Con la Finanziaria 2007 aumentano i contributi a carico dei ricercatori precari degli istituti italiani.
19 March 2007

Con la Finanziaria 2007 aumentano i contributi a carico dei ricercatori precari degli istituti italiani. Cinque punti percentuale in più per la gestione separata dell’Inps. I ricercatori protestano, i sindacati difendono le intenzioni della norma che “dovrebbe equiparare la forbice contributiva tra precari e indeterminati”. Le istituzioni non rispondono. E le retribuzioni intanto si adeguano agli incrementi. Ecco un esempio, è la busta paga di un ricercatore precario dell’ateneo bolognese: nel dicembre 2006 il contributo Inps pesava per il 18.2 per cento, con aliquota a carico del co.co.co del 6.07 per cento. A febbraio 2007 nella stessa busta paga il contributo Inps è salito al 23.5 per cento, con aliquota a carico del co.co.co di 7.83 punti percentuale: più 1.76 per cento rispetto a Dicembre, ossia circa 29 euro in meno sul netto.


Chiamiamoli pure parasubordinati o atipici. Parole che suonano come improperi, ma che in realtà identificano quasi un milione e 700 mila persone: tanti sono i lavoratori iscritti alla gestione separata dell’Inps, stando all’ultimo censimento della Cgil. Tra questi spiccano i nostri ricercatori universitari. Co. co. co; co. co. pro; contratti d‘opera; assegni di ricerca e incarichi di collaborazione esterna: la maggior parte dei cervelli italiani impiegati nella ricerca pubblica vive di questi contratti. Secondo le stime degli stessi ricercatori, attualmente nel solo Cnr, il Centro nazionale ricerche, 1464 persone lavorano grazie agli assegni di ricerca; mentre più di 700 sono inquadrati con incarichi di collaborazione esterna.


Cervelli che fuggono e cervelli che restano. Nella prima busta paga di questo neonato 2007 i lavoratori di Cnr e Inaf, si sono visti decurtare lo stipendio mensile di una quota che va dai 24 ai 30 euro. Questo perché nell’ultima Finanziaria è previsto un incremento di quasi cinque punti percentuale del contributo alla gestione separata dell’Inps. Una misura che nelle “intenzioni – confermano i sindacati – è giusta. Serve a equilibrare il livello delle contribuzioni di precari e lavoratori a tempo indeterminato”. Ma che in realtà si è ritorta a sfavore dei giovani studiosi, che si sono sobbarcati il carico di quest’ulteriore aggravio che sarebbe spettato agli enti per cui lavorano.

Il giallo dell’interpretazione. “Ci piacerebbe capire – dice Paolo Cristofanelli, ricercatore del Cnr presso l’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima dell’università di Bologna – chi deve accollarsi questi aggravi contributivi. Non hanno neanche aumentato le retribuzioni lorde, per cui a parità di stipendio paghiamo di più”. In effetti sembra proprio che sia così, a sentire i sindacati almeno. Secondo Enrico Panini, segretario nazionale Flc-Cgil, “non si può scaricare sui lavoratori l’incremento del contributo. Abbiamo dato un parere positivo alla norma perché stringe la forbice contributiva tra tempi indeterminati e atipici, questo per rendere meno conveniente assumere dei precari”. Sulla stessa linea, Alberto Civica, segretario nazionale Cur-Uil, secondo cui “lo spirito della legge è proprio quello di non pesare sui lavoratori. Ma in effetti per il momento l’incremento del contributo ricade su di loro. Proporremo un’altra norma che sterilizzi il carico sul lavoratore”. Per ora le cose sembrano ferme. “Finché non terminerà il blocco dei concorsi – riprende Cristofanelli – non credo che le cose cambieranno. In generale però si vede un maggiore interessamento da parte della politica ai nostri problemi”. Per questo il Comitato Precaria di Bologna e la Rete Nazionale dei Ricercatori Precari ha inviato ai ministri Mussi, Università e Ricerca, Nicolais, Funzione Pubblica e ai presidenti di Cnr e Inaf, un documento dal titolo “Proposte sui criteri da adottare per le stabilizzazioni previste dalla legge Finanziaria 2007”. Al momento, però, nessuno ha risposto.

Giuseppe Vespo

Fonte: http://www.ifgonline.it/pub/142/show.jsp?id=2400&iso=1&is=142

Last news

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

27 September 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

27 September 2022

La Banca del Germoplasma compie 25 anni

La struttura ospitata all'interno del polmone verde del nostro Ateneo taglia un importante traguardo: giovedì 29 settembre iniziano le celebrazioni nell'Aula Eva Mameli Calvino. BG-SAR, con il suo scrigno di biodiversità a 25 gradi centigradi sotto zero, attualmente custodisce circa 3500 lotti di semi riferibili a circa 1500 taxa vegetali provenienti da numerosi territori del Mediterraneo, specialmente insulari. Una realtà importantissima per la nostra Isola, ma non solo, in cui si confrontano ogni giorno ricercatrici e ricercatori provenienti da tutto il mondo

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie