Approvato dal Consiglio dei ministri il regolamento dell’Anvur
05 April 2007

di Nicoletta Cottone

Semaforo verde per l’Anvur, la nuova «agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca»: arrivano le pagelle per la ricerca e le singole università. Il regolamento è stato approvato dal Consiglio dei ministri. La qualità del lavoro di università ed enti di ricerca sarà controllata e certificata. La conseguenza è che i fondi statali verranno attribuiti solo in base al merito. Il principio di base è semplice: chi lavorerà di più e meglio riceverà più stanziamenti. Negli atenei, facoltà, dipartimenti, corsi di studio (master e dottorati compresi) e docenti e saranno messi sotto la lente di ingrandimento. Sotto l’obiettivo anche centri e consorzi interuniversitari e consorzi per la ricerca.
L’Anvur manderà in pensione gli organi di valutazione attualmente esistenti: il Civr (Comitato di indirizzo per la valutazione della ricerca) e il Cnvsu (Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario). Roma sarà sede dell’agenzia, che sarà un soggetto «terzo», come ha sottolineato il ministro dell’Università e della ricerca fabio Mussi, per garantire valutazioni oggettive.
L’Anvur, come spiega il testo del regolamento, avrà la «missione di promuovere la qualità del sistema italiano delle università e della ricerca», opererà in base a principi di «imparzialità, professionalità, trasparenza e pubblicità degli atti» e dovrà essere «pienamente indipendente» nella sua attività. I parametri di valutazione e i metodi avranno un carattere europeo.

Il ministro Mussi ha anche annunciato che è alla firma il nuovo regolamento per
i nuovi concorsi dei ricercatori. Le parole chiave sono «giovani» e «merito», per eliminare gli «effetti collaterali dei vecchi concorsi: cordate, localismo, nepotismo».
I fondi previsti, 20, 40 e 60 milioni di euro stanziati rispettivamente per il prossimo triennio, si traducono direttamente in 2000 posti di lavoro, «che potrebbero lievitare fino a 4mila considerando il cofinanziamento degli atenei».
A regime ci saranno due tornate di concorsi l’anno, e selezioni nella quale in una prima fase i candidati verranno valutati anonimamente da una rosa di esperti nazionali e internazionali. Le commissioni degli atenei valuteranno i curricula, le lettere di presentazione e i seminari tenuti dai candidati. Ci sarà solo un vincitore per ogni posto disponibile, addio, dunque, alle liste infinite degli idonei.


nicoletta.cottone@ilsole24ore.com
Fonte: http://www.ilsole24ore.com


Last news

31 January 2023

PREMI ERC. Le ricerche di Miriam Melis al top in Europa

NEUROSCIENZE. L’ateneo tra le università e centri scientifici di grande prestigio internazionale. Il riconoscimento di eccellenza alla professoressa del dipartimento di Scienze biomediche porta a Cagliari un finanziamento di circa 2 milioni di euro per il proseguo degli studi sulla dopamina e sulla sua importanza nei meccanismi di elaborazione degli stimoli sensoriali e nell’ambito dei disturbi inerenti apprendimento, sviluppo, comportamento e interazioni sociali. RASSEGNA STAMPA

30 January 2023

La forza del ricordo come antidoto al male

Una foltissima partecipazione lunedì 30 al convegno organizzato dall'ateneo per il Giorno della Memoria. Autorità civili, militari e religiose, tantissimi studenti a simboleggiare il passaggio del testimone per continuare a non dimenticare l'orrore dell'Olocausto. Gli interventi del rettore Francesco Mola, del direttore del quotidiano La Repubblica Maurizio Molinari, del professor Michele Camerota, del presidente della Regione Christian Solinas, dell'assessora alla pubblica istruzione del comune di Cagliari Marina Adamo. Al termine della manifestazione è stata scoperta la targa commemorativa in onore di Davide Teodoro Levi, Alberto Pincherle, Camillo Viterbo, i tre docenti di UniCa colpiti dalle leggi razziali del '38. SERVIZIO, PHOTOGALLERY E VIDEO INTERVISTE

30 January 2023

Torna la Coppa Rettore di calcio a 11

SCADENZA ISCRIZIONI IL 10 FEBBRAIO. Il torneo universitario 2023 è organizzato dal Cus Cagliari in collaborazione con l’ateneo. Ogni squadra (necessario per tutti il certificato medico) può essere composta da un numero illimitato di studenti, anche appartenenti a facoltà diverse, che per tutta la durata del campionato non potranno giocare con nessun altro team partecipante

27 January 2023

Rita Levi-Montalcini e la sua lezione sulle donne di scienza

Venerdì 27 gennaio alle 17:30 il dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Cagliari ha ospitato Piera Levi-Montalcini, nipote del Premio Nobel Rita Levi-Montalcini, nell’ambito dell’incontro “In direzione ostinata e contraria. L’insegnamento di Rita Levi-Montalcini per la promozione dei percorsi femminili nelle aree STEAM.” L'evento trasmesso anche in diretta sulla piattaforma Microsoft Teams.

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie