Appena dopo la conferenza internazionale COP26 di Glasgow, Legambiente e Università di Cagliari promuovono una iniziativa sul contrasto all’emergenza climatica e sulle cause che richiedono improrogabili cambiamenti in tema di energia e sostenibilità. All’appuntamento, riprogrammato nella giornata di GIOVEDÌ 25 NOVEMBRE, nell’aula magna di Ingegneria e Architettura, partecipa il prorettore Fabrizio Pilo e, tra gli altri, sono attesi anche l'assessora regionale all'industria, Anita Pili, il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, il presidente di facoltà, Daniele Cocco, e la presidentessa regionale di Legambiente, Annalisa Colombu. Coordinano i lavori Marta Battaglia, direttrice Legambiente Sardegna, e Giorgio Querzoli, docente del Dipartimento di Ingegneria civile, ambientale e architettura
22 November 2021
La conferenza, inizialmente prevista per il 15 novembre, è stata rinviato al 25 a causa dell'allerta meteo

Per seguire a distanza l’evento inquadra il QR Code nella locandina (link a fondo pagina) oppure collegati alla pagina web https://tiny.one/SardegnaEnergia

GIOVEDÌ 25 NOVEMBRE, nell’aula magna Mario Carta della facoltà di Ingegneria e Architettura, si svolgerà una conferenza, promossa da Legambiente in collaborazione con UniCa, sulla transizione energetica. L'evento, al quale parteciperà il prorettore per il territorio e l'innovazione Fabrizio Pilo (nella foto a destra), segue a ruota la recente COP26 di Glasgow, che tra luci e ombre ha delineato gli impegni della comunità internazionale per contrastare l’emergenza climatica e le sue cause. La giornata di lavori sarà coordinata da Marta Battaglia, Direttore di Legambiente Sardegna, insieme al professor Giorgio Querzoli, docente del Dicaar.

L’OBIETTIVO COMUNE è di tenere alta l’attenzione a focalizzare ogni sforzo sull’Agenda impostata dall’Unione europea per il Green Deal, la transizione “verde”, giusta e solidale, che ha messo in campo risorse prima inimmaginabili, come un nuovo Piano Marshall (varato per la ricostruzione dell’Europa dopo il secondo conflitto mondiale) mirato per la ripresa e la resilienza dei Paesi membri.

PRIMA PARTE. Nella mattina, dopo i saluti istituzionali, Legambiente farà il punto sugli scenari internazionali, nazionali e regionali, ed i ricercatori dell’ateneo e di altri organismi nazionali proporranno alcune delle principali linee di lavoro sulla Transizione energetica necessaria e urgente. Verranno toccati i principali settori che stanno diventando protagonisti del percorso virtuoso che, di qui al 2050, dovrà portare l’Europa alla neutralità climatica.

SECONDA PARTE. Il pomeriggio, dedicato in particolare ai temi dell’energia rinnovabile, darà spazio ai soggetti sociali, economici, imprenditoriali, istituzionali per esporre e dibattere le posizioni in campo in Sardegna e in Italia. Tre sessioni tematiche dedicate rispettivamente al fotovoltaico, all’eolico, e al trasporto pubblico sostenibile faranno il punto su come potrà essere sviluppata in concreto la prospettiva della giusta transizione che dovrà coniugare gli obiettivi climatici, il rilancio di nuova occupazione, la coesione sociale, la sostenibilità nell’uso delle risorse e il miglioramento della qualità di vita dei cittadini.

il professor Fabrizio Pilo,  prorettore dell'Università di Cagliari delegato per il territorio e l'innovazione
il professor Fabrizio Pilo, prorettore dell'Università di Cagliari delegato per il territorio e l'innovazione

P R O G R A M M A

Cagliari - Giovedì 25 novembre
Aula magna della Facoltà di Ingegneria e Architettura - via Marengo 2

9:00-13:30 PRIMA PARTE: “La transizione energetica necessaria e urgente”


S A L U T I

  • Fabrizio Pilo, prorettore per il territorio e innovazione, UniCa
  • Daniele Cocco, presidente della facoltà di Ingegneria e Architettura, UniCa
  • Annalisa Colombu, presidente Legambiente Sardegna
  • Anita Pili, assessora all’Industria Regione Sardegna
  • Paolo Truzzu, sindaco di Cagliari e Città metropolitana di Cagliari


R E L A Z I O N I   I N T R O D U T T I V E

  • Edoardo Zanchini (vicepresidente naz.le Legambiente), Il mondo dopo Glasgow
  • Vincenzo Tiana (Legambiente Sardegna), Scenari energetici per il futuro della Sardegna


I N T E R V E N T I

  • Fabrizio Pilo, La Sardegna e il triangolo dell’elettricità
  • Giorgio Querzoli, Direzioni della transizione: per un atlante dell’energia rinnovabile
  • Giorgio Peghin e Laura Zampieri, I paesaggi dell’energia
  • Alfonso Damiano, L’accumulo energetico elemento chiave per la transizione
  • Antonello Sanna e Giuseppe Desogus, L'energia più pulita è quella che non si consuma: la Renovation Wave Strategy dell'Ue
  • Gianfranco Fancello, La transizione energetica nella mobilità
  • Fabrizio Iaccarino, Il progetto Sardegna Smart Island
  • Livio de Santoli, La posizione del coordinamento Free per promuovere le FER
  • Andrea Minutolo, Il biometano per la chiusura del ciclo dei rifiuti. Stato dell'arte e opportunità alla luce del PNRR
  • Aldo Muntoni, Valorizzazione delle frazioni organiche dei rifiuti urbani
  • Rosella Manconi, I processi partecipativi


D I B A T T I TO
 

15:00-19:00 SECONDA PARTE: La Sardegna regione pilota dell’energia rinnovabile


S E S S I O N I   T E M A T I C H E


FOTOVOLTAICO

  • Carmelo Spada, Le Comunità Energetiche
  • Paolo Rocco Viscontini, Il ruolo del fotovoltaico per la decarbonizzazione della Sardegna
  • Damiano Di Simine, Ruolo e potenzialità dell’agrivoltaico
  • Interventi associazioni Coldiretti, Confagricoltura, Copagri e aziende settore: Lightsource bp


EOLICO

  • Simone TogniLa risorsa del vento nella transizione energetica: opportunità e criticità da superare: , Presidente ANEV
  • Interventi delle aziende del settore: ENEL, ERG, FRI EL, IVPC, Sardaeolica, Sorgenia
  • Interventi dei sindaci interessati


TRASPORTO PUBBLICO SOSTENIBILE

  • Paride GaspariniLa decarbonizzazione nel trasporto pubblico a Cagliari


ore 18
CONCLUSIONI

 

FORMAZIONE INGEGNERI

Ai sensi del regolamento per la formazione professionale continua, agli ingegneri che parteciperanno al convegno in presenza saranno rilasciati 2 CFP per la mattina e 1 CFP per il pomeriggio.

 


Ivo Cabiddu
22 novembre 2021

Ordine provinciale degli ingegneri di Cagliari - Scuola di formazione
Ordine provinciale degli ingegneri di Cagliari - Scuola di formazione

Attachments

Last news

06 July 2022

Esperti di logica e filosofia in arrivo a Cagliari da tutto il mondo

Il 22° workshop ‘'Trends in Logic’' si terrà nell’ateneo cagliaritano dal 18 al 20 luglio 2022. L’evento, intitolato '‘Strong & Weak Kleene Logics’', è organizzato dal gruppo di ricerca Alophis del Dipartimento di Pedagogia, Scienze psicologiche e Filosofia in collaborazione con il Dipartimento di Matematica e Informatica. Il professor Roberto Giuntini nel comitato scientifico internazionale che presiede i lavori

04 July 2022

UniCa4Ukraine, conclusi i corsi di italiano

Venti cittadine ucraine hanno seguito le lezioni tenute da studentesse e studenti dei corsi di laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed americane, Traduzione specialistica dei testi e in Filologie e letterature classiche e moderne. Nei giorni scorsi la consegna degli attestati di partecipazione

30 June 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 June 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie