La suprema corte ha accolto il ricorso di due studenti torinesi
20 January 2007
R A S S E G N A   W E B

Nonostante l’accordo stipulato nel novembre scorso è sempre guerra commerciale tra Novel e Microsoft. A pochi giorni dal debutto di Vista, il nuovo sistema operativo Microsoft, Novell lancia una campagna a favore della convenienza del proprio SUSE Linux Enterprise Desktop (SLED) 10, che integra gratuitamente anche la suite Open Office 2.
 
 

LA STAMPA

 
Si avvicina la data di rilascio della versione consumer del sistema operativo più atteso degli ultimi tempi. Nelle aspettative di Microsoft, e dei tanti produttori di computer, Vista è certamente al primo posto ma c’è qualcun’altro che corre ai ripari per ribadire al pubblico un’alternativa.
Si tratta di Novell, paladina della crociata dei sistemi operativi open source contro quelli proprietari, che ha reso pubblico, con evidente tempestività, l’ennesimo report in cui si dimostra che Suse Linux Enterprise Desktop 10 costerebbe alle aziende il 10% di Vista.
Novell fa un confronto basato sui costi di sottoscrizione. A fronte di un investimento di 50 dollari per un anno, 125 per tre, di Suse Linux, Microsoft ne richiede 385 (299 di licenza e 86 di manutenzione) per un anno e 557 dollari per tre. A questo dato Novell aggiunge che nel pacchetto da 50 dollari è compresa la suite OpenOffice mentre, scegliendo l’alternativa Microsoft, si dovrebbe mettere in conto un costo compreso tra 400 e 500 dollari.
Le argomentazioni di Novell sono ben illustrate in uno specifico sito e riguardano, oltre al puro costo dei prodotti, anche il Tco (total cost of ownership), ovvero il costo distribuito negli anni comprensivo anche dei servizi di assistenza, formazione e manutenzione.
La casa americana, inoltre, sottolinea il fatto che, per usare Suse non è necessario avere un Pc particolarmente prestante mentre uno dei problemi di Vista sarà certamente l’esigenza di un hardware all’altezza.
Il costo della manutenzione, inoltre, per chi adotterà Vista in ambito aziendale, secondo Novell dovrebbe incrementarsi di 87 dollari all’anno. Una simulazione che considera un’azienda con 25 installazioni di Vista e con Microsoft Systems Management Server 2003 prevede una spesa complessiva di gestione di circa 6mila dollari.
Se si considera Windows Server 2003 e i soliti 25 Vista si scende a 4mila dollari o anche a circa 2mila a seconda della tipologia di licenza scelta. Per la gestione di una infrastruttura simile, invece, Novell chiederebbe 1700 dollari.
Insomma, a novembre, tra squilli di trombe e annunci sulla stampa, Novell e Microsoft avevano stretto un accordo per risolvere i problemi di incompatibilità tra Windows e Linux e ora? Beh, gli affari sono affari.
  
 

 
IN RETE
 
- novell . com
 
 

Last news

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

27 September 2022

BESTMEDGRAPE, al via la conferenza internazionale

L'appuntamento è per martedì 27 settembre dalle 9 nell'Aula magna del Polo di via Marengo: si tratta del progetto finanziato dalla Commissione Europea con oltre tre milioni di euro, guidato dall'Università di Cagliari, che punta a promuovere il riutilizzo degli scarti della vinificazione per ottenere creme di bellezza, integratori e prodotti farmaceutici, creando al contempo nuove opportunità commerciali per giovani imprenditori

27 September 2022

La Banca del Germoplasma compie 25 anni

La struttura ospitata all'interno del polmone verde del nostro Ateneo taglia un importante traguardo: giovedì 29 settembre iniziano le celebrazioni nell'Aula Eva Mameli Calvino. BG-SAR, con il suo scrigno di biodiversità a 25 gradi centigradi sotto zero, attualmente custodisce circa 3500 lotti di semi riferibili a circa 1500 taxa vegetali provenienti da numerosi territori del Mediterraneo, specialmente insulari. Una realtà importantissima per la nostra Isola, ma non solo, in cui si confrontano ogni giorno ricercatrici e ricercatori provenienti da tutto il mondo

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie