Mercoledì 13 e giovedì 14 ottobre, docenti, ricercatori e ricercatrici di Storia del cinema si riuniranno a Cagliari per discutere del rapporto tra la settima arte e la modernizzazione del Paese, nel periodo considerato l'età dell'oro del capitalismo (1950-1973). L'evento fa parte delle iniziative scientifiche organizzate all'interno del progetto "Il pollo ruspante. Il cinema e la nuova cultura dei consumi", finanziato dal PRIN 2017, al quale il nostro Ateneo partecipa con un'unità coordinata da David Bruni. RASSEGNA STAMPA
13 October 2021
La locandina del convegno

Nell'aula intitola a Roberto Coroneo, nella Cittadella dei Musei, un convegno che affronta il tema del rapporto tra cinema e consumi

Cagliari, 11 ottobre 2021 - Si aprirà mercoledì 13 ottobre alle 15, nell'aula "Roberto Coroneo" della Cittadella dei Musei a Cagliari, il convegno "Grandi magazzini. Il cinema italiano e l'immaginario dei consumi", organizzato dall'unità di ricerca coordinata da David Bruni del progetto PRIN 2017 "Il pollo ruspante. Il cinema e la nuova cultura dei consumi (1950-1973)".

L'evento sarà introdotto dai saluti di Ignazio Efisio Putzu, direttore del Dipartimento Lettere, Lingue e Beni culturali e Prorettore alla didattica, Giulia Carluccio, presidente della Consulta Universitaria del Cinema, Fabio Pinna, coordinatore del corso di laurea in Beni culturali e spettacolo, Antioco Floris, coordinatore del corso di laurea magistrale in Produzione multimediale e David Bruni, responsabile scientifico unità locale di ricerca dell'Università di Cagliari.

Alle 15.45, nella prima sessione "Il consumo nel cinema popolare e di genere" interverranno Giacomo Manzoli (Università di Bologna) con la relazione "Il consumo vistoso nel cinema popolare" e Christian Uva (Università di Roma Tre) con "Ascesa e declino della civiltà dei consumi nel cinema balneare italiano". Nella seconda parte del pomeriggio Elena Mosconi (Università di Pavia) presenterà la relazione "Sinfonie della roba nella commedia italiana" e Stefania Parigi (Università di Roma Tre) "Sesso a episodi: il caso Ferreri". Discuteranno con loro Francesco Pitassio (Università di Udine) e Mariapaola Pierini (Università di Torino).

Il 14 ottobre alle 9, sempre nell'aula "Roberto Coroneo", la mattinanta si aprirà con il punto sui lavori del PRIN con la partecipazione di Federico Vitella, Laura Busetta (Università di Messina), Federico Zecca, Gabriele Landrini, Angela Bianca Saponari (Università di Bari), David Bruni, Mattia Cinquegrani (Università di Cagliari), Fabio Andreazza, Eleonora Sforzi, Federico Pagello (Università di Chieti-Pescara) e il principal investigator Federico Vitella. David Bruni dialogherà poi con Antonio Costa (IUAV Venezia) sul tema "La rappresentazione dei consumi culturali".

Alle 11.30 l'ultima sessione su "Gli oggetti tecnologici e la moda" con le relazioni di Luisella Farinotti (IULM, Milano) "Educazione sentimentale: la favola (elettro)domestica dell'Italia del boom", Raffaele De Berti (Università Statale di Milano) "La moda tra cinema e rotocalchi. Fellini: da La dolce vita (1960) a Roma (1972)". Discutono con loro Antioco Floris (Università di Cagliari) e Paola Valentini (Università di Firenze). Le osservazioni conclusive sono affidate a David Bruni.

Nel pomeriggio, alle 17.30 nel chiosco Il fico d'India sul lungomare Poetto, sarà presentato il libro "L’ultima spiaggia Rive e derive del cinema italiano", con l'autore Christian Uva. 

 

Cittadella dei Musei
Cittadella dei Musei

La rappresentazione dei consumi e le modifiche degli stili di vita degli italiani visti dalla prospettiva cinematografica saranno i temi al centro del convegno

"Il cinema italiano rappresenta con notevole attenzione le modifiche profonde intervenute nell’“età d’oro del capitalismo” (1950-1973) sul piano delle pratiche e dei beni di consumo" spiega David Bruni, docente di Storia del Cinema dell'Università di Cagliari. "Infatti, se da una parte i film si comportano alla stregua di una grande vetrina di esposizione e conferiscono ai prodotti commerciali un’importanza e un peso finora sconosciuti sul piano figurativo - continua il professore -, dall’altra tematizzano il modo in cui quegli stessi prodotti incidono sull’esistenza degli italiani attraverso l’acquisizione di abitudini e stili di vita che contribuiscono a riconfigurare in misura significativa gli orizzonti della loro esperienza quotidiana".

Attraverso una serie di casi di studio esemplari, affrontati nelle singole relazioni, e privilegiando la prospettiva dell’analisi filmica, il convegno esplora il ruolo svolto dal nostro cinema nell’ampliare la visibilità sociale dei prodotti, delle pratiche, dei beni e degli stili di consumo. In tale direzione saranno considerati sia i generi e i filoni che espressamente affrontano gli effetti del miracolo economico e la sua pervasività nella società italiana del periodo - come, ad esempio, la commedia all’italiana, particolarmente attenta nel porre alcuni aspetti della cultura materiale al centro della rappresentazione - sia i film diretti dai registi della generazione successiva al neorealismo, assai puntuali nel valorizzare le dinamiche di interscambio fra testo e contesto sociale.

David Bruni, docente di Storia del cinema del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali
David Bruni, docente di Storia del cinema del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 13 ottobre 2021

Spettacoli - pagina 64

Università. Il via stamane, per due giorni, al simposio ospite della sala Roberto Coroneo della Cittadella dei Musei

Caro, carissimo, cinema , fabbrica dei grandi consumi

"Grandi magazzini. Il cinema italiano e l'immaginario dei consumi" è il titolo assai esplicativo e affascinante del convegno che inizia oggi, alle 15, nell'aula Coroneo della Cittadella dei Musei a Cagliari, organizzato dall'unità di ricerca coordinata da David Bruni del progetto "Il pollo ruspante. Il cinema e la nuova cultura dei consumi (1950-1973)". L'evento sarà introdotto dai saluti di Ignazio Efisio Putzu, direttore del Dipartimento Lettere, Lingue e Beni culturali e prorettore alla didattica, Giulia Carluccio, presidente della Consulta Universitaria del Cinema, Fabio Pinna, coordinatore del corso di laurea in Beni culturali e spettacolo, Antioco Floris, coordinatore del corso di laurea in Produzione multimediale e David Bruni, responsabile scientifico unità locale di ricerca dell'Università di Cagliari. L'idea «Il cinema italiano rappresenta con notevole attenzione le modifiche profonde intervenute nell'età d'oro del capitalismo sul piano delle pratiche e dei beni di consumo - spiega David Bruni, docente di Storia del Cinema. - Se da una parte i film si comportano alla stregua di una grande vetrina di esposizione e dall'altra tematizzano il modo in cui quei prodotti incidono sull'esistenza degli italiani». Oggi Alle 15.45, nella prima sessione "Il consumo nel cinema popolare e di genere" interverranno Giacomo Manzoli (Università di Bologna) con la relazione "Il consumo vistoso nel cinema popolare" e Christian Uva (Università di Roma Tre) con "Ascesa e declino della civiltà dei consumi nel cinema balneare italiano". Nella seconda parte del pomeriggio Elena Mosconi (Università di Pavia) presenterà la relazione "Sinfonie della roba nella commedia italiana" e Stefania Parigi (Università di Roma Tre) "Sesso a episodi: il caso Ferreri". Discuteranno con loro Francesco Pitassio (Università di Udine) e Mariapaola Pierini (Università di Torino). Giovedì Domani alle 9, sempre nell'aula Coroneo, la mattinata si aprirà con il punto sui lavori del progetto con la partecipazione di Federico Vitella, Laura Busetta (Università di Messina), Federico Zecca, Gabriele Landrini, Angela Bianca Saponari (Università di Bari), David Bruni, Mattia Cinquegrani (Università di Cagliari), Fabio Andreazza, Eleonora Sforzi, Federico Pagello (Università di Chieti-Pescara) e il principal investigator Federico Vitella. David Bruni dialogherà poi con Antonio Costa (Iuav Venezia) sul tema "La rappresentazione dei consumi culturali". Alle 11.30 l'ultima sessione su "Gli oggetti tecnologici e la moda" con le relazioni di Luisella Farinotti (Iulm, Milano) "Educazione sentimentale: la favola (elettro)domestica dell'Italia del boom", Raffaele De Berti (Università Statale di Milano) "La moda tra cinema e rotocalchi. Fellini: da La dolce vita (1960) a Roma (1972)". Discutono con loro Antioco Floris (Università di Cagliari) e Paola Valentini (Università di Firenze). Poetto Alle 17.30, al Il fico d'India sul lungomare Poetto, sarà presentato il libro "L'ultima spiaggia Rive e derive del cinema italiano" di Christian Uva. (red. spet.)

L'articolo su L'Unione Sarda del 13 ottobre 2021 a pagina 64
L'articolo su L'Unione Sarda del 13 ottobre 2021 a pagina 64

Attachments

Links

Last news

04 July 2022

UniCa4Ukraine, conclusi i corsi di italiano

Venti cittadine ucraine hanno seguito le lezioni tenute da studentesse e studenti dei corsi di laurea magistrale in Lingue e letterature europee ed americane, Traduzione specialistica dei testi e in Filologie e letterature classiche e moderne. Nei giorni scorsi la consegna degli attestati di partecipazione

30 June 2022

STOREM. Giornate di studio internazionale sul tema della sostenibilità legata alle attività turistiche

Giovedì 30 giugno e venerdì 1 luglio il nostro ateneo ospita docenti e ricercatori delle università UNA e UCI del Costa Rica, Eafit della Colombia e, in collegamento, esperti dell'università UWI (Barbados) e Paul Valery (Francia) per due giornate di confronto sul progetto Erasmus+ Cbhe “Storem”. L’incontro del primo luglio è aperto al pubblico, dalle 9,30, nell’Aula 11 del polo universitario di via San Giorgio 12 (Campus Aresu) per gli interventi del professor Mario Socatelli, dell’Universidad para la Coperaticion Internacional (Costa Rica) e, a seguire, del professor Corrado Zoppi, dell’Università di Cagliari, e di Francesca Uleri (Associazione Culturale Terras)

30 June 2022

Malattie genetiche, l'Università di Cagliari nel nuovo Centro nazionale di ricerca

L'ateneo è tra i fondatori della struttura sorta per lo “Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna” finanziata dal Pnrr con 320 milioni di euro. Le specialiste Raffaella Origa, referente scientifica, e Patrizia Zavattari, sono le coordinatrici del progetto. Il rettore Francesco Mola: "Abbiamo conferma delle valide e riconosciute competenze del settore acquisite negli anni"  

Questionnaire and social

Share on: