Dottore magistrale in Economia manageriale, ha ottenuto il prestigioso riconoscimento con la tesi di laurea intitolata “Performance Measurement in ambito pubblico. La “Balanced Scorecard” come strumento per la Misurazione e Valutazione delle Performance”, discussa con il suo relatore Patrizio Monfardini. Prosegue l'autorevole tradizione scientifica e culturale del nostro Ateneo sul tema della Responsabilità Sociale d’Impresa e dello Sviluppo Sostenibile. RASSEGNA STAMPA
06 December 2021
Marco Deligios ha vinto il Premio Socialis

Si tratta del più longevo riconoscimento italiano per le migliori tesi di laurea sul tema della Responsabilità Sociale d’Impresa e dello Sviluppo Sostenibile realizzate da studenti e studentesse delle università di tutta Italia

Sergio Nuvoli

Cagliari, 6 dicembre 2021 - Con la tesi intitolata “Performance Measurement in ambito pubblico. La “Balanced Scorecard” come strumento per la Misurazione e Valutazione delle Performance”, Marco Deligios, seguito dal suo relatore Patrizio Monfardini, docente di Economia aziendale, ha vinto la XIX del prestigioso Premio Socialis.

Si tratta del più longevo riconoscimento italiano per le migliori tesi di laurea sul tema della Responsabilità Sociale d’Impresa e dello Sviluppo Sostenibile realizzate da studenti e studentesse delle università di tutta Italia.

Ideato nel 2003, il Premio Socialis è un riconoscimento unico nel suo genere, riservato a laureati e laureandi con tesi sull’argomento, considerato nei suoi diversi aspetti di realizzazione di progetti volti al sostegno umanitario, alla valorizzazione e protezione del patrimonio artistico e ambientale, ma anche di iniziative in favore della struttura interna, della società civile e dello sviluppo sostenibile.

La presentazione della tesi vincitrice
La presentazione della tesi vincitrice

I precedenti per il nostro Ateneo: nel 2016 il Premio fu vinto da Giulia Figus, laureata in Ingegneria per l'Ambiente e il territorio, e nel 2017 l'Osservatorio Socialis lodava le buone pratiche di UniCa, tra i pochi atenei a parlare di terza missione

Il bando di concorso, promosso in tutti gli atenei del Paese, premia dunque lavori su temi come la responsabilità sociale delle imprese, lo sviluppo sostenibile, l’impegno per l’ambiente, il sostegno alla cultura, l’etica nell’economia, l’attenzione alle risorse interne delle organizzazioni, il marketing sociale, il welfare aziendale, le iniziative per il non profit e il sostegno umanitario.

Questa la motivazione del premio assegnato al dottor Deligios: “Un lavoro di tesi moderno e concreto focalizzato in maniera innovativa su una sperimentazione concettuale, innestare gli aspetti di maggior successo delle realtà private sulle organizzazioni pubbliche, per creare un modello di sviluppo più efficace poiché misurato e programmato”

L’Università di Cagliari non è nuova rispetto al tema, e nemmeno rispetto al Premio Socialis: nel 2016 Giulia Figus, laureata in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio con una tesi su "Riqualificazione di un'area dismessa nel contesto urbano di San Gavino Monreale: uno studio analitico basato sulle mappe mentali" ha vinto la XIV edizione.

Nel 2017 l’Osservatorio Socialis riconobbe che l’Università di Cagliari era tra i pochi atenei italiani ad avere sulla homepage del proprio sito web un’apposita sezione che riguarda lo scopo e lo spirito della terza missione delle Università. All’epoca il nostro Ateneo era in compagnia di soli altri sette: Bergamo, Bolzano, Iuss di Pavia, Perugia, Pisa, Urbino, Venezia Cà Foscari.

Il dottor Deligios mentre illustra la sua tesi di laurea
Il dottor Deligios mentre illustra la sua tesi di laurea

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 7 dicembre 2021

Cagliari - pagina 15

Eccellenze . Tesi di laurea sulla Responsabilità sociale d'impresa e Sviluppo sostenibile

Università, a Marco Deligios il "Premio Socialis"

Marco Deligios, con la tesi intitolata "Performance Measurement in ambito pubblico. La "Balanced Scorecard" come strumento per la Misurazione e Valutazione delle Performance", ha vinto la XIX edizione del prestigioso Premio Socialis, insieme ad altri laureati provenienti dal resto d'Italia. Si tratta del più longevo riconoscimento italiano per le migliori tesi di laurea sul tema della Responsabilità sociale d'impresa e dello Sviluppo sostenibile realizzate da studenti delle università di tutta Italia. Ideato nel 2003, il Premio Socialis è un riconoscimento unico nel suo genere, riservato a laureati e laureandi con tesi sull'argomento, considerato nei suoi diversi aspetti di realizzazione di progetti volti al sostegno umanitario, alla valorizzazione e protezione del patrimonio artistico e ambientale, ma anche di iniziative in favore della struttura interna, della società civile e dello sviluppo sostenibile. Il bando di concorso, promosso in tutti gli atenei del Paese, premia lavori su temi come la responsabilità sociale delle imprese, lo sviluppo sostenibile, l'impegno per l'ambiente, il sostegno alla cultura, l'etica nell'economia, l'attenzione alle risorse interne delle organizzazioni, il marketing sociale, il welfare aziendale, le iniziative per il non profit e il sostegno umanitario. Questa la motivazione del premio: "Un lavoro di tesi moderno e concreto focalizzato in maniera innovativa su una sperimentazione concettuale, innestare gli aspetti di maggior successo delle realtà private sulle organizzazioni pubbliche, per creare un modello di sviluppo più efficace poiché misurato e programmato". Deligios è stato seguito dal suo relatore Patrizio Monfardini, docente di Economia aziendale.

La notizia su L'Unione Sarda del 7 dicembre 2021 a pagina 15
La notizia su L'Unione Sarda del 7 dicembre 2021 a pagina 15

Links

Last news

30 June 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 June 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

28 June 2022

Raccontare la ricerca: adesioni entro il 4 luglio per la SHARPER Night 2022

Data e sede sono già confermate: si terrà venerdì 30 settembre 2022 nell’Orto botanico di Cagliari la nuova edizione di SHARPER Night, iniziativa inserita nel contesto europeo delle European Researchers’ night. Fino al prossimo lunedì 4 luglio ricercatrici e ricercatori dell'Ateneo potranno inviare le proprie proposte per organizzare eventi, conversazioni, podcast e laboratori collegati all’iniziativa.

Questionnaire and social

Share on: