E’ un bilancio lacrime e sangue
29 December 2006
Villa Montalve finisce alla Regione Toscana, scatta il blocco del turn – over di tutto il personale, e 700 mila euro di tagli alla ricerca. Quello approvato ieri dal Consiglio di amministrazione dell’Università di Firenze è un bilancio di previsione 2007 a tinte fosche.

Non sarà certo un anno facile quello alle porte, per l'Università di Firenze. Ieri il cda dell'ateneo fiorentino ha dato il disco verde al bilancio preventivo per l'anno 2007. In un quadro finanziario di grave difficoltà per l’intero sistema universitario italiano, anche quest’anno il pareggio del bilancio – che ammonterà a circa 536 milioni di euro – è stato raggiunto con la previsione della vendita di beni del patrimonio.
L’entrata aggiuntiva - di 46 milioni di euro - verrà dalla cessione del complesso delle Montalve alla Regione Toscana: questa mattina è stato siglato dal rettore Augusto Marinelli e dal presidente Claudio Martini un protocollo d’intesa, che prevede anche un progetto congiunto di utilizzo dell’immobile.
“Per poter andare avanti siamo ancora una volta costretti a ricorrere a misure eccezionali – ha sottolineato il rettore Augusto Marinelli – Voglio ricordare che le misure proposte per il contenimento del disavanzo non sono il frutto di libere scelte dell’ateneo, ma vengono imposte dai mancati finanziamenti di spese decise esternamente, prime fra tutte gli adeguamenti contrattuali del personale. Non posso che rinnovare perciò un forte dissenso nei confronti delle politiche nazionali di finanziamento dell’università e della ricerca”.
Il bilancio 2007 dell’Università di Firenze è, infatti, fortemente segnato anche da altre misure severe. In primo luogo il blocco totale del turn over di tutto il personale - una commissione avrà il compito di monitorare questo provvedimento – quindi tagli del 10% delle dotazioni alle unità amministrative, riduzione del budget per le supplenze e i contratti e anche dei fondi di ateneo per la ricerca, “ma l’ateneo si impegnerà per il cofinanziamento dei progetti di ricerca a livello nazionale, i cosiddetti PRIN – ha precisato Marinelli - anzi abbiamo deciso di innalzare la percentuale a nostro carico, per sostenere la competitività dei nostri ricercatori. E un segnale di fiducia per il futuro è anche l’incremento delle dotazioni del sistema bibliotecario – l’unica voce del bilancio in aumento - che finanzieremo con una parte dei fondi della ricerca provenienti da enti esterni”.



Fonte: http://www.intoscana.it

 

Last news

11 August 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 August 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 August 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 August 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie