Il Sole 24 Ore: "All’università laureati record a quota 130mila, ma crescono gli abbandoni al primo anno"
22 November 2006
R A S S E G N A   W E B

Il Sole 24 Ore
Economia & lavoro
 
All’università laureati record a quota 130mila, ma crescono gli abbandoni al primo anno

22 novembre 2006. Un sistema, quello universitario italiano, con più zone d’ombra che di luce. Dove i laureati con il nuovo ordinamento registrano un’impennata e toccano quota 130 mila, e dove, viceversa, è in crescita il numero degli abbandoni dopo il primo anno di università. Aumenta il numero dei docenti negli atenei, con gli ordinari, ormai più numerosi degli associati, e dove al tempo stesso, non si aprono prospettive di studio e ricerca numerose per i giovani. Una realtà in cui, a fronte di una domanda forte di formazione universitaria, si allarga il numero dei corsi soprattutto quello delle lauree specialistiche, ma il sistema non è del tutto in grado di offrire una adeguata attività di tutoraggio e consulenza verso i giovani. È il quadro che emerge dal “Settimo rapporto sullo stato del sistema universitario”, presentato questa mattina a Roma dal presidente del Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario (Cnvsu), Luigi Biggeri, alla presenza del ministro dell’Università e della ricerca Fabio Mussi. Dal rapporto emerge poi, che, a tre anni dalla riforma, il sistema universitario si è stabilizzato. Le matricole sono arrivate a quota 332 mila mentre i laureati nel 2005 sono stati 301 mila. Tornano a crescere, però, al livello di pre-riforma, gli abbandoni e solo uno studente su due è in corso.
“I rapporti sullo stato del sistema universitario rappresenta la principale delle molteplici attività del Cnvsu – ha spiegato il professor Biggeri – e costituiscono un momento di riflessione sui temi dell’istruzione universitaria e sulle tendenze in atto nel sistema. I dati sono elaborati attraverso un sistema informativo oggi in grado di restituire tempestivamente il quadro complessivo e la collocazione relativa di ciascun ateneo”.
Per la prima volta, il Cnvsu ha presentato i dati dell’anagrafe dei dottorati di ricerca relativi all’anno accademico 2003-04. Rispetto al 2000, cresce il numero di corsi di dottorato, da 1.729 a 2.124. Il 94% circa dei corsi di dottorato costituisce un proseguimento o una modifica di un corso già attivato, mentre i nuovi corsi si fermano al 7% del totale. Un altro dato presentato nel rapporto indica l’aumento degli “associati” donna. Tra il 1998 e il 2006, aumenta la presenza femminile, arrivando a 6.216, ma con differenze significative. L’incremento va da un valore minimo dell’0,8% per l’area di Scienze matematiche ed informatiche – con 448 su un totale di 1.120 “associati” – al valore massimo del 7,6% per le scienze chimiche, con 407 “associati” donna su un totale di 1.142.
“Il rapporto del Cnvsu offre uno stock di informazioni preziosissime sull’università italiana – ha dichiarato il ministro Mussi – che verranno presto utilizzate dalla costituenda Agenzia della valutazione preposta all’aumento dei delta di miglioramento del sistema. Le eccellenze possono crescere solo se si innalza il livello dell’intero sistema universitario”.
Il ministro ha poi aggiunto, riguardo ai tagli previsti dalla finanziaria per l’università, che ci sono anche problemi relativi al diritto allo studio e, in particolare, per quanto riguarda il budget delle borse di studio. ’’Non so - ha concluso Mussi - fino a quanto si possa migliorare la situazione, ma finché c’è discussione, c’è speranza’’.
 
Natalia Marra
  
 

 
in Rete:
  
- VII rapporto CNSVU
 
 



Last news

04 July 2022

UniCa4Ukraine, conclusi i corsi di italiano

Venti cittadine ucraine hanno seguito le lezioni tenute da studentesse e studenti dei corsi di laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed americane, Traduzione specialistica dei testi e in Filologie e letterature classiche e moderne. Nei giorni scorsi la consegna degli attestati di partecipazione

30 June 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 June 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

Questionnaire and social

Share on: