Esperienza migratoria, diseguaglianze di genere e background socioeconomico al centro del progetto curato dal dipartimento di Scienze politiche e sociali dell'Università di Cagliari. Docenti, studentesse e studenti all’opera per studiare e rimuovere le situazioni di svantaggio negli atenei. I lavori sono cofinanziati dal programma Erasmus+ e dal network europeo Eucen
30 June 2021
Una battaglia campale contro le diseguaglianze di genere

Supporto continuo per studentesse e studenti che partono da situazioni di svantaggio

Mario Frongia

Per un’università sempre più inclusiva: entra nel vivo il progetto Erasmus+Smile. Acronimo di Social meaning impact through lifelong learning universities in Europe, Smile è cofinanziato dal programma Erasmus+ e coordinato dal network europeo per la formazione continua universitaria Eucen. "Il Progetto si concentra sul tema dell’inclusività nella formazione universitaria, riferendosi in particolare a tre pilastri tematici: esperienza migratoria, diseguaglianze di genere e background socioeconomico. Agendo su questi tre ambiti prioritari, Smile - dice Ester Cois, prorettrice per l'Uguaglianza di genere e responsabile scientifica del progetto - intende promuovere l’inclusività nelle università. Un obiettivo che punta a supportare studenti e studentesse in situazioni di svantaggio per ragioni di appartenenza etnica, di connotazione di genere, di condizioni socioeconomiche di partenza, promuovendo la partecipazione, i progressi e i risultati accademici". Ovvero, un bersaglio di pregio in tempi che necessitano di condivisione, saperi e coraggio.

 

Ester Cois, impegno a 360 gradi per la prorettrice dell'Uguaglianza di genere dell'ateneo del capoluogo
Ester Cois, impegno a 360 gradi per la prorettrice dell'Uguaglianza di genere dell'ateneo del capoluogo

Lo sguardo, le idee, il buon senso e le attività che vanno oltre stereotipi e luoghi comuni

L'Università di Cagliari partecipa come partner al progetto con il dipartimento di Scienze politiche e sociali (facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche) in un ambito tematico specifico denominato “Women in Leadership in Higher Education”. Il progetto coordinato dalla professoressa Cois, ricercatrice in Sociologia dell’ambiente e territorio, "si inserisce nel solco delle iniziative istituzionali promosse dal rettore e dalla governance d’ateneo per la promozione dell’inclusione e della parità di genere". In sostanza, una marcia e una visione preziosa. Un obiettivo didattico e di ricerca che coinvolge docenti, studentesse e studenti. Impegno, conoscenze e motivazioni per un domani ricco di uguaglianze basato sul rispetto delle persone e dei diritti sociali e civili.

 

Formazione continua universitaria e una squadra che gioca senza confini
Formazione continua universitaria e una squadra che gioca senza confini

Smile, dalle situazioni di svantaggio alla valutazione dell'efficacia delle misure adottate.

I lavori si sono aperti lo scorso dicembre e andranno avanti fino al novembre del 2023. "Le attività previste da Smile nel corso del triennio, comprendono una fase di ricerca per dare conto delle situazioni di svantaggio presenti in ambito universitario e proporre strategie operative per superarle. La predisposizione, su questa base, di un modello di audit sulla diversità che possa essere usato dagli organi di governo universitario per valutare l’efficacia delle proprie misure. Inoltre - rimarca Ester Cois - si lavora sull’organizzazione di workshop su questi temi per i membri dello staff delle istituzioni di formazione superiore, la definizione di un piano di azioni basato su raccomandazioni condivise tra i partner del network europeo in termini di indirizzi di policy per leader istituzionali e decision-makers".

 

Un'immagine tratta dal sito del dipartimento di Scienze politiche e sociali
Un'immagine tratta dal sito del dipartimento di Scienze politiche e sociali

Sinergia, confronto e condivisione tra sei atenei e quattro organizzazioni europee

Al progetto Smile prendono parte sei università europee distribuite tra Germania, Irlanda, Italia, Finlandia, Malta e Romania. In campo anche quattro organizzazioni della società civile operanti in Belgio e in Spagna, sotto il coordinamento generale di Eucen. Nel dettaglio, i partner sono la Johannes Gutenberg University (Danimarca), Maynooth University (Irlanda), Turku University (Finlandia), University of Malta (Malta), Università di Cagliari, Technical University of Iasi (Romania), Fundacio Solidaritat UB (Spagna), Notus (Spagna) e European Students’Union (Unione Europea) 

Informazioni. Il sito web di Smile è consultabile al link: http://smile.eucen.eu. Aggiornamenti e contenuti utili verranno condivisi su Facebook, Twitter e Linkedin di Inclusive Europe: @inclusive.eu; Inclusive Europe group; @EuropeInclusive

Tematiche precise e di rapida attuazione: il progetto si chiude nel 2023
Tematiche precise e di rapida attuazione: il progetto si chiude nel 2023

Last news

20 January 2022

Ricerca, tra sostenibilità, pratiche e materiali innovativi in edilizia

Domani pomeriggio, la quarta conferenza curata dai ricercatori del Dicaar inquadra le dinamiche inerenti il settore delle costruzioni. Dalla riduzione dei consumi ad approcci sistemici e multidisciplinari passando per modelli circolari ed emissioni climateranti. All’evento prendono parte specialisti ed esperti di atenei d’oltre Tirreno. I lavori si possono seguire in diretta streaming

20 January 2022

Un accordo con l’Istituto Giua

Siglata dal Rettore Francesco Mola e dalla Dirigente Romina Lai una convenzione che punta a creare un rapporto di stabile collaborazione per costituire un polo strategico in grado di potenziare l’attività didattica, di formazione, orientamento e ricerca. Si rafforza il rapporto con il mondo dell’istruzione

20 January 2022

Giustizia smart, in campo l’Università di Cagliari

Coinvolge i docenti di tre dipartimenti dell’Ateneo del capoluogo sardo uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla Direzione generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del Ministero della Giustizia nell’ambito del bando per “la diffusione dell’Ufficio per il Processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato”. In campo Giurisprudenza, Scienze economiche e aziendali e Ingegneria elettrica ed elettronica

Questionnaire and social

Share on: