Venerdì 17 novembre 2006 presentazione di "Cromo-architetture spazio-temporali della musica - il progetto Musicolor tra ricerca, estetica e didattica" a cura di Giuseppe Caglioti e Tatiana V.Tchouvileva (Politecnico di Milano)
08 November 2006
 CRS4, centro di ricerca, sviluppo e studi superiori in Sardegna
 
 
venerdì 17 novembre 2006
auditorium del parco scientifico e tecnologico della Sardegna Polaris
località Piscinamanna, Pula

presentazione di “Cromo-architetture spazio-temporali della musica - il progetto “Musicolor” tra ricerca, estetica e didattica” a cura di Giuseppe Caglioti e Tatiana V.Tchouvileva (Politecnico di Milano)
 
 
programma
10.30 registrazione partecipanti.
11.00 breve saluto: Giuliano Murgia, presidente Consorzio 21.
11.10 introduzione: Franco Meloni, vicepresidente CRS4.
11.20 futurismo e cromo-architetture spazio-temporali della musica: G. Caglioti.
12.00 proiezione video Effetto Note: T. V. Tchouvileva.
12.30 discussione e possibili progetti comuni
13.30 buffet
 
L’invenzione del metodo e del dispositivo Musicolor, protetta da un brevetto del Politecnico di Milano, è frutto di una ricerca interdisciplinare di un gruppo internazionale di ricercatori universitari coordinato dal prof. Giuseppe Caglioti e costituito dal prof. Goran Ramme, docente di Chimica all’Università di Uppsala, Svezia e dalla prof.ssa Tatiana V. Tchouvileva, attualmente docente a contratto di Estetica presso il Politecnico di Milano.
 
Nel dispositivo Musicolor la pressione acustica, agendo su una struttura macromolecolare trasparente, priva di pigmenti e illuminata da una luce bianca, stimola e controlla un processo naturale di auto-organizzazione in tempo reale della struttura stessa. Tale processo consiste in una successione ininterrotta di instabilità dinamiche che si traducono autonomamente e automaticamente in una sinfonia di forme le quali, evidenziando con i colori dell’arcobaleno ritmo, intensità, timbro e frequenze della musica ne visualizzano la dinamica delle architetture spazio-temporali.
 
Il progetto Musicolor potrà trovare applicazioni nel sociale (es.: video-cromo-musicoterapia negli ospedali o nelle case di riposo, prevenzione o limitazione dei danni all’udito in discoteche ecologiche) e nella gestione del tempo libero (es.: video-ascolto della musica in casa, nelle sale d’aspetto e nei supermercati, illuminazione artistica delle città e degli ambienti, decorazione di tessuti e di superfici).

Una collocazione ideale di Musicolor, anche quale strumento di incentivazione dell’opzione scientifica nella scelta della facoltà universitaria da parte dei giovani, è quella dei musei della scienza interattivi e dei laboratori scolastici.
 
Musicolor costituisce un ponte tra arte, scienza e tecnologia: è un efficace sussidio didattico per visualizzare e godere le strutture musicali e al tempo stesso è un gradevole strumento per comprendere un numero elevato di principi e fondamenti della fisica, della chimica, della scienza dei materiali e della matematica, sui quali si basa il suo funzionamento. In particolare:
- natura della luce e spettro solare
- ottica geometrica e sistemi di focalizzazione della luce
- materiali: tensione superficiale, fenomeni di capillarità
- interazione luce – materia: ottica ondulatoria e fenomeni di diffusione della luce
- acustica: natura del suono. Ritmo, intensità e timbro nella musica
- interazione suono – materia: pressione acustica e deformazioni
- modi vibrazionali, risonanze: le trasformate di Fourier
- non linearità dei sistemi dinamici: fenomeni critici, vortici, caos deterministico, auto-organizzazione.
 
Il dispositivo Musicolor, in altre parole, è uno strumento imprescindibile per i sostenitori dell’approccio pedagogico interattivo dell’imparare giocando.
 
Per ulteriori informazioni: Andrea Mameli – 338.771.72.74 - mameli@crs4.it

Last news

11 August 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 August 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 August 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 August 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie