Tra i nodi da risolvere precariato, risorse finanziarie e rinnovi contrattuali
17 November 2006

La manifestazione partirà alle 9,30 da Piazza Bocca della Verità per concludersi a Piazza Navona

Roma, 16 nov. - (Adnkronos) - L'università domani ( 17.11.06) protesta contro la finanziaria. La giornata di sciopero generale del settore università e ricerca culminerà con la manifestazione unitaria nazionale che si terrà a Roma. Il corteo partirà alle 9,30 da Piazza Bocca della Verità per concludersi a Piazza Navona dove si svolgerà il comizio conclusivo. ''Lo sciopero è stato proclamato per protestare -si legge in una nota della Cisl Università- contro la finanziaria 2007 e chiedere la modifica delle norme che riguardano l'Università e la Ricerca. Precariato, risorse finanziarie, rinnovi contrattuali, l'autonomia degli Enti, diritto allo studio: sono questi per il sindacato i nodi da risolvere. Di fronte a questo la Finanziaria risponde invece non recuperando nemmeno i tagli operati con il recente decreto Bersani sulle spese correnti''. ''Nell'incontro avuto nella serata di mercoledì 15 novembre i Segretari di Flc-Cgil, Cisl-Fir, Cisl-Università, Uilpa-Ur hanno esposto le ragioni dello sciopero e della manifestazione al Ministro Mussi e ai Sottosegretari Modica e Dalla Chiesa. Purtroppo -prosegue il sindacato- ad oggi non ci sono atti concreti del Governo, se non il personale impegno del Ministro Mussi a reperire in futuro nuovi fondi, che diano il segno di una sostanziale inversione di tendenza ne' sull'Universita', ne' per gli Enti Pubblici di Ricerca''. ''Restano confermati i tagli che comportano la messa in discussione dei rinnovi dei contratti di lavoro e della stessa attività ordinaria degli Enti e degli Atenei ed impediscono di affrontare il problema del precariato'', sottolinea poi la Cisl Università. ''Possiamo apprezzare su un piano personale l'impegno del Ministro e dei Sottosegretari -ha affermato Antonio Marsilia, Segretario Generale della Federazione Cisl Università- ma dopo anni di tagli serviva un gesto di 'discontinuità' rispetto al passato. Non possiamo accettare che il mondo della politica veda anche oggi nei settori della ricerca e dell'università un peso inutile per il Paese. E' una grave inaccettabile miopia che blocca lo sviluppo del Paese''.

Last news

04 July 2022

UniCa4Ukraine, conclusi i corsi di italiano

Venti cittadine ucraine hanno seguito le lezioni tenute da studentesse e studenti dei corsi di laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed americane, Traduzione specialistica dei testi e in Filologie e letterature classiche e moderne. Nei giorni scorsi la consegna degli attestati di partecipazione

30 June 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 June 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

Questionnaire and social

Share on: