Repubblica.it ha ospitato il dibattito sull’elettrificazione dell’isola e sui progetti seguiti dagli specialisti del Diee guidati da Fabrizio Pilo, Enel Foundation, Politecnico di Torino e l’ateneo Roma 3. Un percorso basato sulle fonti rinnovabili, teso al rispetto dell’ambiente e a una migliore qualità della vita
27 January 2022
Un progetto innovativo al servizio della collettività (foto da you-tg.net)

Una sfida collettiva. La città, la sostenibilità, l’ambiente e la ricerca dell'ateneo

Mario Frongia

Lo scenario è noto. E spazia tra l’elettrificazione verde e le innovazioni tecnologiche. Ma anche la scienza e la coscienza. Il buon senso e i saperi che accompagnano la transizione energetica. Un tema al centro del dibattito tenutosi stamani con la partecipazione, in rappresentanza dell’Università e del comune di Cagliari, di Fabrizio Pilo, prorettore al Territorio e all’innovazione, e Paolo Truzzu, primo cittadino del capoluogo regionale. “È un piacere e un onore partecipare a un dibattito con la centro il presente e il futuro energetico della nostra isola. Il nostro ateneo crede fortemente nella sfida dell’elettrificazione. Una sfida - ha spiegato il professor Pilo, ordinario e docente di Sistemi elettrici per l'energia, già direttore del Diee, Dipartimento di ingegneria elettrica ed elettronica - che può mettere la Sardegna al centro di un percorso di innovazione e crescita culturale dei giovani”. In breve, una sfida inderogabile. Un progetto per i sardi e dei sardi. “Siamo al lavoro su vettori energetici utili per la transizione. Il progetto Birdi (acronimo di Build the innovative renewable and digitally inclusive “Electrified Sardinia”) che in lingua sarda significa verde, può divenire una best practice. Con Enel Foundation e Politecnico di Torino l’idea è quella di appoggiarci al concetto di triangolo delle elettricità. Il nostro studio per elettrificare la Sardegna punta a conoscere nel dettaglio energetico e dall’interno il territorio. Stiamo studiando gli scenari energetici ma serve un piano e le regole”.

  

Fabrizio Pilo, durante una fase della conferenza dibattito
Fabrizio Pilo, durante una fase della conferenza dibattito

La Sardegna, terra di sole, vento e un futuro migliore nel rispetto della natura

“L'obiettivo? Far crescere, ad esempio, la quota di calore per riscaldamento domestica prodotta con energia elettrica oltre l'attuale 27 per cento o aumentare l'elettrificazione nei settori agrifood, oggi spesso "bio" e di altissima qualità, per renderli, in prospettiva, anche più "verdi”. Lo stesso vale per i trasporti terrestri, privati e pubblici, per i porti e i trasporti marittimi. Elettrificare conviene e tutti gli indicatori economici, sociali e ambientali e sanitari lo confermano. Serve una maggiore produzione di energia rinnovabile da ottenersi con attento uso del territorio bene preziosissimo dei sardi.” ha spiegato Fabrizio Pilo nella diretta trasmessa da repubblica.it. Ai lavori, tenutisi online nella mattinata di oggi, hanno preso parte anche il direttore di Enel Italia, Nicola Lanzetta. Il progetto "Elettrificazione verde della Sardegna", promosso da Enel e Università Roma Tre, punta alla decarbonizzazione dell'isola e allo sviluppo dell'energia rinnovabile che contribuisce alla transizione energetica e alla diffusione dell'elettrificazione dei consumi. Una convenienza economica per i sardi. Il professor Pilo ha illustrato le slide con i numeri che disegnano il futuro a livello mondiale con attesi 630 GW di solare fotovoltaico 390 GW di eolico al 2050 per la piena neutralità climatica. E ritengo sia fondamentale il concetto di inclusività dell’energia che può essere raggiunto con le Comunità energetiche che sono di grande interesse per la Sardegna. La Sardegna - ha concluso il prorettore - può diventare un esempio internazionale per la transizione energetica, realizzando con l’autosufficienza energetica e la stabilità dei prezzi, crescita economica e nuovi posti di lavoro di qualità per lo sviluppo del territorio. Sarà certamente una missione ricca di grandi soddisfazioni per il territorio sebbene non semplice”. Il progetto di elettrificazione verde della Sardegna nei prossimi dieci anni è stato inserito dagli esperti dell'High Level Dialogue on Energy delle Nazioni Unite.

 

Le rinnovabili, tra pale eoliche e fotovoltaico (archivio Enel)
Le rinnovabili, tra pale eoliche e fotovoltaico (archivio Enel)

Strategia e linee guida del capoluogo d’intesa con l’ateneo

Paolo Truzzu è intervenuto al dibattito ospitato dal sito di Repubblica sottolineando che la “Sardegna con questo progetto si qualifica a livello mondiale. Il modello sardo di elettrificazione verde che diventa una modalità da esportare e si impone all’attenzione della comunità scientifica, accademica e dei cittadini. Parliamo di piena sostenibilità e transizione energetica. Il comune e la Città metropolitana hanno a cuore questi temi della sostenibilità. Dobbiamo ricreare il rapporto tra città e natura, oggi si ha la consapevolezza che questi due mondi compenetranti devono parlarsi. Va sviluppato – ha rimarcato il sindaco di Cagliari – il trasporto pubblico locale, verde e sostenibile. Al riguardo, prevediamo la sostituzione della flotta con i bus verdi entro il 2030. E siamo al lavoro per utilizzare al meglio delle risorse, efficientare patrimonio privato e pubblico. Uno sforzo che affrontiamo assieme all’Università di Cagliari. La strategia? Serve un approccio pragmatico, come e cosa si può fare in tempi rapidi. Questa non è una moda del momento ma le risposte e le offerte migliori ai cittadini, la città sempre più vivibile”.

Paolo Truzzu durante l'intervento al dibattito
Paolo Truzzu durante l'intervento al dibattito

Last news

19 May 2022

Unica&Imprese, al via l’Agrifood edition 2022

Tecnologie e applicazioni avanzate, prodotti, processi, promozione e commercializzazione. Il confronto tra ricercatori e imprese del territorio coinvolte nell’agroalimentare in Sardegna. “L’Università di Cagliari è da anni impegnata a promuovere e alimentare il processo di produzione di valore fungendo da motore di sviluppo e generatore di innovazione del settore” dice Fabrizio Pilo. Le iscrizioni all’evento del Crea si chiudono il 10 giugno. All'interno il link per formalizzare l'adesione

18 May 2022

Ricerca, quattro dipartimenti dell’Università di Cagliari al top in Italia

Giurisprudenza, Ingegneria elettrica ed elettronica, Matematica e Informatica, Scienze politiche e sociali hanno superato la prima selezione e sono in corsa per entrare nella lista dei 180 Dipartimenti di eccellenza. Confermato il trend positivo dei risultati ottenuti sulla VQR. L’orgoglio dell’Ateneo nelle parole del Rettore Francesco Mola: “Risultato importante e incoraggiante”. RASSEGNA STAMPA

17 May 2022

Dottorato di ricerca, e poi? Le tante prospettive per il post-doc

IL 24 MAGGIO IN DIRETTA WEB. Grazie agli interventi di molti ex studenti di UniCa, oggi affermati professionisti in diversi contesti lavorativi di ottimo livello, che racconteranno la loro esperienza di successo, l’incontro ‘’Dottorato di ricerca: quale futuro "oltre" l'accademia?’’ permetterà di evidenziare le molteplici opportunità occupazionali al di fuori del mondo accademico. Organizzato dalla Consulta dei Coordinatori dei corsi di dottorato, presieduta dal professor Giuseppe Sergioli, l’evento sarà preceduto dagli interventi del magnifico rettore Mola e dei prorettori Putzu, Colombo e Carucci. COLLEGAMENTO SU TEAMS DALLE 15,30

17 May 2022

UniCa sempre più cardioprotetta

Un nuovo defibrillatore installato nella sede della Scuola di Architettura, alla presenza del Prorettore alla Didattica, del Direttore del DICAAR e della vicepresidente della Facoltà di Ingegneria e Architettura. L’apparecchio donato dall’associazione Luca Noli si aggiunge a quelli già presenti in vari punti dell’Ateneo. RASSEGNA STAMPA

Questionnaire and social

Share on: