La Stampa: "Open source &è; bello, lo dice l’Ue". Lo studio giunge alla conclusione che l’open source può fungere da abilitatore per colmare il divario nei confronti degli Stati Uniti
24 January 2007
 
R A S S E G N A   W E B

La Stampa: "Open source è bello, lo dice l’Ue". Lo studio giunge alla conclusione che l’open source può fungere da abilitatore per colmare il divario nei confronti degli Stati Uniti



LA STAMPA
 

È stato pubblicato un rapporto della Commissione Europea per le tecnologie nella società dell’informazione sulla distribuzione delle competenze Floss (Free/Libre Open Source Software). Lo studio giunge alla conclusione che l’open source può realmente fungere da abilitatore per colmare il divario nei confronti degli Stati Uniti.
In particolare, il trend di crescita di aziende e sviluppatori open source permetterebbe all’Europa di raggiungere l’obbiettivo di diventare l’economia più competitiva in termini di innovazione entro il 2010. Inoltre, l’utilizzo di strumenti open consentirebbe di compensare la tendenza delle aziende europee a investire poco in tecnologie.
Secondo una simulazione, inoltre, un passaggio della percentuale di investimenti in Floss dal 20% al 40% porterebbe a un incremento dello 0,1% del prodotto interno lordo dell’Unione Europea, circa 10 miliardi di euro all’anno, senza considerare i benefici diretti all’Ict delle aziende.
Attualmente, l’investimento in Floss in Europa è pari a circa 22 miliardi di euro contro i 36 miliardi degli Stati Uniti. L’analisi condotta dall’Unione Europea sostiene che il 63% di tutti gli sviluppatori su piattaforme open risiede nel Vecchio Continente contro il 20% di Canada e Usa.
Ancora, il 42% degli utilizzatori che contribuiscono attivamente alle modifiche di codice open registrati su Sourceforge è europeo, contro il 39% dei nordamericani, il 7% di asiatici e il 4% di latinoamericani. Ancora, il 45% dei partecipanti alle liste di distribuzione di FreeBsd, Gnome e Debian risiede in Europa, contro il 27% di Usa e Canada.
Conferma ciò che è sempre stato sostenuto dai sostenitori dell’open source l’analisi sui costi effettuata su sei progetti sviluppati in Europa tra cui quelli per il Consorzio dei comuni della provincia di Bolzano, della Provincia di Pisa e di quella di Bolzano.
In primo luogo, i costi di migrazione verso le soluzioni open possono risultare alti ma non quanto quelli iniziali di adozione di software proprietario. I costi di mantenimento, inoltre, in alcuni casi risultano più alti nel caso di soluzioni open ma, tirando le somme su 5 anni, in cinque casi su sei si dimostra come il costo totale di una soluzione open sia più basso di una equivalente proprietaria.
Il rapporto si conclude con dei consigli ai governanti europei. Il supporto per la ricerca in ambito open, per esempio, il controllo degli investimenti in It nella scuola, gli sgravi fiscali, il supporto per la ricerca di una standardizzazione e la promozione di partnership tra fornitori open source e le aziende. Speriamo non cadano nel vuoto.

Last news

02 October 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemilacinquecento presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una sessantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 September 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie