Scadono il 18 ottobre le iscrizioni al nuovo Master di secondo livello attivato dalla Facoltà di Lettere e Filosofia
11 October 2006

"Un’offerta formativa variegata e complessa, aperta anche al sociale". Così Giulio Paulis, preside della Facoltà di Lettere ha definito i Master della Facoltà di Sa Duchessa, presentando alla stampa il nuovo Master di secondo livello in Risorse "geografiche" della Sardegna, realizzato in conformità agli obiettivi individuati dalla Legge regionale n. 26 sulla valorizzazione della lingua e cultura sarda.

 

"Lo scopo è formare operatori capaci di rilevare le individualità ’geo-ambientali’ del territorio sardo - si legge nella delibera istitutiva - e di leggere la loro potenzialità in quanto risorse suscettibili di essere valorizzate anche ai fini economici e occupazionali".

 

Il corso - di durata annuale - offre dunque una didattica orientata ad affinare le conoscenze maturate durante gli studi universitari, che permetta di proporsi come consulenti di aménagement - figura professionale già diffusa in altri Paesi europei - cioè esperti di lettura, pianificazione e gestione del territorio. Sono previste nel dettaglio 280 ore di attività didattica frontale, 20 di laboratorio di cartografia topografica, 20 di Laboratorio GIS e telerilevamento, affiancate da verifiche sul territorio degli approcci teorici acquisiti e da 75 ore di tirocinio in istituzioni e aziende pubbliche e private. L’impegno complessivo è quantificato in 70 crediti formativi; le lezioni inizieranno a novembre.

 

"Dobbiamo crescere con l’obiettivo dello sviluppo sostenibile - ha spiegato il direttore del Master, Antonio Loi, professore ordinario della Facoltà - Mi sembra però opportuno sottolineare il valore delle risorse umane che in questo corso teniamo presente nell’articolazione delle varie discipline. Vogliamo fornire competenze teoriche, che formino una vera capacità di giudicare la realtà della nostra Isola e non solo; si tratta di una sensibilità che nel nostro Paese deve ancora crescere rispetto alle altre realtà europee: ricordiamoci che la scienza senza arte e senza filosofia è cieca".

 

"Anche in Sardegna è in crescita il fenomeno delle ’residenze elettive’ - ha detto la prof.ssa Maria Luisa Gentileschi, ordinario a Scienze politiche e nel Master docente di Geografia della popolazione - Si tratta di francesi, tedeschi e svizzeri che scelgono la nostra Isola per trascorrere gli anni della loro pensione, in questo incentivati dai voli low cost. Sul modello di quanto realizzato in altri Paesi, anche noi dobbiamo pensare a servizi dedicati per questo tipo di nuovi residenti".

 

Al Master collaborano docenti della Facoltà di Lettere e Filosofia, Scienze della Formazione, Scienze politiche, Economia e Scienze. La quota di iscrizione è di 1250 euro. Il bando è disponibile on line.

 

 - vedi rassegna stampa 11 ottobre 2006

 

 

Last news

01 October 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemila presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una cinquantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 September 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie