dal prorettore vicario,  Gianni Fenu: “I lavori coinvolgeranno le aree di ingegneria, architettura e informatica e si svolgeranno in un contesto multidisciplinare”  
18 October 2022
Il prorettore vicario Gianni Fenu mentre firma il protocollo

Un protocollo che esalta la multidisciplinarietà e la programmazione su più ambiti dell'ateneo

Mario Frongia

IL protocollo d’intesa Imass-Chain (Infrastructure management support system Chain) fa parte del Piano nazionale della ricerca militare. Per l’avvio del progetto di ricerca, lo scorso 30 settembre è stato sottoscritto a Roma, Palazzo Marina del ministero della Difesa, il contratto tra la direzione dei Lavori e del demanio di MinDifesa (GenioDife) e l’Università di Cagliari (Unica). Per l’ateneo il documento è stato firmato dal prorettore vicario, Gianni Fenu. “Gli studi si svilupperanno in un ampio contesto interdisciplinare nel quale collaboreranno costantemente docenti afferenti alle aree scientifiche dell'ingegneria, dell'architettura e dell'informatica. Tra gli obiettivi, anche la definizione di set di indicatori tecnici, funzionali e prestazionali per la razionalizzazione e la programmazione strategica degli interventi di restauro, manutenzione e gestione del patrimonio”. Ma non è tutto. “L’intesa - ha spiegato il professor Fenu - prevede la costruzione di modelli predittivi integrati in un Hbim “intelligente” in grado di raccogliere le informazioni e di certificare in blockchain i flussi documentali, i processi e le prestazioni”. Il prorettore vicario ha rappresentato l’Ats composta da Leonardo spa, industria leader del settore, e la Pmi innovativa FlossLab. Per la Difesa hanno firmato Eleonora Vassallo e il tenente colonnello Lorenzo Ranucci. Alle firme hanno presenziato il direttore di GenioDife, generale Giancarlo Gambardella, il direttore amministrativo Rosangela Ripoli, i generali Ivan Cioffi e Paolo Rizzetto, il maggiore Daniel Zecca. Un pregiato gioco di squadra che ha contribuito a elaborare e a concretizzare il documento, in collaborazione con gli uffici amministrativi e legali della direzione Ricerca e territorio, la segreteria amministrativa del Dipartimento ingegneria civile, ambientarle e architettura (Dicaar) dell’Università di Cagliari.

Una fase dell'incontro tenutosi a Roma il 30 settembre
Una fase dell'incontro tenutosi a Roma il 30 settembre

Tre anni di ricerca, monitoraggio del patrimonio immobiliare e soluzioni compatibili e sostenibili

Imass-Chain si pone come obiettivo la creazione di un innovativo protocollo certificato e ‘protetto’ di monitoraggio e governance 'intelligente' del patrimonio infrastrutturale militare. Particolare riferimento avranno le architetture di interesse storico e artistico soggette a tutela monumentale. Uno strumento - ha rimarcato la responsabile scientifica, Donatella Rita Fiorino, Dicaar - che sarà di supporto agli organismi decisionali per la definizione delle strategie d’uso e di riuso dei complessi immobiliari storici, orientando le scelte verso soluzioni compatibili con le funzioni da allocare e sostenibili in relazione alle capacità prestazionali attuali e potenziali degli edifici considerati”. La ricerca si compone di tre fasi, ciascuna della durata di dodici mesi.

Una delle diapositive sul progetto Imass-Chain
Una delle diapositive sul progetto Imass-Chain

Sinergie tra attività di ricerca, progetti e didattica

“Il progetto si aggiunge alla solida sinergia esistente tra il nostro ministero e l’Università di Cagliari. Sinergia che ha già portato alla concreta realizzazione di molteplici attività e progetti di ricerca e didattica” ha aggiunto il generale Gambardella. Il colonnello Pasqualino Iannotti ha sottolineato “gli ampi spazi di coordinamento con altri progetti di ricerca che la direzione dei Lavori e del demanio conduce con altri gruppi accademici nazionali”. Michele Porcu, vicedirettore GenioDife, ha segnalato la rilevanza della ricerca di Unica: “È applicabile non solo agli immobili militari ma anche a quelli di altre articolazioni dello Stato che detengono importanti patrimoni immobiliari di grande rilevanza storica e di indubbio interesse strategico rispetto alle necessità logistiche degli enti dello Stato”.

 

Un'altra immagine dei lavori tenutosi al Palazzo Marina
Un'altra immagine dei lavori tenutosi al Palazzo Marina

Last news

06 February 2023

BullyBuster, il tour dell’acchiappa-bulli nelle scuole d'Italia

Dopo il via in un istituto di Avellino, ora è il turno del Liceo Motzo di Quartu Sant'Elena per la presentazione e prova pratica del sistema multidisciplinare messo a punto dai ricercatori delle università di Napoli, Cagliari, Foggia e Bari. Per UniCa il referente scientifico è il professor Gian Luca Marcialis: “La piattaforma e l’app per smartphone e pc sono ora a disposizione di ragazzi, famiglie, scuole e forze dell'ordine. Andando nelle scuole riusciamo a far ‘toccare con mano’ il semplice modo con cui le soluzioni avanzate, permesse dagli algoritmi dell’intelligenza artificiale e unite al diritto e alla psicologia, riescono ad essere estremamente utili per il rilevamento e il contrasto delle azioni di bullismo o cyberbullismo”

05 February 2023

Torna la Coppa Rettore di calcio a 11. Adesioni entro venerdì

SCADENZA ISCRIZIONI IL 10 FEBBRAIO. Il torneo universitario 2023 è organizzato dal Cus Cagliari in collaborazione con l’ateneo. Ogni squadra (necessario per tutti il certificato medico) può essere composta da un numero illimitato di studenti, anche appartenenti a facoltà diverse, che per tutta la durata del campionato non potranno giocare con nessun altro team partecipante

03 February 2023

Addio all'architetto Giovanni Carbonara

Si è spento mercoledì primo febbraio a Roma il professor Giovanni Carbonara, maestro di restauro, capofila della cosiddetta “scuola romana”. Aveva ottant’anni. Il prossimo 31 maggio avrebbe dovuto essere a Cagliari, ospite della Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio del nostro ateneo. Pubblichiamo un suo ricordo a cura delle docenti Caterina Giannattasio, Donatella Rita Fiorino e Valentina Pintus.

03 February 2023

PREMI ERC. Le ricerche di Miriam Melis al top in Europa

NEUROSCIENZE. L’ateneo tra le università e centri scientifici di grande prestigio internazionale. Il riconoscimento di eccellenza alla professoressa del dipartimento di Scienze biomediche porta a Cagliari un finanziamento di circa 2 milioni di euro per il proseguo degli studi sulla dopamina e sulla sua importanza nei meccanismi di elaborazione degli stimoli sensoriali e nell’ambito dei disturbi inerenti apprendimento, sviluppo, comportamento e interazioni sociali. RASSEGNA STAMPA

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie