I vincitori della seconda edizione del prestigioso riconoscimento sono Elisa Deidda e Matteo Marrocu, per le loro tesi di laurea sulla Beta-Thalassemia. Cerimonia a Palazzo Belgrano con il Direttore Generale e i Prorettori alla Didattica e alle Attività sanitarie. Ignazio Putzu: "E' uno stimolo per un continuo e costante impegno dell'Ateneo". Giorgio La Nasa: "Colpiti dall'entusiasmo dei vincitori". Aldo Urru: "E' un contributo importante al benessere della collettività". RASSEGNA STAMPA
30 October 2021
Un momento della cerimonia nella Sala Consiglio di Palazzo Belgrano

Questi i titoli delle tesi vincitrici: “Variabilità fenotipica del chimerismo dopo trapianto di midollo osseo per Beta-thalassemia in singolo centro pediatrico” e “Passato e presente del sovraccarico di ferro nella Beta-thalassemia major”

Sergio Nuvoli

Cagliari, 30 ottobre 2021 - “Assistere al conseguimento di così brillanti risultati è per l’istituzione universitaria stimolo per un crescente impegno nell’investimento in capitale umano e tecnologico e nel sostegno delle giovani promesse per una loro piena inclusione nella società della conoscenza”. Lo ha rimarcato a nome dell’Ateneo il Prorettore per la Didattica Ignazio Putzu, ieri, portando anche i saluti del Rettore (impegnato a Roma per il convegno su Grazia Deledda, nda) durante la cerimonia di consegna del premio di laurea “Alessandra e Valentina Marini”, nella Sala Consiglio di Palazzo Belgrano.

A vincere la seconda edizione del prestigioso riconoscimento sono stati Elisa Deidda e Matteo Marrocu, per le tesi di laurea rispettivamente su “Variabilità fenotipica del chimerismo dopo trapianto di midollo osseo per Beta-thalassemia in singolo centro pediatrico” e “Passato e presente del sovraccarico di ferro nella Beta-thalassemia major”. Ai due laureati è stata assegnata rispettivamente la somma di duemila e 1500 euro.

Giorgio La Nasa, Prorettore per le attività sanitarie, ha sottolineato la pregevolezza del lavoro condotto dai vincitori: “Il lavoro svolto – ha detto - ha coinvolto la Commissione giudicatrice nella condivisione dell’entusiasmo col quale i giovani studiosi hanno saputo approfondire le tematiche oggetto di tesi. Il nostro augurio è che possano conseguire nuovi e maggiori riconoscimenti in un settore disciplinare bisognoso di sempre nuova linfa per il benessere della collettività”.

Il DG Aldo Urru, il Prorettore Giorgio La Nasa, il Prorettore Ignazio Putzu e Giovanni Marini, funzionario della Direzione Affari Legali
Il DG Aldo Urru, il Prorettore Giorgio La Nasa, il Prorettore Ignazio Putzu e Giovanni Marini, funzionario della Direzione Affari Legali

Susanna Barella (P.O. "A. Cao"): "Generazioni di studiosi di Medicina hanno contribuito al miglioramento delle condizioni e delle aspettative di vita dei pazienti talassemici”

“Si può contribuire al benessere della collettività sia attraverso l’immediato impiego delle conoscenze mediche – ha commentato Aldo Urru, Direttore Generale dell’Università di Cagliari - sia attraverso il supporto di quelle competenze che – pur estranee all’area medica – offrono l’opportunità di cogliere gli sbocchi più idonei per il massimo progresso del capitale tecnologico”.

Susanna Barella, responsabile della Direzione della Struttura Semplice Dipartimentale Talassemia delPresidio Ospedaliero "Antonio Cao", ha infine ricordato come l’Ateneo ha visto crescere, nel corso dei decenni, generazioni di studiosi di Medicina: “I sacrifici affrontati durante gli anni di studio – ha detto - costituiscono il denominatore comune di quanti hanno contribuito al miglioramento delle condizioni e delle aspettative di vita dei pazienti talassemici”.

Alla cerimonia erano presenti il dottor Marrocu e – in rappresentanza della dott.ssa Deidda – la mamma Marilena Ferrai. Al termine è stata data lettura di un breve messaggio di saluto e di ringraziamento da parte dei promotori dell’iniziativa, i coniugi Franco e Elisabetta Marini, che non hanno potuto partecipare alla consegna dei premi.

Un'immagine della cerimonia di premiazione
Un'immagine della cerimonia di premiazione

Il Premio Alessandra e Valentina Marini, giunto alla seconda edizione, assegna un riconoscimento per incoraggiare le nuove leve di medici, ricercatori e personale sanitario avviate sulla scia dei loro maestri e per far conoscere la Beta-Thalassemia

Giunto alla seconda edizione, il Premio assegna un riconoscimento per incoraggiare le nuove leve di medici, ricercatori e personale sanitario avviate sulla scia dei loro maestri e predecessori che hanno spostato la finalità degli interventi dalla sopravvivenza a termine (anni ‘60/’70/‘80) alla prognosi aperta, e anche per far sapere ai rappresentanti eletti nelle sedi istituzionali e alle realtà formative ed economiche dell’isola che l’attività medica portatrice di speranze per la vita dei talassemici necessita di integrazioni irrinunciabili sul versante della formazione, non difformi da quelle di altri soggetti, nonché di un accompagnamento competente per l’avviamento e un primo ingresso nel mondo del lavoro.

I signori Franco ed Elisabetta Marini, promotori del premio
I signori Franco ed Elisabetta Marini, promotori del premio

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 31 ottobre 2021

Cagliari - pagina 27

Talassemia, il premio "Marini" a due giovani medici

Elisa Deidda e Matteo Marrocu hanno vinto la seconda edizione del premio di laurea "Alessandra e Valentina Marini", promosso dai coniugi Franco ed Elisabetta Marini. I due laureati si sono aggiudicati il prestigioso riconoscimento, voluto per incoraggiare la conoscenza della storia della beta talassemia major e dei soggetti sardi affetti da questa patologia, grazie alle tesi di laurea rispettivamente su "Variabilità fenotipica del chimerismo dopo trapianto di midollo osseo per Beta-thalassemia in singolo centro pediatrico" e "Passato e presente del sovraccarico di ferro nella Beta-thalassemia major". A Deidda e Marrocu è stata assegnata rispettivamente la somma di 2.000 e 1.500 euro. «Assistere al conseguimento di così brillanti risultati è per l'istituzione universitaria stimolo per un crescente impegno nell'investimento in capitale tecnologico e nel sostegno delle giovani promesse per una loro piena inclusione nella società della conoscenza». Lo ha rimarcato a nome dell'Ateneo il prorettore per la Didattica Ignazio Putzu durante la cerimonia di consegna, nella sala Consiglio di Palazzo Belgrano. Giorgio La Nasa, prorettore per le attività sanitarie: «Il lavoro svolto ha coinvolto la commissione giudicatrice nella condivisione dell'entusiasmo col quale i giovani studiosi hanno saputo approfondire le tematiche oggetto di tesi». Aldo Urru, Direttore Generale dell'Università: «Si può contribuire al benessere della collettività sia attraverso l'immediato impiego delle conoscenze mediche sia attraverso il supporto di quelle competenze che offrono l'opportunità di cogliere gli sbocchi più idonei per il massimo progresso del capitale tecnologico».

La notizia su L'Unione Sarda del 31 ottobre 2021 a pagina 27
La notizia su L'Unione Sarda del 31 ottobre 2021 a pagina 27

Links

Last news

11 August 2022

Dottorati di ricerca, boom delle borse di UniCa

Dalle 77 dell’anno precedente passano a 133 per il XXXVIII ciclo. Il rettore Francesco Mola: “Grande sforzo dell’Ateneo che punta decisamente sui propri giovani, dando loro una straordinaria opportunità di formazione avanzata e di crescita professionale, e sullo sviluppo del territorio, mirando a tematiche di grande urgenza e di alto impatto”

10 August 2022

Comunicazione, festoso approfondimento tv dei cinque corsi di laurea presentati al Poetto

La puntata sul successo della festosa, affascinante e inedita presentazione nel Lungomare è andata in onda all'interno di "Panorama sardo - speciale estate". "La cultura va alla città e viceversa" dice Antioco Floris. "Siamo qui per catturare un pubblico sempre più vasto" aggiunge Ester Cois. "Lavoriamo per essere sempre più vicini e inclusivi" rimarca Elisabetta Gola. All'interno il link per la visione

08 August 2022

Nuraghe project, nuove scoperte grazie ai rilievi LiDAR da drone del CNR ISPC

Grazie all’accesso ai laboratori dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR ISPC) parte dell’infrastruttura di ricerca per l’Heritage Science (E-RIHS), gli archeologi dell’Università di Cagliari guidati da Riccardo Cicilloni hanno ottenuto importanti risultati nel sito nuragico di Bruncu 'e s'Omu nel territorio di Villa Verde in provincia di Oristano

05 August 2022

Nasce «The Hadron Academy»

Aperte le iscrizioni al primo dottorato in Italia dedicato allo sviluppo tecnologico e biomedico dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza particelle pesanti come protoni e ioni carbonio per trattare i tumori più complessi. Coordinato da Annalisa Bonfiglio, e promosso dal CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica e dalla Scuola Universitaria Superiore IUSS di Pavia, insieme all’Università degli Studi di Cagliari, è aperto a 5 studenti meritevoli a cui saranno assegnate altrettante borse di studio, una delle quali messa a disposizione dal nostro Ateneo. Iscrizioni aperte a medici, fisici medici, biologi, bioingegneri, ingegneri di processo, fisici, giuristi, economisti, filosofi

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie