I ricercatori del Dipartimento di meccanica, chimica e dei materiali danno il supporto scientifico al progetto della start up H2D Energy in programma nell’Area marina protetta di Villasimius. “Puntiamo a realizzare un sistema energetico innovativo a emissioni nulle” spiega Giorgio Cau
29 July 2022
Villasimius. Una veduta dell'isola dei Cavoli

Sinergia, sperimentazione e collaborazione di alto profilo nell'Area marina protetta di Villasimius

Mario Frongia

Il Dipartimento di ingegneria meccanica, chimica e dei materiali (Dimcm) dell’Università di Cagliari collabora, insieme alla start up H2D Energy  e Piattaforma energie rinnovabili di Sardegna ricerche, allo sviluppo e alla realizzazione del progetto Green Hyland-Isola dei Cavoli. Le attività di sviluppo concettuale e sperimentazione di supporto alla realizzazione del progetto, sono coordinate da Giorgio Cau e svolte dal gruppo di ricerca sui Sistemi per l’energia e l’ambiente” del Dimcm e dal gruppo di ricerca del Laboratorio idrogeno da fonti rinnovabili e accumulo termico di Sardegna ricerche. L’isola - l’unica fruibile nella Sardegna sudorientale - ricade all’interno dell’Area marina protetta (Amp) Capo Carbonara, ente gestito dal comune di Villasimius.

 

Villasimius. Un'altra immagine di uno degli angoli naturalistici più affascinanti della Sardegna
Villasimius. Un'altra immagine di uno degli angoli naturalistici più affascinanti della Sardegna

Sviluppo sostenibile e preservazione ambientale al centro delle ricerche

Il progetto Green Hyland, avviato dall’Amp Capo Carbonara nel quadro di uno sviluppo sostenibile e di preservazione ambientale dell’isola dei Cavoli, consiste nella realizzazione di un sistema energetico innovativo a emissioni rigorosamente nulle. Prevediamo l’integrazione di un impianto fotovoltaico già esistente con un sistema di produzione, accumulo e utilizzo di idrogeno per l’alimentazione dei servizi stazionari e mobili dell’isola, oltre alla produzione di acqua dolce ottenuta condensando l’umidità dell’aria mediante un innovativo sistema Awg, Atmospheric water generator” spiega il professor Cau.

Nella foto accanto, da sinistra, il gruppo di lavoro composto da Davide Micheletto, Giulia Concas, Rosa PIlar Merchan Corral, Mario Cascetta, Efisio Casti, Francesca Carolina Marcello, Mario Petrollese, Vittorio Tola, Daniele Cocco e Giorgio Cau

Cagliari. Il team  di ricerca. Il secondo da destra è il presidente della facoltà di INgegneria, Daniele Cocco
Cagliari. Il team di ricerca. Il secondo da destra è il presidente della facoltà di INgegneria, Daniele Cocco

Le quattro fasi di un percorso innovativo e integrato

Il progetto sarà basato sul sistema Hybox concepito dalla start-up innovativa H2D Energy e sarà realizzato seguendo un programma di attività articolato in quattro fasi. 1) sviluppo concettuale, dimensionamento, modellizzazione numerica, simulazione e previsione delle prestazioni dei singoli componenti e dell’intero sistema integrato; 2) sperimentazione preliminare dei principali componenti presso la Piattaforma energie rinnovabili di Sardegna ricerche; 3) installazione del Sistema energetico integrato presso l’isola dei Cavoli a cura di H2D Energy; 4) sperimentazione in situ, monitoraggio locale e remoto e sviluppo del sistema di gestione.

 

Un'immagine suggestiva del faro che domina l'Area marina protetta
Un'immagine suggestiva del faro che domina l'Area marina protetta

Visione, idee e tecnologie innovative. Dalla navetta elettrica all’alimentazione a idrogeno

Il progetto prevede inoltre l’acquisizione di un’imbarcazione a propulsione elettrica per il trasporto da e per l’isola,che verrà opportunamente trasformata per l’alimentazione a idrogeno, e la realizzazione di una apposita colonnina di rifornimento sull’isola. In una fase successiva è prevista anche la realizzazione di un sistema di produzione e accumulo di idrogeno nel porto turistico di Villasimius e l’installazione di una seconda colonnina di rifornimento che oltre all’imbarcazione potrà rifornire sistemi dimostrativi per la mobilità alimentati a idrogeno. Le fasi di sperimentazione e dimostrazione presso l’Isola dei Cavoli,saranno fondamentali per lo sviluppo e la realizzazione, attraverso un ulteriore processo di ingegnerizzazione che sarà realizzato parallelamente da H2D Energy, di un prodotto commerciale innovativo e competitivo (Hybox) opportunamente concepito e configurato per applicazioni in ambito civile e industriale, oltre che inaree naturalistiche e siti protetti.

Le foto a corredo del servizio sono state fornite dal professor Cau

 

Villasimius. Panoramica dell'Area marina protetta
Villasimius. Panoramica dell'Area marina protetta

Last news

01 October 2022

Sharper 2022, la festa della scienza e della ricerca all’Orto botanico

Una Notte speciale nel cuore di Cagliari. Oltre duemila presenze, 400 volontari, un centinaio di ricercatrici e ricercatori e una cinquantina di eventi. La divulgazione chiara e immediata tra salute, stili di vita, robotica, astrofisica, costruzione di strade e ponti con gli scarti, fascino della chimica e della matematica, riciclo, crisi idrica, droghe, mondo animale, farmaci antitumorali, preistoria, tecniche di indagine di Polizia e Carabinieri, impronte digitali, voce e visi contraffatti: ricerche e discipline raccontate nei talk, tra laboratori, esperimenti e giochi per i bimbi curati. Molto apprezzato anche l’angolo solidale per Giulio Regeni. La manifestazione ha colto una forte attenzione da comunità civile e sociale, giovani e associazioni. In chiusura la caccia al tesoro scientifica con il successo dei team “Spagna” e “Stati Uniti”. “La scienza è passione e lavoro. Siamo soddisfatti, l’Università punta a coinvolgere e includere le diverse fasce della popolazione” ha detto Luciano Colombo

29 September 2022

«Un fiore all’occhiello dell’Ateneo»

Le parole di Fabrizio Pilo, prorettore all’innovazione e ai rapporti con il territorio, all’avvio delle celebrazioni per i 25 anni della Banca del Germoplasma della Sardegna: una realtà di altissimo livello scientifico, custodita nell’Orto Botanico di UniCa, al centro di una fitta rete di collaborazioni internazionali: quasi 7 milioni e 400mila euro di finanziamenti per 65 progetti realizzati con partner di 26 Paesi, 293 articoli scientifici, di cui 258 su importanti riviste internazionali, firmati da oltre 230 autori diversi, 19 volumi pubblicati

28 September 2022

Biodiversità a rischio, un workshop all’Orto Botanico di UniCa

Al via gli incontri di SEEDFORCE, un progetto LIFE guidato dal Museo delle Scienze di Trento che coinvolge 15 partner italiani e stranieri con lo scopo di salvaguardare 29 specie autoctone dall’estinzione. Coinvolti i ricercatori dell’Università di Cagliari

28 September 2022

Tessuto Digitale Metropolitano: nuove soluzioni per una città più “intelligente”

Presentati alla Manifattura Tabacchi i risultati delle attività di ricerca, formazione e trasferimento tecnologico portate avanti in 5 anni a partire dal 2017 dall’Università di Cagliari e dal CRS4 nell’ambito del progetto TDM finanziato da Sardegna Ricerche. L’intervento del prorettore alla ricerca Luciano Colombo: "Un'iniziativa che rafforza la collaborazione con gli enti presenti sul territorio su temi di grande impatto e attualità"

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie