Il responsabile dell’Università minaccia le dimissioni se non si rivede la Finanziaria "150 milioni di euro su una manovra da 40 miliardi si devono trovare"
27 October 2006

di CLOTILDE VELTRI


ROMA - Centocinquanta milioni di euro. Sono i tagli all'Università e agli istituti di ricerca previsti in Finanziaria per il solo 2007 sui quali il ministro Fabio Mussi punta i piedi. Fino a minacciare di andarsene, rimettendo il mandato. Mussi lo dice chiaro e tondo alla direzione nazionale dei Ds e lo ribadisce a Repubblica.it: "Si può discutere di tutto, sono tante le questioni sul tavolo che riguardano il mio ministero. Ma sui tagli alla spesa proprio no. Centocinquanta milioni di euro su una manovra da 40 miliardi si trovano. Si devono trovare".

Non è solo una questione di puntiglio. "Appena mi sono insediato al ministero ho detto a tutti: guardate, il 2007 sarà un anno di sacrifici. Lo stato delle finanze pubbliche è disastroso quindi non aspettiamoci miracoli anche se la ricerca è un settore strategico per l'Italia".

Bene, prosegue il ministro, "nel prossimo triennio, a disposizione della ricerca, ci sono in finanziaria 4 miliardi di euro. Un margine di miglioramento c'è, quindi. Si tratta di un segnale che possiamo definire non-negativo anche se, confrontando i nostri indici con quelli degli altri paesi, restiamo sempre indietro. In Italia si destina l'1,1% del pil alla ricerca, la metà di quanto avviene in media nei paesi europei, un terzo di quanto accade in Giappone".

Però, insiste Mussi, "proprio perché il segnale non era negativo e, soprattutto, bisognava fare tutti qualche sacrificio, non abbiamo puntato i piedi". Diversa la questione dei tagli previsti nella manovra ai cosiddetti "consumi intermedi" (acqua, luce, spese ordinarie) di Università e istituti di ricerca. Tra i 130 e i 150 milioni di euro nel solo 2007, appunto. Almeno il doppio nel 2008.

Mussi è categorico: "Questo punto rischia di creare problemi drammatici negli atenei con effetti politici pesantissimi". Minaccia di dimettersi, ministro? "La parola 'minaccia' non mi piace, dico solo che in questo modo non può funzionare. Io, su questo aspetto, non sono disposto a cedere di una virgola. La spesa per ricerca e formazione è uno dei maggiori indicatori di produttività di un paese. Se si esagera nei tagli ci si mangia a morsi il futuro. E questo non è accettabile. Ecco perchè insisto che 150 milioni di euro su una Finanziaria da 40 miliardi bisogna trovarli".

Qualche cifra per chiarire: "Quest'anno l'incidenza degli investimenti in ricerca e formazione sul pil rischia di crollare. In Italia attualmente tale rapporto è pari allo 0,88%, la media europea è dello 0,99%, nei paesi Ocse dell'1,02% e negli Usa del 2,6%. Noi spendiamo ogni anno per uno studente 8.700 euro, in Francia 9.600 euro, in Germania 10.500, nei paesi scandinavi oltre 12mila euro. Allora noi siamo disposti a chedere sacrifici, non a imboccare un piano inclinato".

E adesso? "Adesso mi aspetto che ascoltino quanto mi ostino a ripetere in tutte le sedi da luglio anche se, devo ammettere, nella direzione Ds, la cosa sembra essere stata recepita fortemente. Comunque abbiamo qualche giorno per valutare, per capire".

Intanto, a Mussi, arriva la solidarietà di Rifondazione comunista che spiega come "le preoccupazioni espresse dal ministro sono anche le nostre". Domenico Jervolino, responsabile università e ricerca del Prc, è lapidario: le richieste del mondo della scuola, dell'università e della ricerca non sono mere richieste corporative, si tratta invece "di rendere credibili, anche in una situazione pesantemente compromessa dall'eredità del centro destra, le prospettive di un progetto di crescita civile e culturale della società italiana".

Fonte: http://www.repubblica.it

 

Last news

11 August 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 August 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 August 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 August 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie